Apri il menu principale

Fernando De Ritis

medico, scienziato e filantropo italiano

BiografiaModifica

Nacque da Camillo e da Maria Dell'Orefice. Si laureò in Medicina. Fu professore universitario e ricercatore di fama internazionale.

Nel 1955 scoprì all'Università di Napoli, insieme con Mario Coltorti e Giuseppe Giusti [1][2], che l'epatite virale è in relazione con l'aumento sierico delle transaminasi, creando un test clinico valido ancora oggi nel riconoscere la sofferenza delle cellule epatiche nelle malattie del fegato.

Nel 1957 descrisse per la prima volta l'importanza del rapporto tra GOT (glutammato-aspartato transaminasi) o AST (aspartato aminotransferasi) e GPT (glutammato-alanina transaminasi) o ALT (alanina amino transferasi) nel siero umano per la diagnosi delle malattie del fegato [3][4]. Da allora questo rapporto è indicato internazionalmente come “Indice di De Ritis”.

Ottenne la cattedra di Clinica Medica dell'Università di Napoli che mantenne fino al 1982. Fu Direttore dell'Istituto di Specializzazione di Medicina Interna dell'Università di Napoli, esperto per lo studio dell'epatite virale all'interno dell'Organizzazione mondiale della sanità, responsabile per lo studio del colera durante l'epidemia che colpì Napoli nel 1973. Fu autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche [5].

Fu anche un grande filantropo: lasciò 125 milioni all'Università di Chieti per borse di studio [6] e quasi tutti i suoi averi all'Abbazia di Montecassino, ai poveri e al Comune di Fara Filiorum Petri [7][8].

OnorificenzeModifica

Il 24 maggio 1968 fu insignito della Medaglia d'oro al merito della sanità pubblica dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat [9].

Il 9 giugno 1976 fu insignito della Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone [10].

Presso l'Università di Napoli Federico II gli è stata intitolata la Biblioteca del Dipartimento di medicina clinica e sperimentale della Facoltà di medicina e chirurgia [11].

A Fara Filiorum Petri gli è stata intitolata la Biblioteca comunale [12].

NoteModifica

  1. ^ F. De Ritis, M. Coltorti e G. Giusti, in Minerva Medica, XLVI (1955), p. 1207
  2. ^ La chimica del fegato: le Transaminasi ed i test chimico-clinici che indicano una lesione delle cellule epatiche
  3. ^ [De Ritis F, Coltorti M, Giusti G. An enzymic test for the diagnosis of viral hepatitis; the transaminase serum activities. Clin Chim Acta. 1957;2:70–4]
  4. ^ The De Ritis Ratio: The Test of Time
  5. ^ [1]
  6. ^ [2]
  7. ^ Fara, ricorda Fernando De Ritis: medico, ricercatore e filantropo d’Abruzzo
  8. ^ :: CITTA' :: Archivi e Biblioteche
  9. ^ [3]
  10. ^ [4]
  11. ^ [5]
  12. ^ Biblioteca comunale F. De Ritis

BibliografiaModifica

Gaetano Parise - Fara Filiorum Petri Una pinacoteca a cielo aperto - Editore lulu.com (ISBN 1291240519; ISBN 9781291240511)

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie