Federico III di Lotaringia

Federico III
Duca dell'Alta Lorena (Lotaringia)
In carica 1027 - 1033
Predecessore Teodorico I
Successore Gothelo I
Conte di Bar
In carica 1027 –
1033
Predecessore Teodorico I
Successore Sofia
Nome completo Federico di Lorena e di Bar
Nascita 1017 circa
Morte 22 maggio 1033
Sepoltura abbazia di Saint-Mihiel
Padre Federico II
Madre Matilde di Svevia
Religione cattolico

Federico III di Lotaringia o di Lorena o di Bar (1017 circa – 22 maggio 1033) fu Conte di Bar e Duca di Lotaringia, dal 1027 alla sua morte.

OrigineModifica

Secondo i Documents et mémoire pour server à l´histoire du territoire de Belfort (non consultati) era il figlio primogenito dell'erede della Contea di Bar e Ducato dell'Alta Lorena (Lotaringia), Federico II[1] e di Matilde di Svevia (moglie di Federico II, secondo il Alberti Miliolo Notarii Regini Liber de Temporibus, De Gestis comitisse Matildis suorumque antecessorum[2]) (988–1031), che era figlia di Ermanno II, Duca di Svevia, e di Gerberga di Borgogna († 1018, come ci viene confermato dal Wiponis, Vita Chuonradi II Imperatoris[3]) ed era cognata del re di Germania di Corrado II, che aveva sposato sua sorella, Gisella di Svevia, come risulta dal Chronicon Sancti Michælis, monasterii in pago Virdunensi[4].
Federico II di Lotaringia, secondo le Laurentii Gesta Episcoporum Virdunensium era il figlio primogenito del Conte di Bar e poi Duca dell'Alta Lorena (Lotaringia), Teodorico I[5] e di Richilde di Bliesgau (moglie di Teodorico dal 985[6], figlia di Folmar I Conte Lunéville e Metz e di Berta di cui non si conoscono gli ascendenti[7].

BiografiaModifica

Sua madre, Matilde, nel 1016, al momento del matrimonio con suo padre Federico, era vedova di Corrado I di Carinzia, come ci viene confermato dal Thietmari Merseburgensis episcopi chronicon[8].

Secondo lo storico, Georges Poull, nel suo libro La Maison souveraine et ducale de Bar (1994) (non consultato), suo padre, Federico II, nel 1019, fu associato nella reggenza del ducato dal nonno, Teodorico I[9], ed è per questo che viene annoverato come Duca dell'Alta Lorena (Lotaringia) e Conte di Bar, anche se, sempre il Poul sostiene che non fosse ufficialmente investito dei titoli[9].

Alla morte dell'imperatore del Sacro Romano Impero, Enrico II, nel 1024, Teodorico I e Federico II si opposero fervidamente all'elezione a re di Germania di Corrado II[10], rifiutando di riconoscerlo, anche perché l'antagonista di Corrado II il Salico per l'incoronazione a re di Germania era stato il fratellastro di Federico III, Corrado II di Carinzia, figlio di primo letto di sua madre, Matilde di Svevia.

Secondo le Laurentii Gesta Episcoporum Virdunensium suo padre, Federico II morì prima del nonno, Teodorico I[5]; secondo le Die älteren Urkunden des Klosters S. Vanne zu Verdun (non consultate), Federico morì il 18 maggio 1026[1], mentre il padre, Teodorico, secondo le Obits mémorables tirés de nécrologes luxembourgeois, rémois et messins (non consultate), morì circa un anno dopo, l'11 aprile 1027[6].
Ad entrambi succedette il rispettivamente figlio e nipote, Federico[6], come Federico III, prima affiancando il nonno e poi da solo.
Di Federico III non si hanno molte informazioni, come risulta dal Chronicon Sancti Michælis, monasterii in pago Virdunensi[11]; data la sua minor età, ebbe un reggente di cui non si conosce il nome, perché la madre, Matilde, dopo essere rimasta vedova per la seconda volta, si sposò, in terze nozze col conte Esico di Ballenstedt, come ci viene confermato dall'Annalista Saxo[12].

Di Federico si sa solo che morì in giovane età[4], e fu sepolto nell'abbazia di Saint-Mihiel, vicino a Verdun, mentre le sue due giovani sorelle, Sofia e Beatrice, sempre secondo il Chronicon Sancti Michælis, monasterii in pago Virdunensi furono educate dalla loro zia materna (Gisella di Svevia), moglie dell'Imperatore del Sacro Romano Impero, Corrado II[4], che le aveva adottate come proprie figlie[4].

Dopo la morte di Federico, secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium la contea di Bar andò alla sorella Sofia[13], mentre, secondo le Laurentii Gesta Episcoporum Virdunensium, il Ducato dell'Alta Lorena (Lotaringia) venne affidato a Gothelo I[5], già Duca della Bassa Lorena (Lotaringia).

DiscendenzaModifica

Di Federico non si conosce l'esistenza di un'eventuale moglie né di alcuna discendenza[1][14]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Foundation for Medieval Genealogy: nobiltà lotaringia - a) FREDERIC
  2. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXXI; Alberti Miliolo Notarii Regini Liber de Temporibus, De Gestis comitisse Matildis suorumque antecessorum, par. CLXI, Pag 435 Archiviato il 7 ottobre 2015 in Internet Archive.
  3. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XI; Wiponis, Vita Chuonradi II Imperatoris, par. 2, Pag 258 Archiviato il 30 gennaio 2019 in Internet Archive.
  4. ^ a b c d (LA) Monumenta germanica Historica, tomus IV; Chronicon Sancti Michælis, monasterii in pago Virdunensi, par. 32, Pag 84 Archiviato il 30 gennaio 2019 in Internet Archive.
  5. ^ a b c (LA) Monumenta germanica Historica, tomus X; Laurentii Gesta Episcoporum Virdunensium, par. 2, Pag 492 Archiviato il 6 ottobre 2015 in Internet Archive.
  6. ^ a b c (EN) Foundation for Medieval Genealogy: nobiltà lotaringia - THIERRY
  7. ^ (EN) Foundation for Medieval Genealogy: nobiltà lotaringia - FOLMAR III
  8. ^ (LA) Thietmari Merseburgensis episcopi chronicon, liber V, par. 12, Pag 234
  9. ^ a b (EN) Foundation for Medieval Genealogy: nobiltà lotaringia - FREDERIC
  10. ^ Austin Lane Poole, L'imperatore Corrado II, pag. 171
  11. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus IV; Chronicon Sancti Michælis, monasterii in pago Virdunensi, par. 32, Pag 84, nota 20 Archiviato il 30 gennaio 2019 in Internet Archive.
  12. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXXVII; Annalista Saxo, par. 32, Pag 363 Archiviato il 7 ottobre 2015 in Internet Archive.
  13. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1033, Pag 784 Archiviato il 28 gennaio 2019 in Internet Archive.
  14. ^ (EN) Genealogy: The Luxemburg family - Frederick III

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

  • Austin Lane Poole, Germania: Enrico I e Ottone il Grande, in «Storia del mondo medievale», vol. IV, 1999, pp. 84–111

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81212156 · GND (DE136953301 · CERL cnp01159701