Apri il menu principale

Ferdinando Romualdo Guiccioli

arcivescovo cattolico italiano
Ferdinando Romualdo Guiccioli, O.S.B.Cam
arcivescovo della Chiesa cattolica
Arcivescovo Ferdinando Romualdo Guiccioli.jpg
Ritratto dell'Arcivescovo Ferdinando Romualdo Guiccioli con la mitria episcopale
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 dicembre 1686 a Ravenna
Ordinato presbitero10 dicembre 1706 dal cardinale Ferdinando d'Adda
Nominato vescovo10 marzo 1741 da papa Benedetto XIV
Consacrato vescovo19 marzo 1741 da papa Benedetto XIV
Elevato arcivescovo5 aprile 1745 da papa Benedetto XIV
Deceduto7 novembre 1763 (76 anni) a Ravenna
 

Alberto Giuseppe Innocenzo Guiccioli, in religione Ferdinando Romualdo (Ravenna, 28 dicembre 1686Ravenna, 7 novembre 1763) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nacque a Ravenna, da Gregorio ed Orsola Pignatta, entrambi di origine nobile, e con il nome di Alberto Giuseppe Innocenzo. Trascorse la sua infanzia e adolescenza presso il collegio dei nobili diretto dai gesuiti. Dopo la conoscenza di Pietro Canneti, si unì all'ordine benedettino camaldolese, e fu ordinato sacerdote dell'ordine il 10 dicembre 1706 dal cardinale Ferdinando d'Adda che visitò il monastero di Classe durante un viaggio fra Bologna e Roma come legato pontificio; Guiccioli assunse il nome religioso di Ferdinando Romualdo.

Si recò a Roma per compiere i propri studi religiosi presso il monastero camaldolese di San Gregorio al Celio, e ritornato nel 1710 a Classe, insegnò filosofia e dogmatica. Nel 1729 venne eletto e nominato abate del monastero dei Santi Ippolito e Lorenzo a Faenza, ma nel 1730 a causa della morte di Canneti che era stato nominato abate generale, fu trasferito al monastero di Classe come suo successore. Nel 1738, il cardinale Lambertini (arcivescovo di Bologna e futuro papa Benedetto XIV) fece visita all'abbazia, poiché devoto a Sant'Apollinare, di cui il monastero ne conservava le reliquie e fece la conoscenza di Guiccioli per cui provava profonda ammirazione.

Nel 1740, Lambertini venne eletto papa, e alla morte dell'arcivescovo Farsetti, propose a Guiccioli la carica episcopale che dapprima non accettò poiché egli non si sentiva in grado e non mirava ai vertici della gerarchia. Benedetto XIV lo convinse, fiducioso delle sue capacità, gli riaffermò che la nomina episcopale non era frutto del loro rapporto di amicizia, ma di una sensazione che gli suggeriva il nome di Guiccioli.[1]

Fu nominato il 10 marzo 1741 e consacrato il 19 marzo, con il titolo di vescovo titolare di Licopoli, e al contempo amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Ravenna.[1] Il pontefice rimase soddisfatto dalle capacità di Guiccioli nell'amministrazione della diocesi durante la sede vacante. Fu così che lo elevò ad arcivescovo e lo assegno definitivamente alla sede metropolitana di Ravenna.

Morì il 7 novembre 1763, e i funerali furono recitati dall'arcidiacono Francesco Malatesta Monaldini, nominato vicario capitolare. Fu sepolto nella Basilica di Sant'Apollinare in Classe, come da lui stesso richiesto.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Memorie di religione, di morale e di letteratura, Eredi Soliani, 1824. URL consultato il 3 giugno 2019.

BibliografiaModifica

  • Antonio Tarlazzi, Memorie sacre di Ravenna, a cura di Girolamo Fabri, Tip. del ven. Seminario arciv, 1852, pp. 561-579.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN170648482 · ISNI (EN0000 0001 1969 715X · GND (DE1011718421 · WorldCat Identities (EN170648482