Felipe Caicedo

calciatore ecuadoriano

Felipe Salvador Caicedo Corozo (Guayaquil, 5 settembre 1988) è un calciatore ecuadoriano, attaccante dell'Abha.

Felipe Caicedo
Felipe Caicedo 2015.jpg
Caicedo con l'Espanyol nel 2015
Nazionalità Ecuador Ecuador
Altezza 183 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Abha
Carriera
Giovanili
2002-2004Barcelona SC
2004-2005Rocafuerte
2005-2006Basilea
Squadre di club1
2005-2006Basilea II1 (0)
2006-2008Basilea45 (11)
2008-2009Manchester City17 (4)
2009-2010Sporting Lisbona7 (0)
2010Malaga18 (4)
2010-2011Levante27 (13)
2011-2014Lokomotiv Mosca52 (11)
2014Al-Jazira9 (4)
2014-2017Espanyol93 (19)
2017-2021Lazio105 (28)
2021-2022Genoa9 (1)
2022Inter3 (0)
2022-Abha6 (1)
Nazionale
2005-2017Ecuador Ecuador68 (22)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 novembre 2022

BiografiaModifica

È sposato con l'impresaria di moda María García, conosciuta a Valencia ai tempi in cui militava nel Levante, da cui ha avuto la figlia Noa.[1]

Caratteristiche tecnicheModifica

È un centravanti mancino che possiede un fisico possente al quale unisce esplosività ed agilità. Capace di giocare anche da seconda punta poiché in possesso di una discreta tecnica di base.[1]

Soprannominato la Pantera per via della sua stazza e agilità,[2] la sua capacità di essere freddo e di segnare nei minuti finali di gara, in particolare poco prima o anche dopo il 90',[3][4] ha fatto sì che la stampa sportiva utilizzasse l'espressione "zona Caicedo", in analogia con la "zona Cesarini".[5]

CarrieraModifica

ClubModifica

BasileaModifica

Cresciuto calcisticamente nei club ecuadoriani del Barcelona SC e del Rocafuerte all'età di diciassette anni viene ingaggiato dal club svizzero del Basilea. L'esordio arriva il 10 settembre 2006 in occasione della vittoria casalinga, per 2-1, contro lo Zurigo. Il 1º ottobre successivo mette a segno la sua prima rete da professionista in occasione del secondo turno di Coppa Svizzera vinto, per 0-4, contro il Lugano. Il 28 maggio 2007 vince il suo primo titolo in carriera andando a vincere la Coppa Svizzera contro il Lucerna che viene superato per 1-0. Conclude la sua prima stagione da professionista con un bottino di 32 partite giocate e 9 reti messe a segno.

Il 16 agosto 2007 disputa la sua prima partita in Coppa UEFA nella vittoria, per 2-1, contro gli austriaci del Mattersburg andando a siglare anche la rete finale. Conclude l'esperienza in Svizzera con 61 presenze e 16 reti in un anno e mezzo.

Manchester City e i vari prestitiModifica

 
Caicedo, nel 2011, con la maglia del Levante.

Il 31 gennaio 2008 viene acquistato dagli inglesi del Manchester City per una cifra vicina ai 7 milioni di euro. L'esordio arriva in occasione del Derby di Manchester vinto, per 1-2, contro gli storici rivali del Manchester Utd andando a sostituire il compagno di squadra Benjani Mwaruwari a quindici minuti dalla fine della partita. Concluderà la sua prima stagione con la maglia dei Citizens con un totale di 9 presenze.

Nella stagione successiva, grazie all'arrivo del nuovo allenatore Mark Hughes, viene impiegato più spesso nell'arco della stagione. Il 14 agosto 2008 disputa la sua prima partita di Coppa UEFA con la maglia del City in occasione della sconfitta casalinga, per 0-1, contro i danesi del Midtjylland. Il 18 dicembre successivo mette a segno la sua prima rete con la maglia del Manchester City in occasione della partita di Coppa UEFA persa, per 3-1, contro gli spagnoli del Racing Santander. Il 26 dicembre successivo sigla la sua prima doppietta da professionista in occasione della vittoria casalinga, per 5-1, contro l'Hull City. Conclude la seconda stagione in Inghilterra con 25 presenze e 7 reti.

