Ferdinando IV di Toscana

Ferdinando IV di Toscana
Ferdinando IV Toscana.jpg
Ferdinando IV.
Granduca di Toscana
Stemma
In carica 21 luglio 1859 - 15 marzo 1860
Predecessore Leopoldo II di Toscana
Successore annessione al Regno di Sardegna
Nome completo Ferdinando Salvatore Maria Giuseppe Giovan Battista Francesco Luigi Gonzaga Raffaello Ranieri Gennaro d'Asburgo-Lorena[1]
Altri titoli Principe imperiale ed arciduca d'Austria, principe reale di Boemia ed Ungheria
Nascita Firenze, 10 giugno 1835
Morte Salisburgo, 17 gennaio 1908
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Dinastia Asburgo Lorena
Padre Leopoldo II di Toscana
Madre Maria Antonia di Borbone-Due Sicilie
Coniugi Anna Maria di Sassonia
Alice di Borbone-Parma
Figli Maria Antonietta
Leopoldo Ferdinando
Luisa
Giuseppe Ferdinando
Pietro Ferdinando
Enrico Ferdinando
Anna Maria
Margherita Maria
Germana Maria
Roberto Ferdinando
Agnese Maria
Religione Cattolica

Ferdinando d'Asburgo-Lorena, nome completo Ferdinando Salvatore Maria Giuseppe Giovan Battista Francesco Luigi Gonzaga Raffaello Ranieri Gennaro[1] (Firenze, 10 giugno 1835Salisburgo, 17 gennaio 1908), è stato l'ultimo granduca di Toscana con il nome di Ferdinando IV[2].

BiografiaModifica

Figlio del granduca Leopoldo II e della granduchessa Maria Antonietta, sposò nel 1856 la principessa Anna Maria di Sassonia, che morì nel 1859, e in seconde nozze Alice di Borbone-Parma.

Salì virtualmente al trono di Toscana dopo l'abdicazione del padre nel 1859. Fu protagonista involontario del Risorgimento, in quanto fino al passaggio della Toscana al Regno di Sardegna (1860) rimase formalmente granduca, anche se non viveva a Firenze e non era mai stato incoronato. Nonostante ciò, anche dopo la soppressione del granducato, Ferdinando, avendo mantenuta la "fons honorum" degli Ordini dinastici, continuò ad elargire titoli e decorazioni.

Dopo il plebiscito che sancì l'annessione della Toscana al Regno di Sardegna fu detto "re di Castiglion Fibocchi", per il fatto che in quella cittadina dell'aretino si ebbe la più alta percentuale di oppositori all'unione al regno dei Savoia[3].

Tra 1859 e il 1866 organizzò in Toscana, tramite personalità come Eugenio Alberi, un partito legittimista-autonomista con l'obiettivo di difendere i suoi diritti dinastici e favorire una riforma in senso federalista del neonato Stato italiano. Finanziò il giornale Firenze, espressione di tale partito.

Dopo la Terza guerra d'Indipendenza (1866), l'Impero austriaco dovette riconoscere il Regno d'Italia, disconoscendo suo malgrado Ferdinando IV come legittimo granduca di Toscana. Ciò tolse ogni possibilità a Ferdinando di rientrare in possesso del Granducato. Si ritirò così a vita privata e smise di fare politica.

Il 20 dicembre 1866 Ferdinando IV e i suoi figli rientrarono nella Casa imperiale. Mentre a Ferdinando fu permesso di mantenere la sua fons honorum vita natural durante, i figli poterono fregiarsi solo del titolo di arciduca d'Austria, non più con la specifica di "principe o principessa di Toscana".

L'ultimo sovrano di Toscana abdicò ai diritti dinastici sul Granducato nel 1870 a favore di Francesco Giuseppe I d'Austria[4][5][6][7] e pertanto anche i suoi discendenti persero ogni diritto dinastico sul trono toscano[8].

Morì in esilio a Salisburgo nel 1908 e Francesco Giuseppe I proibì di assumere i titoli di granduca o di principe o principessa di Toscana[9][10]. Il Gran Magistero dell'Ordine di Santo Stefano cessò, per i motivi già esposti, con la morte di Ferdinando IV.

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio con Anna Maria di Sassonia nacquero due sole figlie:

  • Maria Antonietta (1858-1883), di salute delicata, divenne badessa a Praga. Morì di tubercolosi a venticinque anni.
  • una principessa nata e morta nel 1859.

