Apri il menu principale
Fernando Muslera
Fernando Muslera 2018.jpg
Muslera con la maglia dell'Uruguay nel 2018.
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 191 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Galatasaray
Carriera
Giovanili
2001-2004Wanderers (M)
Squadre di club1
2004-2007Wanderers (M)44 (-?)
2007Nacional4 (-?)
2007-2011Lazio100 (-116)
2011-Galatasaray231 (-238; 1)[1]
Nazionale
2002-2003Uruguay Uruguay U-177 (-?)
2005Uruguay Uruguay U-209 (-8)
2009-Uruguay Uruguay114 (-119)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Argentina 2011
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 settembre 2018

Néstor Fernando Muslera Micol (Buenos Aires, 16 giugno 1986) è un calciatore uruguaiano, portiere del Galatasaray e della nazionale uruguaiana, con cui si è laureato campione del Sudamerica nel 2011.

CarrieraModifica

ClubModifica

I primi passiModifica

I primi campionati da professionista li ha disputati nella Primera Division uruguayana. Dal 2004 al 2006 ha vestito i colori del Montevideo Wanderers con cui ha giocato 44 incontri. Prima di arrivare in Italia, acquistato nell'estate del 2007 dalla Lazio, ha militato nel Nacional Montevideo, squadra con cui ha disputato 4 partite.

LazioModifica

 
Muslera con la Lazio nel 2009.

La squadra romana lo ha acquistato per una cifra di circa 3 milioni di euro. I biancocelesti avevano acquistato in precedenza il portiere argentino Juan Pablo Carrizo con l'intento di sostituire Angelo Peruzzi, ritiratosi dall'attività agonistica, ma a causa dei problemi legati al passaporto di Carrizo[2] hanno dovuto acquistare Muslera, al quale è stata assegnata la maglia numero 1. È stato il quinto uruguaiano nella storia della Lazio. Ha esordito in Serie A il 15 settembre 2007 allo Stadio Olimpico di Roma nella partita Lazio-Empoli (0-0) (3ª giornata del campionato 2007-2008). Alla 7ª giornata, nella sua quinta partita consecutiva, è stato protagonista in negativo nella sconfitta casalinga contro il Milan per 1-5, commettendo errori decisivi[3]. Nelle partite successive di campionato viene relegato in panchina, mentre torna titolare nella Coppa Italia nelle gare contro il Napoli e la Fiorentina. Salva la qualificazione contro il Napoli con un intervento nel finale, deviando sulla traversa il tiro che avrebbe portato le squadre ai supplementari. Alla 32ª giornata del campionato, il 6 aprile 2008, torna titolare in occasione del pareggio per 2-2 in casa del Parma; malgrado le due reti incassate, disputa una buona partita compiendo due parate impegnative. Viene di nuovo utilizzato nel turno di campionato successivo Lazio-Siena ed è nuovamente protagonista di una papera che fissa il risultato sull'1-1 all'88'[4]. Il tecnico della Lazio, Delio Rossi, lo relega in panchina per le due partite successive, affidando la porta laziale al quarantaquattrenne veterano Marco Ballotta, per poi schierarlo nuovamente titolare nella 36ª giornata, in casa contro il Palermo, gara in cui ha parato un rigore calciato da Amauri.

