Faye Dunaway

attrice statunitense

Dorothy Faye Dunaway (Bascom, 14 gennaio 1941) è un'attrice statunitense Nel 2011 il governo francese le ha conferito l'onorificenza di Ufficiale dell'Ordine, delle Arti e delle Lettere.

Faye Dunaway nel 2016
Statuetta dell'Oscar Oscar alla miglior attrice 1977

Ritenuta una delle migliori attrici della sua generazione,[1] nella sua longeva carriera ha vinto un Oscar, per la sua magistrale interpretazione in Quinto Potere, tre Golden Globe, un BAFTA ed un Emmy.

Ha ricevuto inoltre la propria stella sulla Hollywood Walk of Fame, al numero 7021 di Hollywood Boulevard.[2]

BiografiaModifica

Figlia di un militare dell'esercito degli Stati Uniti, Faye Dunaway nacque in Florida, ma crescendo si spostò più volte con la famiglia seguendo il padre nelle sue assegnazioni. Studiò recitazione all'Università di Boston, poi si trasferì a New York per lavorare al Lincoln Center Repertory Theater, dove fu allieva di Elia Kazan. Fece il suo esordio a Broadway nella produzione di A Man for All Seasons (Un uomo per tutte le stagioni) di Robert Bolt, in cartellone dal 1961 al 1963, come sostituta dell'attrice che interpretava la figlia di Tommaso Moro.

Dopo alcuni lavori a Broadway e una parte in E venne la notte di Otto Preminger, nel 1966 venne scritturata da Elliot Silverstein per il film Cominciò per gioco, dove recitò con Anthony Quinn. Successivamente Arthur Penn la volle per il film Gangster Story, ispirato alla storia di Bonnie e Clyde, con Warren Beatty e Gene Hackman. Per la sua interpretazione di Bonnie ricevette una nomination all'Oscar come migliore attrice protagonista.

La sua bellezza altera e il suo talento la fecero presto divenire una delle attrici più popolari degli anni sessanta e settanta, impegnata al ritmo di due o più film all'anno a fianco di altre star del momento. Dopo aver duettato con Jane Fonda in E venne la notte e con Steve McQueen in Il caso Thomas Crown, nel 1968 Faye Dunaway lasciò temporaneamente Hollywood per l'Italia, dove girò Amanti diretto da Vittorio De Sica. Sul set iniziò una relazione con il collega Marcello Mastroianni, che si concluse dopo tre anni. Tornata a Hollywood, dopo aver lavorato per Kazan in Il compromesso con Kirk Douglas, fu la peccaminosa Louise Pendrake nel capolavoro di Penn Il piccolo grande uomo (1970) con Dustin Hoffman.

Dopo alcuni film di genere diverso e di diseguale valore, tornò al fulgore con Chinatown (1974), per cui ottenne la seconda nomination all'Oscar, e L'inferno di cristallo (1974), diretta da John Guillermin e attorniata da un cast comprendente nomi del calibro di Paul Newman, Steve McQueen, William Holden, Fred Astaire, Jennifer Jones e Robert Wagner. Dopo il thriller di Sydney Pollack I tre giorni del Condor (1975) con Robert Redford, Dunaway fu diretta da Sidney Lumet in Quinto potere, film sugli abusi della cronaca che le fece vincere il Golden Globe e l'Oscar alla miglior attrice nel 1977. Seguirono La nave dei dannati (1976), Occhi di Laura Mars (1978), Il campione (1979) e Mammina cara (1981), in cui diede un efficace e agghiacciante ritratto di Joan Crawford.

Negli anni ottanta rallentò l'attività cinematografica e si dedicò anche al teatro e alla televisione, apparendo in alcuni episodi del serial Il tenente Colombo e impersonando la regina Isabella di Castiglia nello sceneggiato Cristoforo Colombo di quattro puntate diretto da Alberto Lattuada. In Italia lavorò anche nel film di Carlo Vanzina La partita e con Lina Wertmüller ne In una notte di chiaro di luna entrambi del 1988.

Negli anni novanta tornò alla ribalta grazie a Emir Kusturica che la fece duettare con Jerry Lewis e Johnny Depp in Il valzer del pesce freccia (1993). Dopo il fiasco di Drunks, fu accanto a Marlon Brando in Don Juan De Marco - Maestro d'amore (1995), poi interpretò il ruolo di un'alcolista in L'ultimo appello. Nel 1999 fece un cameo in Giovanna d'Arco di Luc Besson.

Nel 2002 ebbe un ruolo nel film Le regole dell'attrazione mentre nel 2006 prese parte ad un episodio della serie tv CSI - Scena del crimine; lo stesso anno fu co-protagonista nel thriller drammatico Say It in Russian e partecipò al film La rabbia (2008) di Louis Nero. Nel 2007 invece, al fianco di Tiffani Thiessen ed Eric Roberts, ha interpretato nella miniserie drammatica Pandemic - Il virus della marea il ruolo del governatore di Los Angeles.

Ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame. Tuttavia, oltre ai riconoscimenti ottenuti nel corso della sua carriera, Faye Dunaway annovera anche due Razzie Awards come peggiore attrice: uno nel 1981 per la sua interpretazione di Joan Crawford in Mammina cara ed uno nel 1993 per Maledetta ambizione. Ha recitato anche in Grey's Anatomy nel ruolo di un chirurgo (5ª stagione, 16º episodio).

Vita privataModifica

 
L'attrice nel 1967 in Gangster Story (Bonnie and Clyde) di Arthur Penn

Si è sposata due volte: prima dal 1974 al 1979 con Peter Wolf e poi dal 1983 al 1987 con Terry O'Neil, con cui ha avuto un figlio, Liam (1980).

Ha anche avuto altre relazioni, tra cui il comico Lenny Bruce e il regista Jerry Schatzberg negli anni sessanta; è anche nota per aver avuto una breve ma intensa relazione con Marcello Mastroianni dal 1968 al 1970, dopo che si erano conosciuti sul set di Amanti.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

TeatroModifica

RiconoscimentiModifica

Premio Oscar
Anno Titolo Categoria Risultato
1968 Gangster Story Migliore attrice protagonista Candidato/a
1975 Chinatown Migliore attrice protagonista Candidato/a
1977 Quinto potere Migliore attrice protagonista Vincitore/trice
British Academy Film Award
Anno Titolo Categoria Risultato
1968 Gangster Story e E venne la notte Migliore attore o attrice debuttante Vincitore/trice
1975 Chinatown Migliore attrice protagonista Candidato/a
1978 Quinto potere Migliore attrice protagonista Candidato/a
David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
1968 Gangster Story Migliore attrice straniera Vincitore/trice
1977 Quinto potere Migliore attrice straniera Vincitore/trice
New York Film Critics Circle Awards
Anno Titolo Categoria Risultato
1977 Quinto potere Migliore attrice protagonista Candidato/a
1981 Mammina cara Migliore attrice protagonista Candidato/a

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Faye Dunaway è stata doppiata da:

NoteModifica

  1. ^ Faye Dunaway, gli 80 anni dell'attrice premio Oscar, su Wondernet Magazine, 14 gennaio 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  2. ^ Faye Dunaway during Faye Dunaway Honored with a Star on the Hollywood..., su Getty Images. URL consultato il 28 agosto 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN116614323 · ISNI (EN0000 0001 1455 6649 · LCCN (ENn86140899 · GND (DE118828525 · BNF (FRcb125385456 (data) · BNE (ESXX1053547 (data) · ULAN (EN500341548 · NDL (ENJA00620605 · WorldCat Identities (ENlccn-n86140899