Il 23 luglio 2009 viene ceduto, a titolo temporaneo, ai portoghesi dello Sporting Lisbona.[6] L'esordio arriva il 4 agosto successivo in occasione del terzo turno di Champions League pareggiato, per 1-1, contro gli olandesi del Twente. Mentre il 22 agosto disputa la sua prima partita in Primeira Liga in occasione della sconfitta casalinga, per 1-2, contro il Braga. Dopo appena 11 presenze con la maglia dei lusitani a gennaio 2010 viene ceduto, sempre in prestito, agli spagnoli del Malaga con cui esordisce il 17 dello stesso mese in occasione della vittoria casalinga, per 1-0, contro il Getafe. Il 14 febbraio successivo mette a segno la sua prima rete in terra spagnola nella trasferta vinta, per 0-3, contro il Racing Santander. Conclude il prestito con un bottino di 18 presenze e 4 reti messe a segno.

A settembre 2010 viene ceduto, nuovamente in prestito, agli spagnoli del Levante. L'esordio arriva il 19 settembre in occasione della sconfitta casalinga, per 1-2, contro il Villarreal dove mette a segno anche l'unico gol dei suoi. Il 21 novembre successivo sigla la sua prima doppietta con indosso i colori rossoblu in occasione della vittoria casalinga, per 3-1, contro il Racing Santander. A fine stagione l'attaccante ecuadoriano totalizza 14 reti in 29 presenze con la promessa di essere riscattato.

Lokomotiv Mosca ed Al-JaziraModifica

 
Caicedo, nel 2011, con la maglia del Lokomotiv Mosca.

Difatti il 30 maggio 2011 il Levante riscatta il giocatore dal Manchester City per una cifra vicina al milione di euro per poi cederlo, il 25 luglio successivo, ai russi del Lokomotiv Mosca per una cifra attorno ai 7,5 milioni di euro.[7] L'esordio arriva il 14 agosto in occasione del pareggio esterno, per 0-0, contro il Volga Nižnij Novgorod. Quattro giorni più tardi disputa la sua prima partita di Europa League, con la maglia della squadra russa, in occasione della vittoria interna, per 2-0, contro gli slovacchi dello Spartak Trnava. Il 28 dello stesso mese arriva la prima marcatura con la maglia dei rossoverdi in occasione della trasferta vittoriosa, per 0-1, contro il Kuban'. Il 20 ottobre 2011 arriva la prima marcatura in Europa league in occasione della vittoria, per 3-1, contro i greci dell'AEK Atene. Conclude la sua prima stagione in Russia con 25 presenze e 8 reti.

Il 16 gennaio 2014, dopo tre stagioni passate in Russia dove accumula 63 presenze e 15 reti messe a segno, viene ceduto, per una cifra vicina ai 7 milioni di euro, agli emiratini dell'Al-Jazira. L'esordio arriva due giorni più tardi in occasione della trasferta vinta, per 1-2, contro l'Al-Wasl. Il 20 febbraio successivo arrivano le prime due marcature con la nuova maglia in occasione della trasferta vinta, proprio per 0-2, contro il Dubai Club. Cinque giorni più tardi disputa la sua prima partita di AFC Champions League in occasione della vittoria interna, per 3-2, contro i qatarioti dell'Al-Rayyan dove mette a segno il gol del momentaneo 1-0. Il 19 aprile 2014 disputa e perde la finale di UAE Arabian Gulf Cup, per 2-1, contro l'Al-Ahli. L'esperienza negli Emirati Arabi Uniti dura poco meno di sei mesi per un totale di 18 presenze e 5 reti.

EspanyolModifica

Il 15 luglio 2014 torna in Spagna per vestire la maglia dell'Espanyol con il quale esordisce il 23 agosto successivo in occasione della trasferta vinta, per 1-1, contro l'Almería. Il primo gol con la maglia biancoblu arriva il 20 settembre in occasione del pareggio interno, per 2-2, contro il Malaga andando ad aprire le marcature della partita. Il 13 gennaio 2015, in occasione degli ottavi di finale di Copa del Rey vinti, per 2-0, contro il Valencia, mette a segno la sua prima doppietta. Conclude la sua prima stagione a Barcellona con 40 presenze e 12 reti. Il 22 aprile 2017 disputa la sua centesima partita con indosso la maglia dei periquitos in occasione della sconfitta casalinga, per 0-1, contro l'Atlético Madrid.