Queste due principesse furono le ultime due principesse di Toscana[9][10]

Dal matrimonio con Alice di Borbone-Parma nacquero dieci figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Leopoldo II, Sacro Romano Imperatore Francesco I, Sacro Romano Imperatore  
 
Maria Teresa d'Austria  
Ferdinando III, Granduca di Toscana  
Infanta Maria Luisa di Spagna Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Leopoldo II, Granduca di Toscana  
Ferdinando I delle Due Sicilie Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Principessa Luisa di Napoli e Sicilia  
Maria Carolina d'Austria Francesco I, Sacro Romano Imperatore  
 
Maria Teresa d'Austria  
Ferdinando IV, Granduca di Toscana  
Ferdinando I delle Due Sicilie Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Francesco I delle Due Sicilie  
Maria Carolina d'Austria Francesco I, Sacro Romano Imperatore  
 
Maria Teresa d'Austria  
Principessa Maria Antonietta delle Due Sicilie  
Carlo IV di Spagna Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Infanta Maria Isabella di Spagna  
Maria Luisa di Parma Filippo I, Duca di Parma  
 
Principessa Luisa Elisabetta di Francia  
 

Titolo, trattamento, onorificenze e stemmaModifica

Titolo e trattamentoModifica

  • 10 giugno 1835 – 21 luglio 1859 Sua altezza imperiale e reale Ferdinando, principe imperiale ed arciduca d'Austria, principe reale di Boemia ed Ungheria
  • 21 luglio 1859 – 22 marzo 1860 Sua altezza serenissima imperiale e reale il granduca di Toscana, principe imperiale ed arciduca d'Austria, principe reale di Boemia ed Ungheria

OnorificenzeModifica

Onorificenze toscaneModifica

  Gran Maestro dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire
  Gran Maestro dell'Ordine di San Giuseppe
  Gran Maestro dell'Ordine del Merito Civile e Militare

Onorificenze austriacheModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
  Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
  Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto
  Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata

NoteModifica

  1. ^ a b Registro battesimale del Battistero di Firenze, 11 giugno 1835
  2. ^ [1].
  3. ^ Sul tema cfr. Nidia Danelon Vasoli, Il plebiscito in Toscana nel 1860, Firenze, Olschki, 1968
  4. ^ Bernd Braun: Das Ende der Regionalmonarchien in Italien. Abdankungen im Zuge des Risorgimento. In: Susan Richter, Dirk Dirbach (Hrsg.): Thronverzicht. Die Abdankung in Monarchien vom Mittelalter bis in die Neuzeit. Böhlau Verlag, Köln, Weimar, Wien 2010, pagg. 251–266
  5. ^ Benedikt, Heinrich, Kaiseradler über dem Apennin. Die Österreicher in Italien 1700 bis 1866. Vienna: Herold Verlag, 1964
  6. ^ Karl Vocelka, Lynne Heller: Die private Welt der Habsburger: Leben und Alltag einer Familie, Styria, 1998, pag. 253, colonna I
  7. ^ Das Haus Habsburg: Vorspann ; Register ; Quellen ; Das Haus Alt-Habsburg ; Das Haus Habsburg-Lothringen, Alois Jahn, Selbstverl, 2002, pag. 59, 65
  8. ^ Annuario della Nobiltà Italiana, XXXII edizione, 2014, parte I
  9. ^ a b SILVA TAROUCA, Adler, Vienna, 1954, p. 165
  10. ^ a b Rivista Araldica, anno 1913, volume 11, pagina 381, Roma, Collegio Araldico: "Da informazione ufficiale assunta a Vienna togliamo quanto segue «A Sua Altezza I. R. il defunto Granduca Ferdinando IV di Toscana era stato permesso dall'Impero austro-ungarico e dagli Stati dell'Impero germanico, di conferire i tre Ordini toscani, inerenti alla Sovranità, che anche spodestato, rimase all'Augusto principe fino alla sua morte. Il titolo di Principe di Toscana fu solo autorizzato ai membri della famiglia granducale nati prima del 1866. Dopo la morte del Granduca (1908) tutti gli augusti figli del defunto dovettero solennemente rinunciare ad ogni qualsiasi diritto di cui personalmente ed eccezionalmente godeva il padre. Quindi il Gran Magistero dell'Ordine di S. Stefano per volontà di S. M. l'Imperatore e Re è terminato col defunto Granduca, né più sarebbe accettato dagli augusti Principi Lorenesi"

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN264589030 · ISNI (EN0000 0003 8240 0907 · Europeana agent/base/154056 · GND (DE130261769 · BAV (EN495/117867 · WorldCat Identities (ENviaf-264589030