Apri il menu principale

Ferdinando Ughelli

monaco, abate e storico italiano

BiografiaModifica

Nato a Firenze da una famiglia agiata, nel 1610 Ughelli entrò nel monastero cistercense di Cestello in Borgo Pinti a Firenze. Tra il 1621 e il 1623 studiò presso il Collegio Romano, dove ebbe come professori i Gesuiti Francesco Piccolomini e Juan de Lugo.[1] Tra il 1635 e il 1637 fu abate dell'Abbazia dei Santi Salvatore e Lorenzo a Settimo e dal 1638 dell'abbazia delle Tre Fontane a Roma. Papa Alessandro VII gli concesse una rendita annua di 500 scudi per incoraggiarlo nei suoi studi e per sostenere le spese dei suoi viaggi. Fu consultore della Sacra Congregazione dell'Indice e teologo del granduca di Toscana Ferdinando II (1642) e del cardinale Carlo de' Medici. In contatto con i Bollandisti, collaborò con Godefroid Henschen e Daniel Papebroch alle ricerche per gli Acta Sanctorum durante il loro soggiorno romano del 1660-61.[2][3]

Alla sua morte Ughelli fu sepolto nella chiesa dell'abbazia delle Tre Fontane. I suoi manoscritti, lasciati in eredità al cardinale Francesco Barberini confluirono nel 1902 nella raccolta di Codices Barberini della Biblioteca Apostolica Vaticana (Barb. Lat., 3239-46).[4]

OpereModifica

Italia SacraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Italia sacra.

Ughelli fu il primo erudito a concepire e attuare l'idea di dare una serie compiuta dei vescovi italiani raggruppati per diocesi, con notizie biografiche di ciascuno, cenni storici delle chiese da loro rette e documenti inediti relativi a queste.[5] Il metodo storico da lui adottato, straordinariamente avanzato per la sua epoca, anticipava la critica moderna «pur se elaborato avanti il lavoro dei Maurini e indipendentemente da quello dei Bollandisti, che pure si usa indicare come punti obbligati di riferimento in ogni storia della metodologia storica, per questo periodo (il De re diplomatica, del Mabillon, è del 1681).»[6]

La vastità del progetto lo costrinse, per molte diocesi, ad avvalersi di collaboratori, ad esempio Giovanni Benedetto Gentilotti compilò le notizie relative ai vescovi di Trento:[7] il che spiega le disuguaglianze dell'opera, che a volte è ricca di ragguagli e documenti, a volte povera di notizie e inesatta o mancante di critica. La raccolta di 1.533 lettere inviate a Ughelli da 438 corrispondenti e ora conservate nella Biblioteca apostolica vaticana dimostra quanto lo studioso cistercense dipendesse da una rete di informatori per colmare le lacune della sua conoscenza delle chiese locali.[8]

L'Italia sacra, venne pubblicata a Roma tra il 1642 e il 1648 in nove tomi in folio, sul modello della Gallia christiana di Claude Robert (1626). Già il Muratori, nel 1703, rilevando gli errori ughelliani da lui commessi, «o perché troppo si fidò d'altrui, o perché non bastò egli solo al grave peso di quella mole» auspicava una emendata riedizione dell'Italia sacra.[9] Una seconda edizione in 10 volumi, ampliata e aggiornata, fu edita a Venezia nel 1717 da Nicola Coleti, che la terminò nel 1722, con l'aggiunta della Sicilia sacra di Rocco Pirri. Per correggere gli errori di quest'ultima edizione, il cistercense Nivardo del Riccio ne progettò una terza, della quale uscì soltanto un breve saggio a Firenze nel 1763.[10]

L'opera di Ughelli riscosse fin da subito un grande successo. Quando nel 1647 il cardinal Giulio Mazzarino ricevette in dono i primi volumi dell'Italia Sacra, scrisse una lettera di ringraziamento a Ughelli, facendogli omaggio di un orologio d'oro ornato di pietre preziose; il cardinale esortò i dotti parigini ad intraprendere un'opera simile a quella di Ughelli per la Francia[11]; quando i fratelli Pierre e Louis de Sainte-Marthe prepararono una nuova edizione aggiornata e ampliata della Gallia christiana di Robert, presero a modello proprio l'Italia Sacra, avvalendosi della collaborazione dello stesso Ughelli, che consultò per loro registri concistoriali, libri provisionum e vari altri documenti vaticani.[12]

Nonostante i difetti, l'opera rimase fondamentale per lo studio della storia della Chiesa: vi attinsero storici del calibro di Giuseppe Cappelletti nelle sue Chiese d'Italia, Pius Bonifacius Gams nella sua Series episcoporum Ecclesiae catholicae e Konrad Eubel per la sua Hierarchia catholica Medii Aevi.[4] Essa costituisce un modello per analoghe ricerche erudite in altri paesi (ad es. la Germania sacra).[13] e rimane ancor oggi indispensabile per chiunque si occupi della storia della Chiesa in Italia.[14]

Prima edizione
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 1, Romae, apud Bernardinum Tanum, 1644. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 2, Romae, apud Bernardinum Tanum, 1647. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 3, Romae, apud Bernardinum Tanum, 1647. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 4, Romae, Sumptibus Blasij Deversin, & Zenobij Masotti, 1652. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 5, Romae, Sumptibus Blasij Deversin, & Zenobij Masotti, 1653. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 6, Romae, Ex Typographia Reuerendae Camerae Apostolicae, 1659. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 7, Romae, Sumptibus Blasij Deversin, & Zenobij Masotti, 1659. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 8, Romae, Sumptibus Blasij Deversin, & Zenobij Masotti, 1662. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 9, Romae, Sumptibus Blasij Deversin, & Zenobij Masotti, 1662. URL consultato il 22 maggio 2019.
Seconda edizione
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 1, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1717. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 2, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1717. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 3, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1718. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 4, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1719. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 5, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1720. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 6, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1720. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 7, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1721. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 8, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1721. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 9, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1721. URL consultato il 22 maggio 2019.
  • (LA) Ferdinando Ughelli, Italia sacra, vol. 10, Venetiis, Apud Sebastianum Coleti, 1722. URL consultato il 22 maggio 2019.

Altre opereModifica

 
L'albero genealogico pubblicato in Albero et istoria della famiglia dè conti di Marsciano

NoteModifica

  1. ^ Marziano Guglielminetti, Rinaldo Rinaldi, Francesco Bruni, Ugo Dotti, Marco Cerruti, Folco Portinari, Ada Novajra, Giusi Baldissone, Gian Luigi Beccaria, Concetto Del Popolo, Claudio Marazzini (a cura di), Storia della civiltà letteraria italiana, vol. 2, Roma, UTET, 1991, p. 662.
  2. ^ Mario Battistini, I padri bollandisti Henschenio e Papebrochio a Roma nel 1660-61, in Archivio della Società Romana di Storia Patria, 53-55, 1930-1932, p. 18.
    «Ferdinando Ughelli, l'autore dell'Italia sacra, si era fra i primi incontrato con i bollandisti e li aveva varie volte visitati mentre quelli compivano le loro indagini presso i padri oratoriani. « Nostrum laborem commendavit », scriveva l'Henschenio il 22 gennaio, e certamente dal dotto fiorentino ebbero molte notizie e trascrizioni e ricevettero in dono anche varii manoscritti ed una particolare presentazione per il dotto fiorentino Carlo Strozzi, presso il quale trovarono la più larga accoglienza.».
  3. ^ (EN) Pietro Diacono, Herbert Bloch, The Atina dossier of Peter the Deacon of Monte Cassino: a hagiographical romance of the twelfth century, Roma, Biblioteca apostolica vaticana, 1998, p. 70, ISBN 9788821006821.
    «Although Henschen and Papebroch stayed in Rome until October, 1661, they soon realized that — even with competent help — they could not possibly gather the masses of relevant material in the Bibliotheca Vaticana alone, not to speak of Rome's many other more or less public and private libraries. All the more grateful were the two Bollandists for the help they received from many quarters. One of those who opened his libraries to them was Cardinal Brancaccio, bishop of Viterbo, whom we have mentioned before. Another was Ughelli himself, who had met them soon after their arrival and visited them at work in the library of the Oratorians. « Nostrum laborem commendavit » Henschen wrote to Bolland on January 22, 1661. Ughelli gave them notes, texts, and finally also various manuscripts.».
  4. ^ a b Malena, 2013.
  5. ^ Girolamo Tiraboschi, Storia Della Letteratura Italiana, VIII, Roma, per Luigi Perego Salvioni stampator vaticano nella Sapienza, 1785, p. 122.
    «Ei fu il primo a formar l'idea di darci la serie di tutti i Vescovi delle Chiese d'Italia, non già coll'indicarne semplicemente i nomi, o col formarne uno sterile elogio ma coll'illustrare la storia di ciascheduna Chiesa colla pubblicazione de' monumenti [documenti] ne' loro archivi serbati.».
  6. ^ Bertelli, 1967, p. 369.
  7. ^ Costa, 1977, p. 182.
  8. ^ (EN) Simon Ditchfield, What Was Sacred History? (Mostly Roman) Catholic Uses of the Christian Past after Trent, in Katherine Van Liere, Simon Ditchfield, Howard Louthan (a cura di), Sacred History: Uses of the Christian Past in the Renaissance World (Oxford, Oxford University Press), 2012, p. 85, ISBN 9780199594795.
    «The collection of 1,533 letters letters from 438 correspondents written to Ughelli and now held in the Vatican Library reveals not only the extent to which the Cistercian scholar was dependent on a network of informants to fill the gaps in his local knowledge but also the degree to which he himself was regarded by such local Baronios as a potential source of information relevant to their own churches.».
  9. ^ L.A. Muratori, Epistolario, XII a c. di M. Campori, Modena, 1911, pp. 5423-25, n. 5868.
  10. ^ Morelli, 1990, p. 261.
  11. ^ René François Rohrbacher, Storia universale della Chiesa Cattolica dal principio del mondo sino al dì nostri, Biblioteca Ecclesiastica Editrice, 1862, p. 33.
  12. ^ (EN) Denys Hay, Annalists and Historians: Western Historiography from the VIIIth to the XVIIIth Century, Routledge, 2016, p. 164, ISBN 978-1138193017.
  13. ^ Luigi Mezzadri, Paola Vismara, La Chiesa tra Rinascimento e illuminismo, Città Nuova Editrice, 2006, p. 233, ISBN 9788831103404.
  14. ^ Hay, 1987, p. 226.
    «The Italia Sacra and the Gallia Christiana were simply the first elaborate and sophisticated treatments of their themes and were not to be superseded for centuries. In many ways, Ughelli's book is still essential for anyone working on Italian church history and it has never had the total revision which it merits.»
    .
  15. ^ Vitae et res gestae pontificum Romanorum et S.R.E. cardinalium ab initio nascentis Ecclesiae, vsque ad Vrbanum 8. pont. max. auctoribus m. Alphonso Ciaconio, Francisco Cabrera Morali, & Andrea Victorello. Alia plura Victorellus, et Ferdinandus Vghellus ex mss. praesertim monumentis addiderunt. Hieronymus Aleander I.C. & alij Ciaconianum opus recensuerunt, Romae : typis Vaticanis, 1630.

BibliografiaModifica

  • Giorgio Morelli: L'abate Ferdinando Ughelli nel terzo centenario della morte (1670-1970), in: Strenna dei Romanisti 32 (1972) pp. 246–250.
  • Giorgio Morelli, Monumenta Ferdinandi Ughelli Barb. Lat. 3204–3249, in Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae (Città del Vaticano), IV (Studi e testi, 338), 1990, pp. 243–280.
  • Giorgio Morelli: Lettere inedite di storici abruzzesi a Ferdinando Ughelli, in: Abruzzo. Rivista dell'Istituto Studi Abruzzesi 12 (1974) pp. 83–99.
  • Armando Costa, I vescovi di Trento: notizie, profili, Trento, Edizioni diocesane, 1977.
  • Carlo Cartari, Genesi di Albero et istoria della famiglia dè conti di Marsciano dell'Abbate Ferdinando Ughelli, a cura di Uberto Rossi di Marsciano, Amazon Distribution, 2019, ISBN 9781791944667.
  • Pio Paschini, Ughelli, Ferdinando, in Enciclopedia Cattolica, XII, 1953, col. 704.
  • Gaetano Moroni, Ughelli Ferdinando, in Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni, LXXXIII, Tipografia Emiliana, 1857, pp. 8-12.
  • Giuseppe Manacorda, L'Allacci e l'Italia sacra dell'Ughelli, in Studi storici, XII, 1903, pp. 453-66.
  • Sergio Bertelli, Storiografi, eruditi, antiquari e politici, in Emilio Cecchi, Natalino Sapegno (a cura di), Storia della letteratura italiana (Milano, Garzanti), 5° vol., Il Seicento, 1967, pp. 319-414.
  • (EN) Denys Hay, Muratori and British Historians, in L.A. Muratori storiografo, Atti del Convegno internazionale di studi muratoriani, Modena 1972, Firenze 1975, pp. 323-39.
  • Denys Hay, Storici e cronisti dal Medioevo al XVIII secolo, Roma-Bari, Casa editrice Giuseppe Laterza & figli, 1981, ISBN 978-8842017974.
  • (EN) Denys Hay, Scholars and ecclesiastical history in the early modern period. The influence of Ferdinando Ughelli, in Phyllis Mack, Margaret C. Jacob (a cura di), Politics and culture in early modern Europe. Essays in honour of H.G. Koenigsberger (Cambridge, Cambridge University Press), 1987, pp. 215-29, ISBN 9780521527026.
  • Serafino Prete, Alcune lettere inedite dirette a Ferdinando Ughelli autore di "Italia sacra" da vescovi delle diocesi marchigiane (sec. XVII), «Studia Picena», 1989, 54, pp. 59-73.
  • (DE) Herman H. Schwedt, Ughelli Ferdinando, in Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon, vol. 12, Herzberg, 1997, coll. 812-16, ISBN 3-88309-068-9.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57421589 · ISNI (EN0000 0001 1867 4394 · SBN IT\ICCU\LO1V\133478 · LCCN (ENn88106334 · GND (DE119298341 · BNF (FRcb10690162w (data) · BAV ADV10310306 · CERL cnp00874304 · WorldCat Identities (ENn88-106334