LazioModifica

Il 2 agosto 2017 passa, a titolo definitivo, alla Lazio per una cifra vicina ai 2,5 milioni di euro andando a firmare con il club italiano un contratto triennale.[8] Il 13 agosto successivo vince il suo primo titolo in maglia biancoceleste poiché la Lazio si impone, per 2-3, sulla Juventus nella partita valida per l'assegnazione della Supercoppa italiana 2017.[9] Sette giorni più tardi arriva anche l'esordio in occasione del pareggio interno, per 0-0, contro la SPAL.[10] Il 14 settembre 2017 disputa la sua prima partita di Europa League, con la maglia della Lazio, in occasione della trasferta vinta, per 2-3, contro gli olandesi del Vitesse. Il 28 settembre successivo mette a segno la sua prima marcatura con la maglia della Lazio in occasione della partita di Europa League vinta, per 2-0, contro i belgi dello Zulte Waregem. Il 3 dicembre invece arriva la prima marcatura nel campionato italiano, in occasione della trasferta vinta, per 1-2, contro la Sampdoria.[11] Chiude la stagione con 33 presenze e 6 reti messe a segno oltre alla vittoria della Supercoppa italiana.

Dopo una prima stagione complicata,[12][13] l'anno successivo il suo rendimento migliora,[14] e il 2 marzo 2019 sigla il gol del vantaggio della Lazio nel Derby della Capitale, vinto poi dai biancocelesti per 3-0.[15] Il 15 maggio nella finale di Coppa Italia contro l'Atalanta offre l'assist a Correa per il gol del definitivo 2-0 con il quale la Lazio si aggiudica il trofeo.[16] Chiude la stagione migliorando ulteriormente il proprio bottino, con 8 gol in campionato ed uno in Europa League.

Il 24 novembre della stagione successiva trova il suo secondo gol nel campionato in corso, risultando decisivo nel match esterno contro il Sassuolo grazie al gol che al 91º minuto consegna la vittoria alla Lazio per 1-2.[17] Due settimane dopo, il 7 dicembre segna nuovamente nei minuti di recupero, sigillando la vittoria contro la Juventus con il gol del definitivo 3-1 sui bianconeri.[18] Nella giornata di campionato successiva, il 16 dicembre, sigla al 98º minuto il gol decisivo che consente ai biancocelesti di sconfiggere il Cagliari per 1-2 alla Sardegna Arena.[19]

Il primo novembre della stagione seguente, si ripete segnando al 98º minuto il gol vittoria che permette alla Lazio di completare la rimonta contro il Torino per 4-3, dopo il pareggio di Ciro Immobile arrivato solo tre minuti prima.[20] Pochi giorni dopo, il 4 novembre, sigla il suo primo in gol in Champions League nel pareggio in trasferta contro lo Zenit per 1-1, in una gara valevole per la fase a gironi.[21] La domenica seguente, l'8 novembre, è di nuovo protagonista di un gol allo scadere che permette ai biancocelesti di agguantare la Juventus al 95° e fissare il risultato sull'1-1 finale; a seguito di questa rete (la sesta nei minuti di recupero in quattro anni di Serie A), viene coniata dalla stampa sportiva l'espressione "zona Caicedo", in analogia con la "zona Cesarini".[5]

Genoa e prestito all'InterModifica

Il 31 agosto 2021 viene ceduto per 2 milioni di euro al Genoa con cui firma un contratto annuale con diritto di opzione per altri due anni.[22][23][24] Dopo che un fastidio al flessore della coscia gli fa saltare le prime partite, esordisce con i colori rossoblu il 17 ottobre in occasione della partita pareggiata in casa col Sassuolo per 2-2.[25] Cinque giorni dopo segna la sua prima rete, nella trasferta in casa del Torino, in cui il Genoa esce sconfitto per 3-2.[26] Con i rossoblu gioca solo una partita da titolare in sei mesi (nove presenze in totale) con 279 minuti in campo e un gol.

