Fayṣal bin Bandar Āl Saʿūd

principe e politico saudita
Fayṣal bin Bandar Āl Saʿūd
Faisal bin Bandar bin Abdulaziz.jpg
Principe dell'Arabia Saudita
Stemma
Nome completo Fayṣal bin Bandar bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd
Nascita 1943
Dinastia Dinastia Saudita
Padre Bandar bin Abd al-Aziz Al Sa'ud
Madre Wasmiyah bint Abdul Rahman Al Mu'ammar
Consorte Nura bint Muhammad bin Saud Al Abdul Rahman
Figli Principe Muhammad
Principe Bandar
Principessa Sara
Principe Mishail
Religione Musulmano sunnita
Fayṣal bin Bandar Āl Saʿūd
Faisal bin Bandar bin Abdulaziz.jpg

Governatore della provincia di Riyad
In carica
Inizio mandato 29 gennaio 2015
Monarca Re Salman
Predecessore Turki bin Abd Allah Al Sa'ud

Governatore della provincia di al-Qasim
Durata mandato maggio 1992 –
29 gennaio 2015
Monarca Re Fahd
Re Abd Allah
Re Salman
Predecessore 'Abd al-Ilah bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud
Successore Faysal bin Mishaal Al Sa'ud

Vice Governatore della Provincia di Asir
Durata mandato maggio 1981 –
maggio 1992
Monarca Re Khalid
Re Fahd
Predecessore ?
Successore ?

Assistente Vice Governatore della Provincia di Asir
Durata mandato 1978 –
maggio 1981
Monarca Re Khalid
Predecessore ?
Successore ?

Dati generali
Università Università Re Sa'ud

Fayṣal bin Bandar Āl Saʿūd (in arabo: فيصل بن بندر بن عبد العزيز ال سعود‎; 1943) è un principe e politico saudita, membro della famiglia reale Āl Saʿūd.

Primi anni di vita e formazioneModifica

Il principe Faysal è nato nel 1943, figlio maggiore del principe Bandar. Sua madre è Wasmiyah bint Abdul Rahman Al Mu'ammar.[1] Il fratello Mansour è ufficiale dell'Aeronautica militare.[2] Nel 1969 ha ottenuto un Bachelor of Arts in storia presso l'Università Re Sa'ud.[3]

CarrieraModifica

Faysal bin Bandar in gioventù è stato ufficiale militare.[4] Nel 1970, è diventato direttore del dipartimento di organizzazione e gestione del Ministero della Difesa e dell'Aviazione.[3] Nel 1974, ha cominciato a servire come direttore del dipartimento di formazione della comunicazione dello stesso dicastero.[3] Dal 1978 al 1981 è stato vice governatore assistente della Provincia di Asir.[3] Nel maggio 1981 è stato nominato vice governatore della stessa provincia.[3][4] È stato governatore della provincia di al-Qasim dal 1992 [3][5] al 29 gennaio 2015, quando è stato nominato governatore della provincia di Riyad,[6] in sostituzione del principe Turki bin Abd Allah.[6] Faysal bin Mishaal bin Sa'ud Al Sa'ud è diventato governatore della Provincia di Al-Qasim lo stesso giorno.[6]

AlleanzeModifica

Il principe Faysal era considerato vicino al defunto re Abd Allah.[7]

AltriModifica

Faysal bin Bandar è membro del Consiglio di Fedeltà dalla sua costituzione nel 2007.[8]

Vita personaleModifica

Il principe è sposato con Nura bint Muhammad bin Saud Al Abdul Rahman e ha quattro figli: Muhammad, Bandar, Sara e Mishail.[1] Muhammad è ufficiale militare e pilota di jet dell'aeronautica militare.[9]

NoteModifica

  1. ^ a b Royal Family Directory, su Datarabia. URL consultato il 10 agosto 2012.
  2. ^ Joseph A Kechichian, Succession in Saudi Arabia, Palgrave, 2001.
  3. ^ a b c d e f Sharaf Sabri, The House of Saud in commerce: A study of royal entrepreneurship in Saudi Arabia., New Delhi, I.S. Publications, 2001, ISBN 81-901254-0-0.
  4. ^ a b The role of Saudi Princes in uniform, su Wikileaks, 27 maggio 1985. URL consultato il 25 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2011).
  5. ^ Royal Decrees on senior governmental appointments issued, in Saudia Online, 24 maggio 2001. URL consultato il 20 maggio 2012.
  6. ^ a b c King Salman makes appointments, in Royal Embassy, Washington DC, 29 gennaio 2015. URL consultato il 1º febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2015).
  7. ^ Cable reference id: #09RIYADH393, su Wikileaks, 2009. URL consultato il 6 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2012).
  8. ^ King Abdullah names members of the Allegiance Commission, su saudiembassy.net, 10 dicembre 2007. URL consultato il 20 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2012).
  9. ^ Abdulateef Al Mulhim, Fighter Jets and Sword Dances, in Arab News, 29 giugno 2012. URL consultato il 14 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).

Altri progettiModifica