Apri il menu principale
Federico Ulrico di Brunswick-Lüneburg

Federico Ulrico di Brunswick-Lüneburg (Wolfenbüttel, 5 aprile 1591Brunswick, 11 agosto 1634) fu duca di Brunswick-Lüneburg e principe di Wolfenbüttel dal 1613 alla sua morte.

BiografiaModifica

Era figlio di Enrico Giulio di Brunswick-Lüneburg e Elisabetta di Danimarca. Studiò all'Università di Helmstedt e all'Università di Tubinga, e divenne duca reggente alla morte del padre nel 1613. Nel 1615, Federico Ulrico venne coinvolto nella rivolta popolare della città di Brunswick, che si era mostrata riluttante a riconoscere la sua reggenza.

Tra il 1616 ed il 1622, venne di fatto deposto dalla madre, Elisabetta, salita al trono con l'aiuto del fratello, il Re Cristiano IV di Danimarca, a causa dei problemi di alcolismo del giovane duca; gli affari di governo furono guidati da Anton von Streithorst, il quale rovinò l'economia dello stato creando inflazione. A causa della pessima situazione dello stato, Cristiano ridiede il controllo della città nuovamente a Federico Ulrico. Con l'aiuto della nobiltà di stato, egli riottenne il controllo del governo..

A causa delle continue indecisioni e dell'indolenza di Federico Ulrico, Brunswick venne pesantemente provata dalla Guerra dei Trent'anni — dalle forze cattoliche di Giovanni di Tilly e di Gottfried Heinrich di Pappenheim e dalle forze protestanti di Cristiano di Danimarca e di Gustavo II Adolfo di Svezia. Il duca perse gran parte dei propri territori nell'ambito di questi scontri. Morì a seguito di una ferita nel 1634.

MatrimonioModifica

Federico Ulrico sposò Anna Sofia (1598-1659), figlia di Giovanni Sigismondo di Brandeburgo, nel 1614. La coppia non ebbe eredi. Federico Ulrico tentò di intavolare una causa di divorzio da Anna Sofia, ma egli morì prima che le pratiche venissero completate. Anna Sofia trascorse la propria vedovanza a Schöningen, dove egli fondò e rinnovò una scuola, l'Anna-Sophianeum.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24980796 · ISNI (EN0000 0000 5098 9698 · LCCN (ENnr89012605 · GND (DE102017433 · CERL cnp00251869 · WorldCat Identities (ENnr89-012605