Il 29 gennaio 2022 si trasferisce in prestito fino al termine della stagione all'Inter dove ritrova Simone Inzaghi, suo allenatore alla Lazio.[27] Esordisce il 25 febbraio seguente nel pareggio per 0-0 in casa del Genoa.[28]. L'11 maggio, pur non scendendo in campo, si aggiudica la Coppa Italia, nella gara vinta contro la Juventus per 4-2 dopo i tempi supplementari.[29] In tutto sono 21 i minuti giocati con la maglia dell'Inter in tre partite del girone di ritorno.[30]

Il 9 luglio dello stesso anno rimane svincolato dopo aver perso la causa con il Genoa per il rinnovo automatico del suo contratto fino al 2024: il Collegio Arbitrale ha stabilito che Caicedo non ha esercitato in modo corretto il diritto di opzione.[31]

Arabia SauditaModifica

Dopo aver giocato per cinque stagioni in Serie A, con un ruolino di 117 presenze, 29 reti e 11 assist, alla fine di agosto firma con l’Abha Club in Arabia Saudita.[32]

NazionaleModifica

 
Caicedo con la nazionale ecuadoriana nel 2007.

Debutta ufficialmente sin da giovanissimo all'età di 16 anni ed 8 mesi, con la nazionale ecuadoriana il 4 maggio 2005 in un'amichevole contro il Paraguay. Disputa poi la Copa América 2007 e la Copa América 2011 segnando in quest'ultima due reti contro il Brasile. Gioca inoltre da titolare il mondiale brasiliano del 2014 senza però mai segnare.

Nel settembre 2017 l'attaccante annuncia la fine della sua esperienza con la maglia della nazionale, complice anche l'allontanamento deciso dalla federazione ecuadoriana del CT Gustavo Quinteros.[33]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006   Basilea II 1L 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2006-2007   Basilea SL 27 7 CS 5 2 CU 0 0 - - - 32 9
2007-gen. 2008 SL 18 4 CS 3 0 CU 8[34] 3[35] - - - 29 7
Totale Basilea 45 11 8 2 8 3 - - 61 16
gen.-giu. 2008   Manchester City PL 10 0 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 10 0
2008-2009 PL 17 4 FACup+CdL 1+1 0 CU 6[36] 3 - - - 25 7
Totale Manchester City 27 4 2 0 6 3 - - 35 7
2009-gen. 2010   Sporting Lisbona PL 7 0 CP+CdL 0 0 UCL+UEL 1[37]+3 0 - - - 11 0
gen.-giu. 2010   Malaga PD 18 4 CR 0 0 - - - - - - 18 4
2010-2011   Levante PD 27 13 CR 2 1 - - - - - - 29 14
2011-2012   Lokomotiv Mosca PL 17 6 CR 1 0 UEL 7[38] 2 - - - 25 8
2012-2013 PL 22 4 CR 2 2 - - - - - - 24 6
2013-gen. 2014 PL 13 1 CR 1 0 - - - - - - 14 1
Totale Lokomotiv Mosca 52 11 4 2 7 2 - - 63 15
gen.-giu. 2014   Al-Jazira AGL 9 4 CdP+EEC 0+2 0 AFC CL 7 1 - - - 18 5
2014-2015   Espanyol PD 35 9 CR 5 3 - - - - - - 40 12
2015-2016 PD 31 8 CR 3 2 - - - - - - 34 10
2016-2017 PD 27 2 CR 2 0 - - - - - - 29 2
Totale Espanyol 93 19 10 5 - - - - 103 24
2017-2018   Lazio A 22 3 CI 2 0 UEL 9 3 SI 0 0 33 6
2018-2019 A 28 8 CI 5 0 UEL 5 1 - - - 38 9
2019-2020 A 30 9 CI 1 0 UEL 6 0 SI 1 0 38 9
2020-2021 A 25 8 CI 0 0 UCL 5 1 - - - 30 9
Totale Lazio 105 28 8 0 25 5 1 0 139 33
2021-gen. 2022   Genoa A 9 1 CI 1 0 - - - - - - 10 1
gen.-giu. 2022   Inter A 3 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI - - 3 0
Totale carriera 394 95 37 10 57 14 1 0 489 119

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Ecuador
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-5-2005 East Rutherford Ecuador   1 – 0   Paraguay Amichevole -   63’
6-9-2006 East Rutherford Ecuador   1 – 1   Perù Amichevole -   71’
10-10-2006 Stoccolma Brasile   2 – 1   Ecuador Amichevole -   46’
18-1-2007 Cuenca Ecuador   2 – 1   Svezia Amichevole -   46’
21-1-2007 Quito Ecuador   1 – 1   Svezia Amichevole -   46’
25-3-2007 Tampa Stati Uniti   3 – 1   Ecuador Amichevole 1   72’
28-3-2007 Oakland Ecuador   2 – 4   Messico Amichevole -   59’
3-6-2007 Madrid Ecuador   1 – 2   Perù Amichevole -   71’
6-6-2007 Madrid Ecuador   2 – 0   Perù Amichevole -   58’
23-6-2007 Barranquilla Colombia   3 – 1   Ecuador Amichevole -
27-6-2007 Puerto Ordaz Ecuador   2 – 3   Cile Coppa America 2007 - 1º turno -   76’
4-7-2007 Puerto La Cruz Ecuador   0 – 1   Brasile Coppa America 2007 - 1º turno -   77’
22-8-2007 Quito Ecuador   1 – 0   Bolivia Amichevole -   46’
8-9-2007 Quito Ecuador   5 – 1   El Salvador Amichevole 1   67’
12-9-2007 San Pedro Sula Honduras   2 – 1   Ecuador Amichevole -   46’
18-11-2007 Asunción Paraguay   5 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2010 -   74’
26-3-2008 Latacunga Ecuador   3 – 1   Haiti Amichevole -   54’
18-6-2008 Quito Ecuador   0 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2010 -   81’
20-8-2008 East Rutherford Colombia   0 – 1   Ecuador Amichevole -   77’
18-6-2008 Quito Ecuador   0 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2010 -   81’
6-9-2008 Quito Ecuador   3 – 1   Bolivia Qual. Mondiali 2010 1   22’   76’
10-9-2008 Montevideo Uruguay   0 – 0   Ecuador Qual. Mondiali 2010 -   79’
12-10-2008 Quito Ecuador   1 – 0   Cile Qual. Mondiali 2010 -   85’
15-10-2008 Puerto La Cruz Venezuela   3 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2010 -
29-3-2009 Quito Ecuador   1 – 1   Brasile Qual. Mondiali 2010 -   90+2’
1-4-2009 Quito Ecuador   1 – 1   Paraguay Qual. Mondiali 2010 -   46’
10-6-2009 Quito Ecuador   2 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2010 -   79’
10-10-2009 Quito Ecuador   1 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2010 -   66’
3-7-2011 Santa Fe Paraguay   0 – 0   Ecuador Coppa America 2011 - 1º turno -
9-7-2011 Salta Venezuela   1 – 0   Ecuador Coppa America 2011 - 1º turno -
13-7-2011 Córdoba Brasile   4 – 2   Ecuador Coppa America 2011 - 1º turno 2
10-8-2011 San José Costa Rica   0 – 2   Ecuador Amichevole -   80’
7-9-2012 Quito Ecuador   1 – 0   Bolivia Qual. Mondiali 2014 1   57’
11-9-2012 Montevideo Uruguay   1 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2014 1   58’
12-10-2012 Quito Ecuador   3 – 1   Cile Qual. Mondiali 2014 2   31’   68’
6-2-2013 Guimarães Portogallo   2 – 3   Ecuador Amichevole 1   63’   71’
21-3-2013 Quito Ecuador   5 – 0   El Salvador Amichevole 2   57’
26-3-2013 Quito Ecuador   4 – 1   Cile Qual. Mondiali 2014 1   38’   81’
29-5-2013 Boca Raton Germania   4 – 2   Ecuador Amichevole -   35’
7-6-2013 Lima Perù   1 – 0   Ecuador Qual. Mondiali 2014 -   64’
11-6-2013 Quito Ecuador   1 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2014 -   59’
14-8-2013 Guayaquil Ecuador   0 – 2   Spagna Amichevole -   72’
10-9-2013 La Paz Bolivia   1 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2014 1   72’
11-10-2013 Quito Ecuador   1 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -
15-10-2013 Santiago del Cile Cile   2 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2014 1   89’
15-11-2013 East Rutherford Ecuador   0 – 0   Argentina Amichevole -   73’
5-3-2014 Londra Australia   3 – 4   Ecuador Amichevole -   46’
17-5-2014 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 1   Ecuador Amichevole -   38’
31-5-2014 Arlington Messico   3 – 1   Ecuador Amichevole -   72’
4-6-2014 Miami Gardens Ecuador   2 – 2   Inghilterra Amichevole -   46’
15-6-2014 Brasilia Svizzera   2 – 1   Ecuador Mondiali 2014 - 1º turno -   70’
20-6-2014 Curitiba Honduras   1 – 2   Ecuador Mondiali 2014 - 1º turno -   82’
25-6-2014 Rio de Janeiro Ecuador   0 – 0   Francia Mondiali 2014 - 1º turno -   90’
28-3-2015 Los Angeles Messico   1 – 0   Ecuador Amichevole -   74’
31-3-2015 East Rutherford Argentina   2 – 1   Ecuador Amichevole -   70’
8-10-2015 Buenos Aires Argentina   0 – 2   Ecuador Qual. Mondiali 2018 1   84’
13-10-2015 Quito Ecuador   2 – 0   Bolivia Qual. Mondiali 2018 1
12-11-2015 Quito Ecuador   2 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2018 1
17-11-2015 Puerto Ordaz Venezuela   1 – 3   Ecuador Qual. Mondiali 2018 1   82’
1-9-2016 Quito Ecuador   0 – 3   Brasile Qual. Mondiali 2018 -   67’
6-9-2016 Lima Perù   2 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2018 -
6-10-2016 Quito Ecuador   3 – 0   Cile Qual. Mondiali 2018 1   51’
10-11-2016 Montevideo Uruguay   2 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2018 1
15-11-2016 Quito Ecuador   3 – 0   Venezuela Qual. Mondiali 2018 -   82’
23-3-2017 Asunción Paraguay   2 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2018 1
28-3-2017 Quito Ecuador   0 – 2   Colombia Qual. Mondiali 2018 -
31-8-2017 Porto Alegre Brasile   2 – 0   Ecuador Qual. Mondiali 2018 -   73’
5-9-2017 Quito Ecuador   1 – 2   Perù Qual. Mondiali 2018 -   71’
Totale Presenze 68 Reti (4º posto) 22

PalmarèsModifica

ClubModifica

Basilea: 2006-2007
Lazio: 2017, 2019
Lazio: 2018-2019
Inter: 2021-2022

NoteModifica

  1. ^ a b Daniele Rocca, Calciomercato Lazio: chi è Felipe Caicedo, la Pantera dell'Ecuador, su foxsports.it, agosto 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2017).
  2. ^ Lazio, Caicedo decisivo anche in Champions contro lo Zenit, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2020.
  3. ^ Il Pagellone della 7ª giornata di Serie A: Mkhitaryan super, Juve e Inter stentano, su Eurosport, 9 novembre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  4. ^ Lazio-Juventus: Caicedo, lo specialista dei gol nel recupero, su Eurosport, 8 novembre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  5. ^ a b Milan, mai parlare di scudetto. Addio Cesarini, nasce la zona Caicedo, su ilsole24ore.com, 9 novembre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  6. ^ Felipe out on loan, su mancity.com, 23 luglio 2009. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  7. ^ (RU) «Локомотив» подписал контракт с Фелипе Кайседо, su fclm.ru, 25 luglio 2011. URL consultato il 17 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2011).
  8. ^ Comunicato 02.08.17, su sslazio.it, 2 agosto 2017. URL consultato il 2 agosto 2017.
  9. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Lazio 2-3: Murgia al 94' decide la Supercoppa, su gazzetta.it, 13 agosto 2017. URL consultato il 13 agosto 2017.
  10. ^ Lazio-Spal 0-0: biancocelesti bloccati dai ferraresi, su repubblica.it, 20 agosto 2017. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  11. ^ Sampdoria Lazio 1-2, Caicedo firma la rimonta: gol e highlights, su sport.sky.it. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  12. ^ Lazio: Inzaghi lancia Caicedo, il girovago del gol che vuole essere titolare, su ilmessaggero.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato l'11 dicembre 2018).
  13. ^ Crotone-Lazio 2-2, un pari che non piace a nessuno. Esclusa l’Inter, su gazzetta.it. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  14. ^ Elena Bravetti, La rivincita di Caicedo. Dal flop di Crotone al gol col Frosinone: la 'Pantera' punta l'Empoli, su lazionews24.com, 6 febbraio 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  15. ^ Lazio-Roma 3-0: gol di Caicedo, rigore di Immobile e Cataldi, su gazzetta.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  16. ^ Atalanta BC - SS Lazio, 15/mag/2019 - Coppa Italia - Cronaca della partita, su transfermarkt.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  17. ^ Sassuolo-Lazio 1-2: gol e highlights. Decide una rete di Caicedo al 91', su sport.sky.it. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  18. ^ Lazio-Juventus 3-1: biancocelesti, rimonta da favola. Agli uomini di Sarri non basta Ronaldo: ora l'Inter è due punti avanti, su ilfattoquotidiano.it, 7 dicembre 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  19. ^ Cagliari-Lazio 1-2: Luis Alberto-Caicedo, vittoria al 98', su it.eurosport.com, 16 dicembre 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  20. ^ Torino-Lazio 3-4, gol e highlights: la decide Caicedo al 98', su sport.sky.it. URL consultato il 9 novembre 2020.
  21. ^ Champions, Zenit-Lazio 1-1: Caicedo pareggia il gol di Erokhin, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2020.
  22. ^ Comunicato 31.08.2021, su sslazio.it. URL consultato il 1º settembre 2021.
  23. ^ ECCO CAICEDO, BOMBER PER IL GRIFONE, su genoacfc.it. URL consultato il 1º settembre 2021.
  24. ^ Genoa, c'è la firma di Caicedo: alla Lazio 2 milioni di euro, su amp.gianlucadimarzio.com. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  25. ^ Caicedo, ‘giallo’ risolto! Gazzetta: “Nessun vero infortunio, il suo debutto ora è pronto”, su sosfanta.calciomercato.com. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  26. ^ Torino-Genoa 3-2 all'81', partita infinita: Caicedo riaccende ancora le speranze dei rossoblù, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  27. ^ Felipe Caicedo è un giocatore dell'Inter, su inter.it, 29 gennaio 2022. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  28. ^ Il Genoa ferma l'Inter, al Ferraris è 0-0, su inter.it, 25 febbraio 2022. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  29. ^ L'Inter batte 4-2 la Juve e vince la Coppa Italia: decisiva la doppietta di Perisic, su gazzetta.it, 11 maggio 2022.
  30. ^ Filippo Grimaldi, Rompicapo Genoa, in La Gazzetta dello Sport, 21 giugno 2021, p. 26.
  31. ^ Caicedo, che beffa: perde la causa contro il Genoa e adesso è senza squadra, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 9 luglio 2022.
  32. ^ Nuova avventura per Caicedo: giocherà in Arabia Saudita, su Corriere dello Sport.it. URL consultato il 30 agosto 2022.
  33. ^ Lazio, Caicedo lascia la Nazionale: "Addio Ecuador", su sportmediaset.mediaset.it, 15 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  34. ^ 2 presenze nel secondo turno contro il Mattersburg.
  35. ^ 2 reti nel secondo turno contro il Mattersburg.
  36. ^ 1 presenza nel secondo turno contro il Midtjylland.
  37. ^ Nel terzo turno contro il Twente.
  38. ^ 1 presenza nel preliminare contro lo Spartak Trnava.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica