Ferdinando d'Aviz (1507-1534)

Ferdinando d'Aviz (Abrantes, 5 giugno 1507Abrantes, 7 novembre 1534) è stato un principe portoghese e duca di Guarda e Trancoso.

Ferdinando d'Aviz
Regno del Portogallo
Casa d'Aviz
Brasão de armas do reino de Portugal (1385).svg

Giovanni I
Edoardo I
Figli
Alfonso V
Figli
Giovanni II
Figli
Manuele I
Giovanni III
Figli
Sebastiano I
Enrico I

BiografiaModifica

Era figlio del re Manuele I del Portogallo e della seconda moglie Maria d'Aragona e Castiglia.

Alla nascita suo padre lo nominò duca di Guarda, Signore di Alfaiates, Sabugal, Trancoso, Lamego, Marialva e Abrantes.

Nel 1530 sposò Guiomar Coutinho, contessa di Marialva e di Loulé, ricca ereditiera appartenente alla nobiltà portoghese. Il matrimonio venne voluto da Giovanni III del Portogallo, fratello di Ferdinando.

La coppia ebbe due figli[1]:

  • Luisa (Abrantes, 1531-ottobre 1534);
  • Un bambino (Abrantes, 1º agosto 1533), morì poco dopo la nascita.

Nel giro di tre mesi, oltre Ferdinando, morirono anche Luisa e Guiomar.

Albero genealogicoModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Edoardo del Portogallo Giovanni I del Portogallo  
 
Filippa di Lancaster  
Ferdinando d'Aviz  
Eleonora d'Aragona Ferdinando I di Aragona  
 
Eleonora d'Alburquerque  
Manuele I del Portogallo  
Giovanni d'Aviz Giovanni I del Portogallo  
 
Filippa di Lancaster  
Beatrice d'Aviz  
Isabella di Braganza Alfonso I di Braganza  
 
Beatriz Pereira de Alvim  
Ferdinando d'Aviz  
Giovanni II di Aragona Ferdinando I di Aragona  
 
Eleonora d'Alburquerque  
Ferdinando II di Aragona  
Giovanna Enríquez Federico Enriquez  
 
Mariana Fernández de Córdoba y Ayala  
Maria d'Aragona e Castiglia  
Giovanni II di Castiglia Enrico III di Castiglia  
 
Caterina di Lancaster  
Isabella di Castiglia  
Isabella d'Aviz Giovanni d'Aviz  
 
Isabella di Braganza  
 

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, Garzanti, 1999

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN28607180 · LCCN (ENn87939149 · WorldCat Identities (ENlccn-n87939149