Nella stagione 2008-2009, risolti i problemi di passaporto, arriva alla Lazio il portiere argentino Carrizo e Muslera gli cede il numero 1, per indossare l'86 (suo anno di nascita) e fare da secondo portiere.[5] Tuttavia Carrizo non offre grandi prestazioni[6], e Delio Rossi promuove nuovamente titolare il portiere uruguaiano nella gara di gennaio 2009 contro la Sampdoria dove para un rigore[7]. Tra le partite successive si ricorda la semifinale di Coppa Italia nella quale si supera più volte contro la Juventus. È più volte chiamato in causa anche nel suo primo derby contro la Roma, dove si comporta bene contribuendo alla vittoria della Lazio.[8] Il 13 maggio 2009, la finale di Coppa Italia tra Lazio e Sampdoria si decide ai calci di rigore: Muslera ne para uno ad Antonio Cassano ed uno ad Hugo Campagnaro, consegnando alla Lazio la quinta Coppa Italia della sua storia[9]. Anche la stagione successiva vede il giovane uruguagio autore di buone prestazioni. Da ricordare la finale di Supercoppa Italiana contro l'Inter, vinta dalla Lazio per 2-1. Il 20 agosto esordisce in una partita europea, giocando Lazio-Elfsborg (3-0), prima gara della stagione di Europa League. Conclude l'annata 2009-2010 subendo 48 gol in 42 partite. È stato votato settimo portiere al Mondo dalla Federazione Internazionale di Storia e Statistica del calcio (IFFHS).[10]

GalatasarayModifica

 
Muslera nella sua prima stagione con la maglia del Galatasaray nel 2011.

Il 20 luglio 2011, come contropartita per il trasferimento di Cana alla Lazio e un conguaglio economico vicino ai 3 milioni di euro, viene ufficializzato il suo passaggio al club turco del Galatasaray per i successivi 4 anni[11]. Esordisce nella Süper Lig, l'11 settembre 2011, nella sconfitta per 2-0 contro l'İstanbul B.B..[12] L'8 aprile 2012, durante l'ultima partita di campionato, realizza un calcio di rigore contro il Manisapor nella vittoria per 4-0.[13][14] Il 12 maggio 2012 si laurea campione di Turchia, vincendo i play-off per il titolo contro Fenerbahçe, Trabzonspor e Beşiktaş.[15]

Il 12 agosto 2012, all'inizio della sua seconda stagione in terra turca, vince la Supercoppa turca, il suo secondo titolo con il Galatasaray, battendo per 3-2 il Fenerbahçe.[16] Il successivo 19 settembre esordisce in Champions League contro il Manchester United, nella partita vinta per 1-0 dagli inglesi. Il 5 maggio 2013 vince il suo secondo campionato turco con il Galatasaray.[17]

La terza stagione, con la maglia del club turco, inizia con la vittoria della Supercoppa turca, vinta ai danni del Fenerbahçe, grazie al gol, al minuto 99 durante i tempi supplementari, di Didier Drogba, per Muslera è il quarto trofeo vinto con il Galatasaray.[18]

Il 25 agosto 2014 perde la Supercoppa turca, poiché il Galatasaray viene battuto, ai calci di rigore, dal Fenerbahçe. Il 25 maggio 2015, grazie al pareggio del Fenerbahçe secondo in classifica, vince il suo terzo campionato turco. Il 3 giugno successivo aggiunge alla bacheca dei trofei anche la sua seconda Coppa di Turchia poiché la sua squadra batte, in finale, il Bursaspor per 3-2.

L'8 agosto 2015 vince la sua terza Supercoppa turca poiché il Galatasaray batte il Bursaspor per 1-0. Il 26 maggio 2016, dopo una stagione costellata dai vari problemi finanziari del club che lo hanno portato ad una profonda crisi di risultati, vince la sua terza Coppa di Turchia poiché la sua squadra si impone, per 1-0, sul Fenerbahçe.

Il 14 agosto 2016 vince la sua quarta Supercoppa turca poiché la sua squadra si impone, ai calci di rigore, sui rivali del Beşiktaş. Il 19 maggio 2018 vince il suo quarto campionato turco.

NazionaleModifica

Colleziona 9 presenze in Nazionale Under 17, e 9 presenze in Nazionale Under 20 (Colombia 2005).

Viene convocato per la prima volta in Nazionale maggiore, la "Celeste", dal tecnico Óscar Tabárez per le sfide contro Perù e Colombia valide per le qualificazioni ai Mondiali 2010.

Il 10 ottobre 2009 debutta da titolare nella Celeste in occasione della vittoriosa gara di qualificazione ai Mondiali 2010 contro l'Ecuador. L'Uruguay vince 1-2 in rimonta con un gol nei minuti di recupero. Il 14 novembre 2009, alla sua terza presenza, esce per la prima volta imbattuto nella vittoria esterna per 0-1 ai danni della Costa Rica; grazie al pareggio per 1-1 nella gara di ritorno, l'Uruguay si qualifica per i Mondiali sudafricani.

Nella fase finale del Mondiale 2010 è il portiere titolare della Nazionale e chiude la fase a gironi senza subire nemmeno un gol (unico a riuscire nell'impresa assieme ad Eduardo del Portogallo). Il 2 luglio 2010, para due dei tiri di rigore dei quarti di finale Uruguay - Ghana, uno di John Mensah e l'altro di Dominic Adiyiah, trascinando la Celeste alle semifinali per la prima volta dal 1970. In tale occasione diventa il portiere più giovane ad essere arrivato alla semifinale di un mondiale[19]. L'Uruguay verrà poi sconfitto per 3-2 dai Paesi Bassi e perderà, con lo stesso risultato, anche la finale per il terzo posto contro la Germania[20].

 
Muslera con la maglia dell'Uruguay nel 2012.

Durante la Copa América 2011 subisce soltanto due gol nella fase a gironi ed uno nei quarti. Il 16 luglio 2011 para un rigore a Carlos Tévez durante i calci di rigore dei quarti di finale Argentina - Uruguay, permettendo alla Celeste la vittoria per 6-5 d.c.r. ed il passaggio alla semifinale[21]. Il 19 luglio 2011, l'Uruguay conquista la finale della Copa América 2011 sconfiggendo il Perù per 2-0.

Il 24 luglio 2011 vince la Coppa America grazie alla vittoria per 3-0 nella finale contro il Paraguay[22]. Malgrado abbia terminato il torneo con soli 3 gol al passivo, il premio di miglior portiere della manifestazione viene assegnato al paraguaiano Justo Villar[23].

Il 5 maggio 2013 viene inserito, da Óscar Tabárez, nella lista dei 23 convocati per la Confederations Cup 2013 in Brasile. Esordisce nella competizione il 16 giugno in occasione della prima partita della fase a gironi contro la Spagna; la partita viene vinta per 2-1 dalle Furie rosse.[24] Il 23 giugno l'Uruguay passa il girone come seconda e in semifinale pesca i padroni di casa del Brasile. Tre giorni dopo l'Uruguay viene sconfitto in semifinale per 2-1.[25] Il 30 giugno l'Uruguay perde anche la finale, per il 3º posto, ai calci di rigore contro l'Nazionale di calcio dell'Italia.[26] Muslera conclude il torneo con 4 presenze e 7 gol subiti.

 
Muslera con la maglia dell'Uruguay nel 2014.

Nel 2014 partecipa al suo secondo mondiale in carriera, difatti l'esordio nel Campionato mondiale di calcio 2014 arriva il 14 giugno nella sconfitta per 3-1 contro la Costa Rica. Il 24 giugno successivo passa il turno come seconda qualificata dietro la Costa Rica, ma davanti ad Italia ed Inghilterra. Il 28 giugno 2014, l'Uruguay non supera gli ottavi di finale, perdendo la partita contro la Colombia per 2-0.

Il 23 maggio 2015 viene convocato per partecipare alla Copa América 2015 che si disputerà in Cile. Scende in campo in occasione della prima partita della fase a gironi vinta, per 1-0, contro la Giamaica. Il 21 giugno, anche se l'Uruguay si piazza solo al terzo posto, dietro Argentina e Paraguay, si qualifica, come una delle due squadre migliori che si sono piazzate al terzo posto nella fase a gironi, per i quarti di finale dove affronteranno il Cile.[27] Il 24 giugno 2015 conclude anzitempo il torneo poiché l'Uruguay viene battuto, per 1-0, dai padroni di casa del Cile.[28]

Il 26 marzo 2016, in occasione della partita, valida per la qualificazione al mondiale 2018 e pareggiata per 2-2, contro il Brasile raggiunge quota 78 presenze; le stesse di Rodolfo Rodríguez, un altro storico portiere della Nazionale uruguaiana, divenendo così il portiere con più presenze con la maglia celeste.

Il 14 maggio 2016 viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti.[29] L'esordio nella competizione arriva il 6 giugno in occasione della 1ª partita persa, per 3-1, contro il Messico. Per lui e la sua squadra la competizione termina alla fase a gironi poiché, piazzandosi al 3º posto, non riesce a superare tale turno.

Il 2 giugno 2018 è stato selezionato tra i 23 giocatori che hanno partecipato al Campionato mondiale di calcio 2018 in Russia[30], nella quale ha ricoperto il ruolo di titolare, scendendo in campo in tutte e 5 le partite della squadra nella competizione. Ha così raggiunto la cifra di tre partecipazioni alla competizione iridata. Il 25 giugno, in occasione della partita contro la Russia, ha collezionato la presenza numero 14 in una fase finale della Coppa del mondo, superando il connazionale Ladislao Mazurkiewicz[31]. Nella stessa partita ha inoltre indossato per la centesima volta la maglia della sua nazionale[32]. Dopo aver mantenuto la porta inviolata in tutte e tre le partite della fase a gironi, si è reso protagonista di un errore nella gara dei quarti di finale contro la Francia, contribuendo all'eliminazione della compagine uruguayana dal torneo[33].

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 1º settembre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004   Wanderers (M) PDU 2 -? - - - - - - - - - 2 -?
2005 PDU 9 -? - - - - - - - - - 9 -?
2006 PDU 20 -? - - - - - - - - - 20 -?
2006-2007 PDU 13 -? - - - - - - - - - 13 -?
Totale Montevideo Wanderers 44 -? - - - - - - 44 -?
2007-2008   Nacional PDU 4 -? - - - CL 7 -8 - - - 11 -8+
2007-2008   Lazio A 9 -15 CI 4 -4 UCL 0 -0 - - 13 -19
2008-2009 A 15 -22 CI 6 -5 - - - - - - 21 -27
2009-2010 A 36 -41 CI 2 -3 UEL 4 -4 SI 1 -1 43 -49
2010-2011 A 36 -38 CI 0 -0 - - - - - - 36 -38
Totale Lazio 96 -116 12 -12 4 -4 1 -1 113 -133
2011-2012   Galatasaray SL 33+6[34] -23 + -6[34]; 1 CT 0 -0 - - - - - - 39 -29; 1
2012-2013 SL 33 -33 CT 0 -0 UCL 10 -14 ST 1 -2 44 -49
2013-2014 SL 29 -25 CT 3 -4 UCL 6 -12 ST 1 -0 39 -41
2014-2015 SL 32 -34 CT 1 -1 UCL 5 -15 ST 1 -0 39 -50
2015-2016 SL 33 -46 CT 6 -4 UCL+UEL 6+2 -10 + -4 ST 1 -0 48 -64
2016-2017 SL 34 -39 CT 0 -0 - - - ST 1 -1 35 -41
2017-2018 SL 33 -33 CT 3 -4 UEL 2[35] -3[35] - - - 38 -40
2018-2019 SL 4 -5 CT 0 0 UCL 0 0 ST 1 -1 5 -6
Totale Galatasaray 231+6[34] -238 + -6[34]; 1 13 -13 31 -58 6 -4 287 -319; 1
Totale carriera 381 -360+; 1 25 -25 42 -70 7 -5 455 -460+; 1

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Uruguay
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-10-2009 Quito Ecuador   1 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2010 -1
14-10-2009 Montevideo Uruguay   0 – 1   Argentina Qual. Mondiali 2010 -1
14-11-2009 San José Costa Rica   0 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2010 -
18-11-2009 Montevideo Uruguay   1 – 1   Costa Rica Qual. Mondiali 2010 -1
3-3-2010 San Gallo Svizzera   1 – 3   Uruguay Amichevole -1
25-5-2010 Montevideo Uruguay   4 – 1   Israele Amichevole -1
11-6-2010 Città del Capo Uruguay   0 – 0   Francia Mondiali 2010 - 1º Turno -
16-6-2010 Pretoria Sudafrica   0 – 3   Uruguay Mondiali 2010 - 1º Turno -
22-6-2010 Bloemfontein Messico   0 – 1   Uruguay Mondiali 2010 - 1º Turno -
26-6-2010 Port Elizabeth Uruguay   2 – 1   Corea del Sud Mondiali 2010 - Ottavi di finale -1
2-7-2010 Johannesburg Uruguay   1 – 1 dts
(5 - 3 dcr)
  Ghana Mondiali 2010 - Quarti di finale -1
6-7-2010 Città del Capo Paesi Bassi   3 – 2   Uruguay Mondiali 2010 - Semifinale -3
10-7-2010 Port Elizabeth Germania   3 – 2   Uruguay Mondiali 2010 - Finale 3º posto -3
11-8-2010 Lisbona Angola   0 – 2   Uruguay Amichevole -
12-10-2010 Wuhan Cina   0 – 4   Uruguay Amichevole -
18-11-2010 Santiago del Cile Cile   2 – 0   Uruguay Amichevole -2
29-3-2011 Dublino Irlanda   2 – 3   Uruguay Amichevole -2
29-5-2011 Sinsheim Germania   2 – 1   Uruguay Amichevole -2
8-6-2011 Montevideo Uruguay   1 – 1   Paesi Bassi Amichevole -1
23-6-2011 Rivera Uruguay   3 – 0   Estonia Amichevole -
4-7-2011 San Juan Uruguay   1 – 1   Perù Coppa America 2011 - 1º turno -1
8-7-2011 Mendoza Uruguay   1 – 1   Cile Coppa America 2011 - 1º turno -1
12-7-2011 La Plata Uruguay   1 – 0   Messico Coppa America 2011 - 1º turno -
16-7-2011 Santa Fe Argentina   1 – 1 dts
(4 - 5 dcr)
  Uruguay Coppa America 2011 - Quarti di finale -1
19-7-2011 La Plata Perù   0 – 2   Uruguay Coppa America 2011 - Semifinale -
24-7-2011 Buenos Aires Uruguay   3 – 0   Paraguay Coppa America 2011 - Finale -
2-9-2011 Charkiv Ucraina   2 – 3   Uruguay Amichevole -2
7-10-2011 Montevideo Uruguay   4 – 2   Bolivia Qual. Mondiali 2014 -2
11-10-2011 Asunción Paraguay   1 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -1
11-11-2011 Montevideo Uruguay   4 – 0   Cile Qual. Mondiali 2014 -
15-11-2011 Roma Italia   0 – 1   Uruguay Amichevole -   86’
29-2-2012 Bucarest Romania   1 – 1   Uruguay Amichevole -1
25-5-2012 Mosca Russia   1 – 1   Uruguay Amichevole -1
2-6-2012 Montevideo Uruguay   1 – 1   Venezuela Qual. Mondiali 2014 -1
10-6-2012 Montevideo Uruguay   4 – 2   Perù Qual. Mondiali 2014 -2
15-8-2012 Le Havre Francia   0 – 0   Uruguay Amichevole -
7-9-2012 Barranquilla Colombia   4 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -4
11-9-2012 Montevideo Uruguay   1 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2014 -1
12-10-2012 Mendoza Argentina   3 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -3
16-10-2012 La Paz Bolivia   4 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -4
14-11-2012 Danzica Polonia   1 – 3   Uruguay Amichevole -1
7-2-2013 Doha Spagna   3 – 1   Uruguay Amichevole -3
22-3-2013 Montevideo Uruguay   1 – 1   Paraguay Qual. Mondiali 2014 -1
27-3-2013 Santiago del Cile Cile   2 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -2
5-6-2013 Montevideo Uruguay   1 – 0   Francia Amichevole -
12-6-2013 Ciudad Guayana Venezuela   0 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -
17-6-2013 Recife Spagna   2 – 1   Uruguay Conf. Cup 2013 - 1º turno -2
21-6-2013 Salvador Nigeria   1 – 2   Uruguay Conf. Cup 2013 - 1º turno -1
26-6-2013 Belo Horizonte Brasile   2 – 1   Uruguay Conf. Cup 2013 - Semifinale -2
30-6-2013 Salvador Uruguay   2 – 2 dts
(2 - 3 dcr)
  Italia Conf. Cup 2013 - Finale 3º posto -2
14-8-2013 Rifu Giappone   2 – 4   Uruguay Amichevole -2
7-9-2013 Lima Perù   1 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -1
11-9-2013 Montevideo Uruguay   2 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Quito Ecuador   1 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2014 -1
16-10-2013 Montevideo Uruguay   3 – 2   Argentina Qual. Mondiali 2014 -2
5-3-2014 Klagenfurt am Wörthersee Austria   1 – 1   Uruguay Amichevole -1
31-5-2014 Montevideo Uruguay   1 – 0   Irlanda del Nord Amichevole -
5-6-2014 Montevideo Uruguay   2 – 0   Slovenia Amichevole -
14-6-2014 Fortaleza Uruguay   1 – 3   Costa Rica Mondiali 2014 - 1º turno -3
19-6-2014 San Paolo Uruguay   2 – 1   Inghilterra Mondiali 2014 - 1º turno -1
24-6-2014 Natal Italia   0 – 1   Uruguay Mondiali 2014 - 1º turno -   90+1’
28-6-2014 Rio de Janeiro Colombia   2 – 0   Uruguay Mondiali 2014 - Ottavi di finale -2
5-9-2014 Sapporo Giappone   0 – 2   Uruguay Amichevole -
10-10-2014 Gedda Arabia Saudita   1 – 1   Uruguay Amichevole -1
14-11-2014 Montevideo Uruguay   3 – 3 dts
(6 - 7 dcr)
  Costa Rica Amichevole -3
19-11-2014 Santiago del Cile Cile   1 – 2   Uruguay Amichevole -1
28-3-2015 Agadir Marocco   0 – 1   Uruguay Amichevole -
7-6-2015 Montevideo Uruguay   5 – 1   Guatemala Amichevole -1
13-6-2015 Antofagasta Uruguay   1 – 0   Giamaica Coppa America 2015 - 1º turno -
16-6-2015 La Serena Argentina   1 – 0   Uruguay Coppa America 2015 - 1º turno -1
20-6-2015 La Serena Uruguay   1 – 1   Paraguay Coppa America 2015 - 1º turno -1
24-6-2015 Santiago del Cile Cile   1 – 0   Uruguay Coppa America 2015 - Quarti di finale -1
4-9-2015 Panama Panama   0 – 1   Uruguay Amichevole -
8-10-2015 La Paz Bolivia   0 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -
13-10-2015 Montevideo Uruguay   3 – 0   Colombia Qual. Mondiali 2018 -
12-11-2015 Quito Ecuador   2 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -2
18-11-2015 Montevideo Uruguay   3 – 0   Cile Qual. Mondiali 2018 -
26-3-2016 Recife Brasile   2 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -2
29-3-2016 Montevideo Uruguay   1 – 0   Perù Qual. Mondiali 2018 -
6-6-2016 Glendale Messico   3 – 1   Uruguay Coppa America Centenario - 1º turno -3
10-6-2016 Filadelfia Uruguay   0 – 1   Venezuela Coppa America Centenario - 1º turno -1
14-6-2016 Santa Clara Uruguay   3 – 0   Giamaica Coppa America Centenario - 1º turno -
1-9-2016 Mendoza Argentina   1 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -1
7-9-2016 Montevideo Uruguay   4 – 0   Paraguay Qual. Mondiali 2018 -
6-10-2016 Montevideo Uruguay   3 – 0   Venezuela Qual. Mondiali 2018 -
11-10-2016 Barranquilla Colombia   2 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -2   80’
11-11-2016 Montevideo Uruguay   2 – 1   Ecuador Qual. Mondiali 2018 -1
16-11-2016 Ñuñoa Cile   3 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -3   76’
28-3-2017 Lima Perù   2 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -2
7-6-2017 Nizza Italia   3 – 0   Uruguay Amichevole -3
31-8-2017 Montevideo Uruguay   0 – 0   Argentina Qual. Mondiali 2018 -
5-9-2017 Asunción Paraguay   1 – 2   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -1
5-10-2017 San Cristóbal Venezuela   0 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2018 -
10-10-2017 Montevideo Uruguay   4 – 2   Bolivia Qual. Mondiali 2018 -2
23-3-2018 Nanning Uruguay   2 – 0   Rep. Ceca Amichevole -
26-3-2018 Nanning Galles   0 – 1   Uruguay Amichevole -
8-6-2018 Montevideo Uruguay   3 – 0   Uzbekistan Amichevole -
15-6-2018 Ekaterinburg Egitto   0 – 1   Uruguay Mondiali 2018 - 1º turno -
20-6-2018 Rostov Uruguay   1 – 0   Arabia Saudita Mondiali 2018 - 1º turno -
25-6-2018 Samara Uruguay   3 – 0   Russia Mondiali 2018 - 1º turno -
30-6-2018 Soči Uruguay   2 – 1   Portogallo Mondiali 2018 - Ottavi di finale -1
6-7-2018 Nižnij Novgorod Uruguay   0 – 2   Francia Mondiali 2018 - Quarti di finale -2
8-9-2018 Houston Messico   1 – 4   Uruguay Amichevole -1
12-10-2018 Seul Corea del Sud   2 – 1   Uruguay Amichevole -2   65’
16-10-2018 Saitama Giappone   4 – 3   Uruguay Amichevole -4
22-3-2019 Nanning Uruguay   3 – 0   Uzbekistan Amichevole -
25-3-2019 Nanning Uruguay   4 – 0   Thailandia Amichevole -
7-6-2019 Montevideo Uruguay   3 – 0   Panama Amichevole -
16-6-2019 Belo Horizonte Uruguay   4 – 0   Ecuador Coppa America 2019 - 1º turno -
20-6-2019 Porto Alegre Uruguay   2 – 2   Giappone Coppa America 2019 - 1º turno -2
24-6-2019 Rio de Janeiro Cile   0 – 1   Uruguay Coppa America 2019 - 1º turno -
29-6-2019 Salvador de Bahia Uruguay   0 – 0
(4 – 5 dcr)
  Perù Coppa America 2019 - Quarti di finale -
7-9-2019 San José Costa Rica   1 – 2   Uruguay Amichevole -2 cap.
10-9-2019 Saint Louis Stati Uniti   1 – 1   Uruguay Amichevole -1 cap.
Totale Presenze (4º posto) 114 Reti -119

PalmarèsModifica

NazionaleModifica

Argentina 2011

IndividualeModifica

2014, 2016
  • Squadra dell'anno della TSYD:1
2015
2014-2015
2014-2015
2014-2015

NoteModifica

  1. ^ 237 (-244; 1) se si comprendono anche le partite disputate nei play-off per il titolo.
  2. ^ Allarme Carrizo. Rischia di saltare il tesseramento, in www.goal.com. URL consultato il 12 aprile 2008.
  3. ^ Quando Muslera fa il Dida, in Gazzetta.it, 8 ottobre 2007.
  4. ^ Muslera ci ricasca, il Siena va, in Gazzetta.it, 14 aprile 2008.
  5. ^ Muslera cede la «numero uno» a Carrizo (Il Tempo)[collegamento interrotto], 18 luglio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.
  6. ^ Lazio contestata, i più insultati Carrizo e Rossi, in Tuttosport.it, 30 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2010).
  7. ^ Serie A - Cassano strepitoso, Lazio in bambola (Eurosport), 28 gennaio 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  8. ^ La rivincita di Muslera: "Lavoro contro un incubo", la Repubblica, 9 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  9. ^ Alla Lazio la finale infinita Campagnaro condanna la Samp, in Gazzetta.it, 13 maggio 2009.
  10. ^ La rivincita di Muslera: La scalata di Muslera, votato settimo portiere al Mondo, lalaziosiamonoi.it, 4 gennaio 2011. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  11. ^ Ufficiale: Muslera al Galatasaray, Tuttomercatowe.com, 20 luglio 2011.
  12. ^ Risultato İstanbul Büyükşehir Belediyesi Spor Kulübü - Galatasaray Spor Kulübü, Uefa.com, 11 settembre 2011.
  13. ^ Manisaspor-Galatasaray 0-4 Transfermarkt.it
  14. ^ Che sorpresa: Muslera segna nel Galatasaray[collegamento interrotto], quotidianamente.net, 10 aprile 2012.
  15. ^ Turchia, il Galatasaray di Terim ha vinto il campionato, tuttomercatoweb.com, 12 maggio 2012.
  16. ^ Turchia, il Galatasaray vince la Supercoppa, sportlive.it, 13 agosto 2012. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2013).
  17. ^ Galatasaray campione in Turchia, uefa.com, 5 maggio 2013.
  18. ^ Galatasaray, vittoria in Supercoppa grazie all'eterno Drogba, tuttomercatoweb.com, 12 agosto 2013.
  19. ^ Storico Uruguay! È semifinale Dramma Ghana ai rigori, La Gazzetta dello Sport, 2 luglio 2010.
  20. ^ Sul podio sale la Germania. Muslera fa piangere l'Uruguay, La Gazzetta dello Sport, 11 luglio 2010.
  21. ^ Coppa America 2011 Argentina Uruguay 5-6 d.c.r Super Muslera, ReveNEWS, 17 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  22. ^ Coppa America, 3-0 all'Albirroja: Uruguay campione, Tuttomercatoweb.com. URL consultato il 24 luglio 2011.
  23. ^ BEST GOALKEEPER OF THE COPA AMÉRICA - PETROBRAS TROPHY: JUSTO VILLAR, Ca2011.com. URL consultato il 24 luglio 2011.
  24. ^ Spain 2 - Uruguay 1 fifa.com
  25. ^ Brazil 2 - Uruguay 1 fifa.com
  26. ^ Uruguay 2 - Italy 2 fifa.com
  27. ^ Copa América quarter-finals: Colombia face Argentina and Chile meet Uruguay, ca2015.com. URL consultato il 23 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2015).
  28. ^ Mauricio Isla fires Chile through as reigning champions are knocked out, ca2015.com. URL consultato il 24 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  29. ^ (ES) #Copa100 - Plantel confirmado, su auf.org.uy, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2016).
  30. ^ A. Seu, Mondiali, Uruguay con 5 italiani: ecco i 23 di Tabarez, in Gazzetta.it, 2 giugno 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  31. ^ S Fonsato, Le pagelle di Uruguay-Russia 3-0: Laxalt imprendibile, Cavani si sblocca; disastro Smolnikov, in Eurosport.com, 25 giugno 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  32. ^ S. Fonsato, Uruguay da urlo: 3-0 alla Russia e primo posto nel gruppo A. Padroni di casa secondi, in Eurosport.com, 25 giugno 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  33. ^ A. Sorrentino, Francia-Uruguay 2-0, Varane ed errore di Muslera: Bleus in semifinale, in Repubblica.it, 6 luglio 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  34. ^ a b c d Nei play-off.
  35. ^ a b Nel turno preliminare contro l'Östersund

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica