Fashion TV

Fashion TV
Logo dell'emittente
Stato Francia Francia
Lingua inglese
Tipo tematico
Target giovani, adulti
Versioni Fashion TV 576i (SDTV)
(data di lancio: 1997)
Fashion TV HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: )
FTVUHD.COM 2160p (4K)
(data di lancio: 24 settembre 2017)
Editore Michel Adam Lisowski
Sito FTV.com
Diffusione
Satellite
Foxtel

Fashion TV ( - )
- -
canale 123
Cyfra+

Fashion TV ( - )
- -
canale 63
Tivùsat

Fashion TV ( - )
- -
canale 58
Tivùsat

FTVUHD.COM ( - )
- -
canale 289 4K
Sky

Fashion TV ( - )
- -
canale 489

Fashion TV è un canale televisivo satellitare internazionale specializzato nella moda[1].

Fondata in Francia nel 1997 dal presidente Michel Adam Lisowski, Fashion TV è diventata una delle reti satellitari maggiormente diffuse nel mondo: è trasmessa attraverso 31 satelliti e 2.000 operatori televisivi via cavo, con un totale di 300 milioni di abitazioni che la ricevono in 202 paesi distribuiti nei cinque continenti[2].

In Italia è presente sugli Sky Box al canale 489 e su Tivùsat al canale 58. Inoltre è ricevibile in chiaro con qualsiasi decoder satellitare digitale.

Dal 24 settembre 2017 partono ufficialmente le trasmissioni in Ultra HD al canale 289 di Tivùsat[3][4].

NoteModifica

  1. ^ admin, Palinsesto del canale Fashion TV di Sat.tv, su Sat.tv. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  2. ^ Mauro Scarpellini, Fashion Tv, un business model unico ma differenziato, su Millecanali, 4 novembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  3. ^ FASHION TV ARRIVA SU TIVUSAT IN 4K, su www.tivusat.tv. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  4. ^ FashionNetwork.com, FashionTV lancia canale in chiaro tramite ASTRA 19,2, su FashionNetwork.com. URL consultato il 12 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su ftv.com.
  • FTV Italia, su fashiontvitaliaofficial.it.
  • FTV Arabia, su ftvarabia.com. URL consultato l'11 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2018).
  • FTV Giappone, su fashiontv.jp.
  • FTV America Latina, su ftvla.com.
  • FTV Lituania, su ftv.lt. URL consultato il 3 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2007).
  • FTV Polonia, su ftv.pl.
  • FTV Pakistan, su ftvpakistan.tv. URL consultato il 2 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2010).
Controllo di autoritàVIAF (EN1239145857118122922105 · LCCN (ENno2016030917 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016030917