Feliciano Perducca

calciatore argentino
Feliciano Perducca
Perducca.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 193?
Carriera
Giovanili
1916-1922Temperley
1922Independiente
Squadre di club1
1923-1927Temperley80 (37)
1926-1928Boca Alumni2 (1)[1]
1928Racing Club29 (19)
1932Talleres (RdE)1 (0)
1932Temperley? (?)
Nazionale
1925-1928Argentina Argentina5 (0)
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Argento Amsterdam 1928
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Feliciano Ángel Perducca (Buenos Aires, 9 giugno 190122 agosto 1976) è stato un calciatore argentino, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecnicheModifica

Giocava come interno, sia sul lato destro del campo che su quello sinistro.[2]

CarrieraModifica

ClubModifica

 
F. Perducca (1926).

Perducca divise la propria esperienza giovanile tra Temperley e Independiente: nel primo club entrò nel 1916, e vi rimase fino al 1922, giocando con la Cuarta División; nel 1922 passò all'Independiente, e integrò la formazione giovanile che vinse la Copa Competencia: in tale competizione, Perducca realizzò 32 reti, divenendone capocannoniere.[2] Rientrò quindi al Temperley, per giocare in prima squadra: esordì il 22 aprile 1923 contro il Platense Retiro, e segnò il primo gol alla 17ª giornata del torneo del 1924 contro l'Argentino de Quilmes.[2] Tra il 1926 e il 1928 figurava tra i tesserati del Boca Alumni, mentre nel 1927 concluse la sua esperienza con il Temperley.[2] Nel 1928 passò al Racing Club di Avellaneda, e vi disputò la seconda edizione della Primera División della AAAF; in quel torneo realizzò 19 gol. Nel 1932 partecipò alla stagione 1932 del campionato professionistico organizzato dalla Liga Argentina de Football; vestendo la divisa del Talleres di Remedios de Escalada scese in campo in un unico incontro.

NazionaleModifica

Perducca debuttò in Nazionale maggiore il 9 luglio 1925 contro il Paraguay, in una gara valida per la Copa Chevallier Boutell.[2] Nella medesima competizione disputerà poi altre due partite, il 29 maggio[3] e il 3 giugno 1926.[2] Fu convocato per il Campeonato Sudamericano del 1926, che si tenne in Cile: scese in campo il 31 ottobre nella gara con i padroni di casa, conclusasi 1-1.[4] Nel 1928 tornò a far parte dei convocati dell'Argentina: il commissario tecnico José Lago Millán lo chiamò per integrare la rosa dei partecipanti a Amsterdam 1928.[5] Perducca fu impiegato nella ripetizione della finale con l'Uruguay, persa dall'Argentina per 2-1.[2][3]

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
9-7-1925 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Paraguay Copa Rosa Chevallier Boutell 0
29-5-1926 Buenos Aires Argentina   2 – 1   Paraguay Copa Rosa Chevallier Boutell 0
3-6-1926 Buenos Aires Argentina   2 – 1   Paraguay Copa Rosa Chevallier Boutell 0
31-10-1926 Santiago del Cile Cile   1 – 1   Argentina Campeonato Sudamericano de Football 0
13-6-1928 Amsterdam Uruguay   2 – 1   Argentina Olimpiadi 1928 0
Totale Presenze 5 Reti 0

PalmarèsModifica

NazionaleModifica

Amsterdam 1928

NoteModifica

  1. ^ Dati relativi alla stagione 1926. Nel 1926 in Argentina si disputarono due campionati, organizzati da due federazioni diverse: AAF e AAm. Un calciatore poteva fare parte allo stesso tempo della rosa di una squadra della AAF e di una della AAm, e partecipare a entrambi i tornei.
  2. ^ a b c d e f g (ES) El legado de Perduca, gloriosogasolero.com. URL consultato il 22 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2013).
  3. ^ a b (EN) Feliciano A Perducca, 11v11.com. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  4. ^ (EN) Southamerican Championship 1926, RSSSF. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  5. ^ (EN) Olympic Football Tournament 1928 (National Squads), linguasport.com. URL consultato il 22 dicembre 2011.

BibliografiaModifica

  • (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy; Sergio Lodise, Fútbol argentino: Crónicas y Estadísticas Asociación Argentina de Football Primera División - 1926, estadisticasfutbolargentino.com, pp. 44 e 61.
  • (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy; Sergio Lodise, Fútbol argentino: Crónicas y Estadísticas Asociación Amateurs Argentina de Football Primera División - 1928, estadisticasfutbolargentino.com, p. 112.

Collegamenti esterniModifica