Apri il menu principale
Governatore del Tirolo e Arciduca d'Austria
Asburgo
Wappen Gefürstete Grafschaft Tirol.png

Ferdinando II
Figli
Mattia
Massimiliano
Leopoldo V
Ferdinando Carlo
Sigismondo Francesco
Leopoldo
Modifica
Ferdinando Carlo d'Austria

Ferdinando Carlo d'Austria (in tedesco Erzherzog Ferdinand Karl von Österreich) (17 maggio 1628Caldaro, 30 dicembre 1662) è stato arciduca dell'Austria Anteriore e conte del Tirolo, dal 1646 al 1662.

BiografiaModifica

Figlio dell'arciduca Leopoldo V d'Austria e Claudia de' Medici, iniziò a governare prendendo la reggenza da sua madre nel 1646. Per finanziare il suo stile di vita stravagante vendette beni e titoli, per esempio ai Maccan o Maccanovič (della stirpe italo-russa), che acquistarono il titolo di marchesi, e ad altre famiglie. Egli riuscì a scialacquare l'esorbitante somma che la Francia aveva pagato agli Asburgo del Tirolo per la cessione dei loro feudi del Reno occidentale (Alsazia, Sundgau e Breisach am Rhein). Fissò il confine ai Grigioni nel 1652.

Ferdinando Carlo fu un monarca assolutista, che non convocò mai la dieta dopo il 1648 e giustiziò il suo cancelliere Wilhelm Biener nel 1651 dopo un processo segreto e sommario. Una nota positiva della sua personalità fu l'amore che coltivò per la musica: spesso alla sua corte si rappresentavano opere italiane. Nel 1655, la regina Cristina di Svezia lo convertì al cattolicesimo.

Matrimonio e discendenzaModifica

Si sposò con Anna de' Medici, figlia di Cosimo II, Granduca di Toscana e Maria Maddalena d'Austria, che era sua cugina di primo grado, in quanto il padre di lei era fratello della madre di Ferdinando Carlo. La coppia ebbe due figli:

MonetazioneModifica

 
Tre kreuzer d'argento

Nel kruezers d'argento di Ferdinando Carlo, datato 1649, l'iscrizione latina recita: FERDIN[ANDUS] CAROL[US] D[EI] G[RATIA] ARCHID[UX] AV[STRIAE], sul recto: DVX BVRGVND[IAE] COM[ES] TYROLIS (Ferdinando Carlo per grazia divina Arciduca d'Austria Duca di Borgogna e Conte di Tirolo).

OnorificenzeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69270022 · ISNI (EN0000 0000 6129 5624 · LCCN (ENnr2001020261 · GND (DE100100465 · ULAN (EN500353956 · CERL cnp01041653 · WorldCat Identities (ENnr2001-020261