Federico Carlo d'Assia-Kassel

sovrano
Carlo I di Finlandia
Hessenin prnssi Friedrich Karl - Prince Frederick Charles of Hesse.jpg
Federico Carlo in una fotografia del 1917 circa
Re di Finlandia e Carelia
Stemma
In carica 9 ottobre 1918 –
14 dicembre 1918
Predecessore Nicola II di Russia come Granduca di Finlandia
Successore titolo abolito
Nome completo (DE) Friedrich Karl Ludwig Konstantin
Altri titoli Capo del Casato d'Assia-Kassel
Duca delle Åland
Gran Principe di Lapponia
Signore di Kaleva e della Pohjola
Nascita GutPanker, Plön, Prussia, 1º maggio 1868
Morte Kassel, Germania, 28 maggio 1940
Casa reale Assia-Kassel
Padre Federico Guglielmo d'Assia-Kassel
Madre Anna di Prussia
Consorte Margherita di Prussia
Figli Federico Guglielmo
Massimiliano
Filippo
Volfango
Cristoforo
Riccardo
Religione Luteranesimo

Federico Carlo Luigi Costantino d'Assia-Kassel (Gut Panker, 1º maggio 1868Kassel, 28 maggio 1940) è stato principe e langravio d'Assia-Kassel. Cognato dell'imperatore tedesco Guglielmo II, venne eletto re di Finlandia e Carelia il 9 ottobre 1918 con il nome di Carlo I; abdicò alla corona finlandese il 14 dicembre del 1918, senza mai averne preso effettivamente possesso.

BiografiaModifica

Primi anniModifica

 
Il principe Federico Carlo d'Assia-Kassel in un ritratto del 1892 ad opera di Hans Thoma.

Federico nacque nel castello di famiglia, Gut Panker, nel distretto di Plön, nell'Holstein, figlio terzogenito del principe Federico Guglielmo d'Assia-Kassel e di sua moglie, la principessa Anna di Prussia, figlia a sua volta del principe Carlo di Prussia e della principessa Maria di Sassonia-Weimar-Eisenach. Il padre, Federico, ufficiale dell'esercito danese, fu il più sostenuto tra i candidati di Cristiano VIII di Danimarca nel 1840 per succedergli nel trono danese all'estinzione della linea maschile, ma rinunciò ai suoi diritti al trono nel 1851 in favore della propria sorella, Luisa d'Assia-Kassel. Federico infatti, pur non essendo fisicamente nato in territorio danese, aveva acquisito la cittadinanza in tenera età e in Danimarca aveva trascorso tutta la sua infanzia, ma nel 1875, quando si estinse la linea degli Assia-Kassel, egli si spostò nel nord della Germania, dove avevano sede i territori di famiglia.

Diciotto giorni dopo la sua nascita, sua cugina di primo grado, Dagmar di Danimarca, figlia di sua zia, la regina Luisa di Danimarca, diede alla luce a San Pietroburgo Nicola II di Russia, che fu tra gli altri titoli anche re di Finlandia dal 1894 al 1917.

Il trono finlandeseModifica

 
Disegno della corona pianificata di Finlandia.

La Finlandia aveva dichiarato la propria indipendenza dalla Russia il 6 dicembre, 1917, accendendo un dibattito nello stato stesso al fine di decidere se la Finlandia dovesse rimanere una monarchia o diventare una repubblica. Al tempo della dichiarazione d'indipendenza, i monarchici finlandesi erano una fazione minoritaria dell'Eduskunta (Parlamento), e la questione della forma di governo venne rinviata alla fine del conflitto. Dopo una guerra civile e dopo che il partito socialdemocratico venne escluso dall'Eduskunta, Federico venne eletto al trono del Regno di Finlandia il 9 ottobre 1918.

La Lituania, che fu presa a modello dalla Finlandia, nel luglio 1918 elesse Guglielmo Carlo, duca di Urach e conte di Württemberg come re Mindaugas II di Lituania. Lettonia e Estonia formarono invece un'"Assemblea Generale delle Province" consistente degli aristocratici tedeschi dell'area baltica sotto la protezione dell'imperatore Guglielmo II al fine di riconoscere l'area come provincia sotto protettorato tedesco. Di conseguenza Adolfo Federico, Duca di Meclemburgo-Schwerin venne nominato Duca "del Ducato Unito dei Paesi Baltici".

La Finlandia, come del resto i paesi baltici, avevano all'inizio stretti rapporti con la Germania. Essa era difatti l'unica potenza internazionale che aveva supportato l'indipendenza di queste nazioni attraverso le Truppe di Cacciatori Finlandesi. La Germania era inoltre intervenuta nella guerra civile per risolvere la situazione. La vicinanza della Finlandia alle posizioni della Germania divenne più palese con il protettorato del 1918 e con l'elezione di Federico Carlo d'Assia-Kassel, cognato dell'Imperatore, a re di Finlandia.

L'adozione di una nuova costituzione monarchica venne basata su quella del 1772, adottata sotto il re Gustavo III di Svezia, quando la Finlandia era parte della Svezia. Lo stesso documento era del resto già stato il modello fondante del Granducato di Finlandia instaurato dagli zar russi nel XIX sec.

Federico Carlo assunse il nome di Carlo I ed i titoli di Re di Finlandia e Carelia, Duca delle Åland, Gran Principe di Lapponia, Signore di Kaleva e della Pohjola, anche se secondo la tradizione avrebbe dovuto assumere il nome di Väinö I, nome con cui veniva presentato dalla stampa satirica dell'epoca.

L'11 novembre 1918 venne firmato l'armistizio tra le varie fazioni della Prima guerra mondiale, e due giorni dopo Guglielmo II abdicò e la Germania intera venne dichiarata una repubblica. Alla sconfitta della Germania nella Grande Guerra, nessuno degli alleati vincitori avrebbe tollerato la presenza di Federico Carlo sul trono del Regno di Finlandia e venne perciò concordata la rinuncia al trono per il 14 dicembre 1918. Nel 1925 la Finlandia adottò una costituzione repubblicana.

Ultimi anniModifica

Il langravio Alessandro d'Assia-Kassel abdicò il 15 marzo 1925 dal titolo di capo della casa d'Assia e come tale Federico Carlo gli succedette. Alla morte di Federico Carlo gli succedette il figlio maggiore, Filippo. Ad ogni modo, secondo documenti d'epoca, il successore di Federico Carlo al trono finlandese avrebbe dovuto essere il suo figlio secondogenito, il principe Volfango d'Assia-Kassel (1896–1989), e Filippo teneva il titolo di capo della casa d'Assia. Wolfgang era coi suoi genitori nel 1918, pronto a partire alla volta della Finlandia, dove era stato organizzato un matrimonio con una nobildonna finlandese, al fine di ufficializzarlo principe ereditario. Filippo a quel tempo era impegnato sul fronte.

Matrimonio e figliModifica

 
Federico Carlo d'Assia-Kassel e la moglie, la principessa Margherita di Prussia in una litografia realizzata in occasione del loro matrimonio

Il 25 gennaio 1893 Federico sposò la principessa Margherita di Prussia, la figlia minore di Federico III di Germania e di Vittoria d'Inghilterra, figlia maggiore della regina Vittoria di Gran Bretagna e del di lei consorte Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha. Da questo matrimonio nacquero i seguenti figli:

Albero genealogicoModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico d'Assia-Kassel Federico II d'Assia-Kassel  
 
Maria di Hannover  
Guglielmo d'Assia-Kassel  
Carolina di Nassau-Usingen Carlo Guglielmo di Nassau-Usingen  
 
Carolina Felicita di Leiningen-Dagsburg  
Federico Guglielmo d'Assia-Kassel  
Federico di Danimarca Federico V di Danimarca  
 
Giuliana Maria di Brunswick-Lüneburg  
Luisa Carlotta di Danimarca  
Sofia Federica di Meclemburgo-Schwerin Luigi di Meclemburgo-Schwerin  
 
Carlotta Sofia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
Federico Carlo d'Assia-Kassel  
Federico Guglielmo III di Prussia Federico Guglielmo II di Prussia  
 
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt  
Carlo di Prussia  
Luisa di Meclemburgo-Strelitz Carlo II di Meclemburgo-Strelitz  
 
Federica d'Assia-Darmstadt  
Anna di Prussia  
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach  
 
Luisa Augusta d'Assia-Darmstadt  
Maria di Sassonia-Weimar-Eisenach  
Marija Pavlovna Romanova Paolo I di Russia  
 
Sofia Dorotea di Württemberg  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (R.E., Danimarca)
— 24 giugno 1895
  Cavaliere dell'Ordine del Leone di Norvegia
— 21 gennaio 1904
  Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Regno di Prussia)
  Cavaliere gran croce onorario dell'Onorevolissimo Ordine del Bagno (GCB hon., Regno Unito)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN55029124 · ISNI (EN0000 0000 1231 2571 · LCCN (ENn2015012789 · GND (DE122424417 · WorldCat Identities (ENlccn-n2015012789