Apri il menu principale
Organizzazione Sindacale
SegretarioFrancesco Sinopoli
StatoItalia Italia
Fondazione2004
SedeVia Leopoldo Serra, 31 - 00153 Roma
AbbreviazioneFLC CGIL
Ideologiasinistra (indipendente dai partiti)
Iscritti191.901 (2009)
Sito web

La Federazione lavoratori della conoscenza (FLC CGIL) è un'organizzazione della CGIL che opera nei settori dell'educazione, dell'istruzione, della formazione e della ricerca.

I comparti contrattuali organizzati sono le Accademie e i Conservatori, la formazione professionale, la ricerca, la Scuola (statale, non statale, all'estero) e l'Università. L'attuale segretario nazionale è Francesco Sinopoli. Contava 191.901 iscritti al 31 dicembre 2009 di cui 173.993 dipendenti del comparto scuola[1].

Indice

StoriaModifica

La FLC è nata con una delibera del direttivo nazionale della CGIL nel luglio del 2003. Nell'aprile del 2004 i direttivi nazionali dei sindacati CGIL scuola, che associa i lavoratori del comparto scuola, e dello SNUR CGIL, che associa i lavoratori dell'università e della ricerca, danno vita alla FLC nella sua fisionomia di federazione di II livello, cioè non di natura congressuale.

Nel febbraio 2006 viene celebrato il I Congresso nazionale, i cui lavori iniziano a Trieste per concludersi a Portorose (Slovenia), e la FLC inizia la propria attività come Federazione di carattere congressuale. Il primo segretario dalla fondazione all'Ottobre del 2008 è stato Enrico Panini, che ha lasciato la segreteria di categoria per entrare nella segreteria nazionale confederale.

Ricostruiamo l'ItaliaModifica

"Ricostruiamo l'Italia" è un movimento voluto dal FLC CGIL (Federazione Lavoratori della Conoscenza), a dar voce a questo movimento sono Susanna Camusso, e Domenico Pantaleo. Le serate per la promozione di tale movimento si sono svolte a Roma con la conduzione di Serena Dandini e Dario Vergassola, gli artisti che hanno aderito sono Fiorella Mannoia, Noemi, Max Paiella, l'Orchestraccia, I Serissimi e Sergio Staino[2][3][4].

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica