Fernando Verdasco

tennista spagnolo

Fernando Verdasco Pahima Carmona (Madrid, 15 novembre 1983) è un tennista spagnolo.

Fernando Verdasco
Verdasco RG18 (69) (42929304762).jpg
Fernando Verdasco nel 2018
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 188 cm
Peso 90 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 559-442 (55.84%)
Titoli vinti 7
Miglior ranking 7º (20 aprile 2009)
Ranking attuale 118º (10 ottobre 2022))
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2009)
Francia Roland Garros 4T (2007, 2008, 2009, 2010, 2014, 2017)
Regno Unito Wimbledon QF (2013)
Stati Uniti US Open QF (2009, 2010)
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg Tour Finals RR (2009)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 205-204 (50%)
Titoli vinti 8
Miglior ranking 8º (11 novembre 2013)
Ranking attuale 478º (10 ottobre 2022))
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2009, 2013)
Francia Roland Garros SF (2017)
Regno Unito Wimbledon 3T (2008)
Stati Uniti US Open QF (2004, 2008, 2014)
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg  Tour Finals V (2013)
Palmarès
Transparent.png Coppa Davis
Oro Coppa Davis 2008
Oro Coppa Davis 2009
Oro Coppa Davis 2011
Transparent.png Hopman Cup
Oro Hopman Cup 2013
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 10 ottobre 2022

Ha vinto in singolare 7 tornei del circuito maggiore su 23 finali disputate, tra cui l'unica in un Masters 1000 persa a Monte Carlo nel 2010. In doppio ha vinto 8 delle 13 finali ATP disputate e il risultato più prestigioso è stato il trionfo assieme a David Marrero alle ATP World Tour Finals 2013, competizione che ha giocato anche in singolare nel 2009. Il miglior risultato nelle prove del Grande Slam è stata la semifinale raggiunta in singolare agli Australian Open 2009. Top ten sia nella classifica di singolare sia di doppio, raggiunge la 7ª posizione nel 2009 in singolare e l'8ª nel 2013 in doppio. Ha fatto parte delle squadre spagnole di Coppa Davis che si sono aggiudicate il trofeo nelle edizioni del 2008, 2009 e 2011.

Caratteristiche tecnicheModifica

Ha ottenuto buoni risultati su tutte le superfici, è mancino e gioca il rovescio a due mani piatto o a una mano in slice. Ha anche un ottimo servizio, in grado di raggiungere i 228 km/h se giocato piatto. Considera il diritto il proprio colpo migliore.

CarrieraModifica

Inizi e tornei giovaniliModifica

Comincia a giocare a tennis da bambino con il padre sui campi in cemento che la famiglia ha nel giardino di casa e a quattro anni inizia a prendere lezioni di tennis. A 10 anni si iscrive all'accademia di tennis vicino a casa e inizia a mettersi in luce. A 15 anni la Federazione tennis spagnola gli assegna una borsa di studio e Verdasco si trasferisce a Barcellona. L'anno successivo vince il campionato spagnolo under-16 e alcuni altri tornei.[1][2] Nell'ITF Junior Circuit gioca solo il torneo ragazzi del Roland Garros 2001 e viene eliminato al terzo turno in singolare e in semifinale in doppio.[3]

1999-2001, esordi da professionista e primi titoli ITF in doppioModifica

Fa la sua prima apparizione tra i professionisti nel 1999 e una seconda nel 2000, quando vince il suo primo incontro al torneo ITF Spain F10 e guadagna il primo punto nel ranking. Nel giugno 2001 diventa professionista, inizia a giocare con continuità e il mese successivo alza il primo trofeo vincendo il torneo di doppio all'ITF Spain F2 con Joaquin Munoz-Hernandez. Ad agosto disputa la sua prima finale ITF in singolare, persa dopo 2 tie-break al torneo Spain F7, dove vince il suo secondo titolo in doppio. A settembre debutta nel circuito Challenger con una sconfitta al primo turno in singolare a Siviglia, mentre in doppio si spinge fino ai quarti di finale. Chiude la stagione al numero 464 della classifica ATP in singolare.

2002, primo titolo ITF in singolare, prima finale Challenger e top 200Modifica

Nell'aprile 2002 fa la sua prima esperienza nel circuito maggiore superando le qualificazioni all'Estoril Open, ed esce di scena al primo turno del tabellone principale per mano di Adrian Voinea. A giugno vince il primo torneo in singolare all'ITF Spain F1 delle Canarie e si impone anche nel torneo di doppio. Vince la finale in doppio anche allo Spain F2 e perde quella in singolare allo Spain F3. A luglio supera le qualificazioni al torneo ATP di Sopot e vince il suo primo incontro nel circuito maggiore battendo in tre set al primo turno il nº 155 ATP Mariano Puerta, per poi venire eliminato da Franco Squillari. Subito dopo disputa la sua prima finale Challenger a Siviglia, elimina tra gli altri il nº 124 ATP Cedric Pioline e viene sconfitto da Olivier Mutis per 4-6, 2-6. Con questo risultato guadagna 94 posizioni nel ranking ed entra nella top 300. Con le semifinali raggiunte ai Challenger di Kiev ed Eckental, a novembre sale in 172ª posizione.

2003, terzo turno agli US Open e top 100Modifica

Nel 2003 si presenta per la prima volta alle qualificazioni degli Australian Open, alla sua prima esperienza in uno Slam, e non le supera. A marzo si qualifica per il suo primo Master Series a Miami, passa il primo turno per il ritiro di Karol Kučera e al secondo sconfigge il nº 34 del ranking Maks Mirny, primo top 100 battuto in carriera, per poi venire eliminato da Carlos Moyá. Dopo questa buona prestazione ha una deludente stagione nei tornei ATP su terra rossa, venendo tra l'altro eliminato nelle qualificazioni al suo primo Roland Garros. A Wimbledon viene sconfitto al primo turno da Jarkko Nieminen in cinque set. Conserva le posizioni in classifica con alcuni discreti risultati nei Challenger. Al primo turno del Masters di Cincinnati racimola solo cinque game contro Andy Roddick. Torna a mettersi in evidenza agli US Open, dove al primo turno concede 9 game al nº 17 del mondo Tommy Robredo, elimina Davide Sanguinetti e viene sconfitto al terzo turno da Paradorn Srichaphan, risultati con cui a settembre entra per la prima volta nella top 100, in 100ª posizione. Negli ultimi 6 tornei stagionali vince in totale due incontri e a fine anno è a ridosso dei primi cento, in 109ª posizione. Verso fine stagione abbandona i tornei Challenger.

2004, primi titoli ATP, 32º nel rankingModifica

Il 2004 è l'anno del salto di qualità. Dopo una partenza stentata, tra marzo e aprile scala oltre cinquanta posizioni del ranking grazie alla prima finale nel circuito maggiore raggiunta a marzo all'International Series Gold di Acapulco, sconfigge tra gli altri il nº 13 del mondo Nicolas Massu e perde contro Moyà per 3-6, 0-6. Il mese successivo si aggiudica ll primo titolo ATP a Valencia, non perde alcun set in tutto il torneo eliminando nell'ordine Albert Portas, Ivan Ljubicic e David Ferrer. In semifinale concede tre soli giochi al nº 3 del mondo Juan Carlos Ferrero, nella sua prima vittoria contro un top 10, e in finale ha la meglio su Albert Montañés con il punteggio di 7-6, 6-3. Con questa impresa sale al 53º posto del ranking. Eliminato al terzo turno in singolare a Barcelona, raggiunge per la prima volta una semifinale ATP in doppio, in coppia con Feliciano Lopez. Al terzo turno del Masters di Amburgo subisce una nuova sconfitta contro Moyà. Al suo esordio assoluto al Roland Garros batte Greg Rusedski e viene eliminato al secondo turno da Juan Ignacio Chela.

Dopo i quarti di finale raggiunti sull'erba di Halle e 's-Hertogenbosch, vince il suo primo incontro in carriera a Wimbledon ed esce di scena al secondo turno. Tornato sulla terra rossa, perde in semifinale a Kitzbühel contro Gastón Gaudio dopo aver eliminato Feliciano Lopez, e a fine torneo sale al 32º posto nel ranking. Non supera il secondo turno in singolare agli US Open, mentre in doppio raggiunge i quarti con Lopez. Al Masters di Madrid sconfigge il nº 12 del mondo Dominik Hrbaty ed esce al terzo turno sconfitto da Robredo. A Stoccolma viene eliminato nei quarti da Andre Agassi e vince il suo primo titolo ATP in doppio, gioca con il compagno abituale Feliciano Lopez e sconfiggono in finale Wayne Arthurs / Paul Hanley con un doppio 6-4; a fine torneo entra per la prima volta nella top 100 del ranking di doppio.

2005, una finale ATP e quarto turno agli US OpenModifica

Non supera il secondo turno nei primi tornei del 2005, a marzo fa il suo esordio nella squadra spagnola di Coppa Davis in occasione della sfida vinta 4-1 contro la Slovacchia con un bilancio di una vittoria e una sconfitta. Al Masters di Miami accede al terzo turno grazie al ritiro di Roddick e viene eliminato da Rafael Nadal; due settimane dopo esce ai quarti a Valencia battuto da Albert Costa. A Roma elimina Davydenko e Wawrinka e con la vittoria in rimonta sul nº 3 del mondo Roddick accede per la prima volta a un quarto di finale in un torneo Masters; viene eliminato da Guillermo Coria dopo aver vinto il primo set. Sconfitto al primo turno al Roland Garros, perde al secondo turno a Wimbledon dopo aver eliminato Robredo. Torna a mettersi in luce in doppio raggiungendo le semifinali a Gstaad e a Stoccarda.

Al successivo torneo di Kitzbühel migliora la semifinale in singolare dell'anno passato raggiungendo la finale, e come l'anno precedente perde contro Gaudio. Fa il suo esordio nella stagione estiva americana sul cemento arrivando nei quarti di finale a New Haven. Al primo turno degli US Open elimina il nº 12 ATP Tim Henman, al terzo sconfigge in rimonta al quinto set il talento emergente Novak Djokovic e accede per la prima volta al quarto turno in una prova dello Slam, e perde in tre set contro Jarkko Nieminen. L'ultimo risultato di rilievo della stagione è la semifinale raggiunta in ottobre a San Pietroburgo, nella quale viene sconfitto da Thomas Johansson. Il risultato gli permette di chiudere il 2005 al 32º posto del ranking, dopo che a a luglio era sceso al 68º.

2006, due semifinali ATP, quarto turno a Wimbledon e 24º nel rankingModifica

Nonostante l'eliminazione al primo turno all'esordio stagionale, a gennaio porta il best ranking alla 30ª posizione e vince quindi il suo primo incontro in carriera agli Australian Open. Supera per la prima volta il secondo turno in stagione a marzo nei Masters americani di Indian Wells e Miami, e in entrambi viene sconfitto al terzo turno da Roddick con lo stesso punteggio di 3-6 4-6. Sconfitto in semifinale sia in singolare che in doppio al successivo torneo di Valencia, a maggio aggiunge i quarti al Masters di Amburgo con il nuovo successo su Djokovic e battendo il nº 8 del mondo Fernando Gonzalez, e perde in tre set contro Jose Acasuso.

Si spinge per la prima volta fino al quarto turno a Wimbledon battendo Vince Spadea, Benjamin Becker e la testa di serie numero 3 nonché vicecampione in carica David Nalbandian, prima di arrendersi in 5 set a Radek Štěpánek, risultato con cui sale alla 24ª posizione mondiale. Dopo le ennesime buone prestazioni a Kitzbühel, dove perde la semifinale contro Agustin Calleri, al terzo turno degli US Open raccoglie la quinta sconfitta su sette incontri con Roddick, che si impone al quinto set. Al successivo torneo di Palermo viene eliminato nei quarti da Rubén Ramírez Hidalgo. Esce al primo turno negli ultimi 4 tornei stagionali e scende alla 35ª posizione del ranking.

2007, una finale ATP e un titolo ChallengerModifica

Dopo una prima parte di stagione deludente, raggiunge gli ottavi di finale al Roland Garros con le vittorie su Dmitry Tursunov e David Ferrer e viene sconfitto da Novak Đoković, mentre esce al terzo turno a Wimbledon per mano di Andy Roddick. Batte di nuovo Ferrer a Stoccarda e viene sconfitto in rimonta nei quarti da Juan Ignacio Chela; perde la finale nel torneo di doppio in coppia con Guillermo Garcia-Lopez. Come l'anno precedente raggiunge le semifinali a Kitzbühel e cede a Juan Monaco. Subito dopo vince il primo titolo Challenger in carriera a Segovia. Al Canada Masters esce di scena al terzo turno, sconfitto da Frank Dancevic dopo le vittorie contro Chela e il nº 8 del mondo Richard Gasquet.

Dopo la sconfitta nei quarti a New Haven, al terzo turno degli US Open viene eliminato da Tomas Berdych. Ha quindi inizio un periodo positivo con la semifinale raggiunta a Bangkok, persa in tre set contro Tursunov. Si spinge fino ai quarti a Tokyo ed è ancora Berdych a estrometterlo dal torneo. A fine ottobre perde contro Andy Murray la finale di San Pietroburgo. Chiude la stagione al 26º posto mondiale, dopo che a maggio era sceso al 51º.

2008, un titolo ATP, trionfo in Coppa Davis e 11º nel rankingModifica

Anche nei primi mesi del 2008 non consegue risultati di rilievo, supera per la prima volta il secondo turno in stagione a Indian Wells e cede in tre set a Tommy Haas. Il mese dopo esce nei quarti a Valencia, sconfitto al terzo set da Ferrer. Dopo una serie di sconfitte al primo turno nei tornei di doppio, raggiunge la semifinale a Barcellona in coppia con Feliciano Lopez. A Roma elimina il nº 13 ATP Carlos Moya e perde al terzo turno contro James Blake. A fine torneo porta il best ranking alla 23ª posizione e lo migliora ulteriormente nei tornei successivi. Si spinge fino ai quarti al Masters di Amburgo e viene sconfitto da Roger Federer dopo aver eliminato il nº 13 del mondo Mikhail Youzhny e il nº 5 Ferrer. Battendo ancora Youzhny raggiunge nuovamente gli ottavi di finale al Roland Garros e raccoglie solo tre giochi contro Nadal. Perde in finale al tie-break del terzo set contro Ivo Karlović sui prati di Nottingham e negli ottavi di finale a Wimbledon dà vita a una battaglia con Mario Ančić, vince i primi due set e perde 13-11 al quinto.

Sconfitto da Berdych in semifinale a Båstad, vince il secondo titolo ATP in singolare in carriera al successivo torneo di Umago prevalendo in finale su Igor' Andreev con il punteggio di 3-6, 6-4, 7-6, trionfo che gli vale l'11ª posizione mondiale. Sconfitto in semifinale da Mardy Fish a New Haven, al terzo turno degli US Open concede la rivincita a Andreev, che gli lascia solo 8 giochi; nel torneo di doppio si spinge fino ai quarti con Lopez e due settimane dopo porta il best ranking di specialità al 49º posto. In singolare raggiunge quindi i quarti di finale a Vienna e la semifinale a San Pietroburgo. Chiude la stagione da protagonista nella finale di Coppa Davis 2008 a Mar del Plata contro l'Argentina, alla quale era arrivato vincendo 3 dei 4 incontri disputati nei turni precedenti. Non viene schierato nella prima giornata, nella seconda vince il doppio assieme a Feliciano Lopez e il giorno dopo conquista il punto del definitivo 3-1 battendo al quinto set Jose Acasuso.

2009Modifica

Viene sconfitto in finale sul cemento di Brisbane da Radek Štěpánek in tre set. Gioca un grande torneo agli Australian Open, dove sconfigge Štěpánek, Andy Murray, Jo-Wilfried Tsonga e arriva al quinto set con Rafael Nadal in semifinale, in una lunghissima partita durata 5 ore e 14 minuti, nella quale si trova anche in vantaggio 0-30 nel turno di battuta di Nadal sul 4-4 del quinto set. A questo punto prende due rischi consecutivi con il diritto, il suo colpo migliore, sbagliandoli entrambi. Nadal vince quindi il nono game e chiude il match al decimo, sul servizio di Verdasco che commette anche due doppi falli (uno sul match point di Nadal). Il risultato finale del match è 6-7, 6-4, 7-6, 6-7, 6-4. La grande prestazione degli Australian Open gli permette di entrare nei primi dieci piazzandosi alla nona posizione del ranking ATP.

Si conferma tra i primi dieci giocatori del mondo raggiungendo i quarti di finale a Indian Wells, al Master di Miami, agli Internazionali BNL d'Italia e al Mutua Madrileña Madrid Open. Dopo una parte centrale della stagione al di sotto delle aspettative vince il torneo di New Haven, battendo in finale Sam Querrey per 6-4, 7-6. È la prima affermazione del tennista iberico in un torneo giocato sul cemento. Altri risultati della stagione degni di essere menzionati sono i quarti di finale raggiunti agli US Open e la finale di Kuala Lumpur.

2010Modifica

Nel 2010 non riesce a bissare la semifinale ottenuta l'anno precedente sul cemento degli Australian Open, essendo sconfitto agli ottavi di finale per mano del russo Nikolaj Davydenko. Subito dopo comunque vince il torneo di San Jose battendo in finale Andy Roddick con il punteggio di 3-6, 6-4, 6-4. Raggiunge i quarti di finale (come l'anno precedente) al Master di Miami e una sorprendente finale al torneo di Monte Carlo, dove subisce una pesante sconfitta da parte del connazionale Rafael Nadal. Una settimana dopo conferma il buon momento di forma imponendosi in finale a Barcellona in tre set contro Robin Söderling. Nel Master 1000 di Roma perde in semifinale con il connazionale David Ferrer; il suo momento di forma sulla terra rossa finirà per sua sfortuna proprio in occasione del torneo di casa il (Master 1000 di Madrid) dove sarà eliminato al primo turno dall'austriaco Jürgen Melzer con il punteggio di 7-5 6-3, uscendo dal campo infortunato. A Wimbledon viene eliminato in cinque set da Fabio Fognini.

2011Modifica

Viene sconfitto al quarto turno agli Australian Open da Tomáš Berdych con il punteggio di 6-4 6-2 6-3. Partecipa al BNP Paribas Open di Indian Wells, ma perde al terzo turno contro Sam Querrey. Eliminato al secondo turno anche a Miami e Monte Carlo, rispettivamente da Andujar e Robredo, riesce a raggiungere la finale a Estoril, perdendo nettamente contro Del Potro. Continua a collezionare eliminazioni precoci sia a Madrid che Roma. Partecipa al Roland Garros raggiungendo il terzo turno (sconfitto in tre set da Ljubicic) e a Wimbledon, venendo estromesso dal torneo londinese al secondo turno per mano di Haase. Male anche la tournée nordamericana, dove rimedia un secondo turno a Montréal, terzo turno a Cincinnati e US Open, eliminato da Tsonga. Chiude la stagione come nº24 al mondo, peggiorando sensibilmente la sua classifica ATP.

2012Modifica

Il 2012 di Verdasco inizia malissimo per lo spagnolo, che viene eliminato al primo turno agli Australian Open per opera del talento di casa Tomic.

2013Modifica

Al Torneo di Wimbledon 2013 raggiunge per la prima volta in carriera i quarti di finale, dove perde contro il futuro vincitore Andy Murray dopo essere stato in vantaggio di due set[4]. Vince in coppia con David Marrero le ATP World Tour Finals 2013 di doppio battendo in finale la coppia numero 1 al mondo Bob Bryan e Mike Bryan[5].

2014Modifica

Dopo quattro anni vince nuovamente un torneo ATP, battendo in due set Nicolas Almagro allo U.S. Men's Clay Court Championships 2014[6].

2015Modifica

Al Miami Open 2015 batte in tre set il numero 3 al mondo Rafael Nadal raggiungendo gli ottavi di finale[7].

2016Modifica

Vince dopo due anni un torneo ATP battendo in due set Lucas Pouille al BRD Năstase Țiriac Trophy 2016[8].

2017Modifica

Arriva in finale al torneo Dubai Tennis Championship 2018 ma perde con Andy Murray[9].

2018Modifica

Al torneo di Rio 2018 arriva in finale, perdendo con Diego Schwartzman in due set.[10]

2019Modifica

Raggiunge gli ottavi di finale a Wimbledon 2019 battendo in tre set Thomas Fabbiano[11].

2020Modifica

Inizia il 2020 a Doha e raggiunge i quarti di finale battendo prima Pablo Andújar e poi Filip Krajinović, ed esce di scena per mano di Corentin Moutet. Nella prima parte della stagione deve rinunciare ad alcuni tornei per problemi al ginocchio sinistro.[1] All'Australian Open 2020 batte al primo turno Evgenij Donskoj e al secondo Nikoloz Basilašvili prima di essere eliminato dalla testa di serie nº 7 Alexander Zverev. Esce al primo turno a Cordoba e a Rio de Janeiro, prima della lunga pausa del tennis per la pandemia di COVID-19.

Non è presente alla ripresa delle attività in agosto, e deve rinunciare agli US Open dopo che aveva giocato nei tabelloni principali degli ultimi 67 tornei del Grande Slam.[1] Rientra a settembre e non supera le qualificazioni agli Internazionali d'Italia. Viene trovato positivo a un test del COVID-19 e deve rinunciare anche al Roland Garros, mentre non va oltre il secondo turno negli ultimi tornei stagionali. A novembre si sottopone a un intervento chirurgico al ginocchio.[1]

2021Modifica

Rientra nel marzo del 2021, perde tutti gli incontri disputati nei primi 4 tornei e a maggio esce dalla top 100 per la prima volta dal marzo 2004. Torna al successo all'ATP di Belgrado 2 battendo Lucas Pouille e Adrian Mannarino e viene eliminato nei quarti da Alex Molcan. Viene sconfitto al primo turno anche al Roland Garros e a Wimbledon, dopo il quale si opera al gomito.[1] Riprende in agosto e viene sconfitto nelle qualificazioni a Cincinnati e agli US Open, dove per la prima volta dal 2003 deve disputare le qualificazioni di uno Slam. Torna a giocare nei Challenger senza particolari successi e scende al 165º posto del ranking. Torna a vincere tre incontri di fila in novembre al Tenerife Challenger ed esce in semifinale.

2022Modifica

L'inizio del 2022 inizia senza successi di rilievo e a febbraio esce dalla top 200. Si riprende raggiungendo i quarti di finale all'ATP di Buenos Aires e a marzo torna a vincere un titolo in singolare dopo quasi sette anni al Monterrey Challenger, battendo in finale Prajnesh Gunneswaran. Supera le qualificazioni al Masters di Miami, ed esce al primo turno, e all'ATP 250 dell'Estoril, dove raggiunge i quarti e viene eliminato da Albert Ramos-Viñolas, risultato con cui si riporta a ridosso della top 100. Non ottiene risultati positivi nei mesi successivi, e tra le sconfitte vi sono quelle nelle qualificazioni al Roland Garros e al primo turno a Wimbledon e agli US Open. Esce al secondo turno all'ATP di Sofia dopo aver eliminato il nº 38 del ranking Nikoloz Basilashvili.

A fine anno il tennista è stato trovato positivo a un controllo antidoping. [12]

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (7)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP International Series / ATP Tour 250 (6)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 12 aprile 2004   Open de Tenis Comunidad Valenciana, Valencia Terra rossa   Albert Montañés 7-6(5), 6-3
2. 21 luglio 2008   Croatia Open Umag, Umago Terra rossa   Igor' Andreev 3-6, 6-4, 7-6(4)
3. 29 agosto 2009   Pilot Pen Tennis, New Haven Cemento   Sam Querrey 6-4, 7-6(6)
4. 14 febbraio 2010   Pacific Coast Championships, San Jose Cemento (i)   Andy Roddick 3-6, 6-4, 6-4
5. 25 aprile 2010   Barcelona Open, Barcellona Terra rossa   Robin Söderling 6-3, 4-6, 6-3
6. 13 aprile 2014   U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa   Nicolás Almagro 6-3, 7-6(4)
7. 25 aprile 2016   Năstase Țiriac Trophy, Bucarest Terra rossa   Lucas Pouille 6-3, 6-2

Finali perse (16)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP International Series Gold / ATP Tour 500 (4)
ATP International Series / ATP Tour 250 (11)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 marzo 2004   Open del Messico, Acapulco (1) Terra rossa   Carlos Moyá 3-6, 0-6
2. 2 agosto 2005   Austrian Open Kitzbühel, Kitzbühel Terra rossa   Gastón Gaudio 6-2, 2-6, 4-6, 3-6
3. 30 ottobre 2007   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Sintetico (i)   Andy Murray 2-6, 3-6
4. 21 giugno 2008   Nottingham Open, Nottingham Erba   Ivo Karlović 5-7, 7-6(4), 6(8)-7
5. 11 gennaio 2009   Brisbane International, Brisbane Cemento   Radek Štěpánek 6-3, 3-6, 4-6
6. 4 ottobre 2009   Kuala Lumpur Open, Kuala Lumpur Cemento (i)   Nikolaj Davydenko 4-6, 5-7
7. 18 aprile 2010   Monte Carlo Masters, Monte Carlo Terra rossa   Rafael Nadal 0-6, 1-6
8. 22 maggio 2010   Open de Nice Côte d'Azur, Nizza Terra rossa   Richard Gasquet 3-6, 7-5, 6(5)-7
9. 13 febbraio 2011   Pacific Coast Championships, San Jose Cemento (i)   Milos Raonic 6(6)-7, 6(5)-7
10. 1º maggio 2011   Estoril Open, Estoril Terra rossa   Juan Martín del Potro 2-6, 2-6
11. 31 luglio 2011   Swiss Open Gstaad, Gstaad Terra rossa   Marcel Granollers 4-6, 6-3, 3-6
12. 3 marzo 2012   Open del Messico, Acapulco (2) Terra rossa   David Ferrer 1-6, 2-6
13. 14 luglio 2013   Swedish Open, Båstad (1) Terra rossa   Carlos Berlocq 5-7, 1-6
14. 17 luglio 2016   Swedish Open, Båstad (2) Terra rossa   Albert Ramos Viñolas 3-6, 4-6
15. 4 marzo 2017   Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento   Andy Murray 3-6, 2-6
16. 25 febbraio 2018   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa   Diego Schwartzman 2-6, 3-6

DoppioModifica

Vittorie (8)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (1)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (3)
ATP International Series / ATP Tour 250 (4)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 1º novembre 2004   Stockholm Open, Stoccolma Sintetico (i)   Feliciano López   Wayne Arthurs
  Paul Hanley
6-4, 6-4
2. 26 febbraio 2012   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   David Marrero   Michal Mertiňák
  André Sá
6-4, 6-4
3. 3 marzo 2012   Open del Messico, Acapulco Terra rossa   David Marrero   Marcel Granollers
  Marc López
6-3, 6-4
4. 15 luglio 2012   Croatia Open Umag, Umago Terra battuta   David Marrero   Marcel Granollers
  Marc López
6-3, 7-6(4)
5. 22 luglio 2012   International German Open, Amburgo Terra rossa   David Marrero   Rogério Dutra da Silva
  Daniel Muñoz de la Nava
6-4, 6-3
6. 22 settembre 2013   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i)   David Marrero   Dominic Inglot
  Denis Istomin
7-6(6), 6-3
7. 11 novembre 2013   ATP World Tour Finals, Londra Cemento (i)   David Marrero   Bob Bryan
  Mike Bryan
7-5, 6(3)-7, [10-7]
8. 24 febbraio 2018   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa   David Marrero   Nikola Mektić
  Alexander Peya
5-7, 7-5, [10-8]

Finali perse (5)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP Tour 500 (1)
ATP International Series / ATP Tour 250 (3)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 30 luglio 2007   Stuttgart Open, Stoccarda Terra rossa   Guillermo García López   František Čermák
  Leoš Friedl
4-6, 4-6
2. 11 gennaio 2009   Brisbane International, Brisbane Cemento   Miša Zverev   Marc Gicquel
  Jo-Wilfried Tsonga
4-6, 3-6
3. 28 ottobre 2012   Valencia Open 500, Valencia Cemento (i)   David Marrero   Alexander Peya
  Bruno Soares
3-6, 2-6
4. 13 ottobre 2013   Shanghai Masters, Shanghai Cemento   David Marrero   Ivan Dodig
  Marcelo Melo
6(2)-7, 7-6(6), [2-10]
5. 12 aprile 2014   U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra battuta   David Marrero   Bob Bryan
  Mike Bryan
6-4, 4-6, [9-11]

Risultati in progressioneModifica

Statistiche aggiornate al 9 luglio 2017

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Torneo 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022 Carriera V-P
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A Q1 1T 2T 2T 2T 2T SF 4T 4T 1T 3T 2T 3T 2T 1T 2T 3T 3T A A 26–17
  Open di Francia, Parigi A Q1 2T 1T 2T 4T 4T 4T 4T 3T 3T 2T 4T 2T 3T 4T 4T 2T A 1T Q2 32–17
  Wimbledon, Londra A 1T 2T 2T 4T 3T 4T 4T 1T 2T 3T QF 1T 3T 1T 1T 1T 4T ND 1T 1T 25–19
  US Open, New York A 3T 2T 4T 3T 3T 3T QF QF 3T 3T 1T 2T 2T 1T 2T 3T 2T A Q2 1T 30–18
Vittorie-Sconfitte 0–0 2–2 3–4 5–4 7–4 8–4 9–4 15–4 10–4 8-4 6-4 7-4 5-4 6-4 3-4 4-4 6-4 7-4 2–1 0–2 0–2 113-71
ATP World Tour Finals
  ATP World Tour Finals Non qualificato RR Non qualificato 0–3
ATP Masters 1000
  Indian Wells Masters, Indian Wells A A 1T 2T 2T 2T 3T QF 3T 3T 3T 2T 4T 3T 3T 3T 3T A ND A A 18–15
  Miami Open, Miami A 3T 1T 3T 2T 1T 2T QF QF 2T 3T 2T 2T 4T 3T 3T 4T A ND 1T 1T 19–18
  Monte Carlo Masters, Monte Carlo A A A 1T 1T 1T 1T QF F 2T 3T 1T A 1T 2T A 2T 1T ND A A 10–13
  Madrid Open, Madrid LQ 1T 3T 2T 1T 2T 2T QF 3T 1T QF 3T 2T 3T 2T 1T 2T 3T ND 1T A 19–18
  Internazionali d'Italia, Roma A LQ A QF 2T 1T 3T QF SF 2T 2T 2T 1T A A 2T 1T QF Q1 A A 18–13
  Canadian Open, Montréal/Toronto A 1T A A 3T 3T 2T 3T 2T 2T A A A 1T A A 2T A ND A A 10–9
  Cincinnati Open, Cincinnati A 1T 1T A 1T 2T 3T 1T 2T 3T A A 2T 2T 2T 1T 1T 1T A Q1 A 8–14
  Shanghai Masters, Shanghai Non disputato Non ATP Masters Series 2T 1T 2T 3T 2T A 1T 1T 1T A 1T Non disputato 4–9
  Paris Open, Parigi A LQ 1T 2T 1T 1T 3T 3T 3T 2T 1T 2T 3T 1T 2T QF 2T 2T A A 14–16
  Hamburg Masters, Amburgo A A 3T 1T QF 1T QF ATP 500 8–5
Vittorie-Sconfitte 0–0 2–3 4–7 8–7 8–9 5–9 10–9 15-9 14–9 7–9 10-7 5-7 6-6 6-8 8-7 6-7 8-8 6-6 0–0 0–2 0–1 128-130
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici Non disputati A Non disputati A Non disputati 1T Non disputati A Non disputati A ND 0–1
Statistiche Carriera
Finali ATP World Tour 0 0 2 1 0 1 2 3 4 3 1 1 1 0 2 1 1 0 0 0 0 23
Tornei ATP vinti 0 0 1 0 0 0 1 1 2 0 0 0 1 0 1 0 0 0 0 0 0 7
Vittorie-Sconfitte 1–2 7–12 31–25 35–28 32–26 34–28 47–27 52–25 43–22 36–24 32-22 29-23 26-20 24-26 29-26 29-25 33-28 26-27 6–7 2–8 5–11 559-442
Ranking di fine anno 173 107 36 33 35 26 16 9 9 24 24 30 33 49 42 35 28 49 65 154 N/A

Vittorie contro giocatori top 10Modifica

Anno 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022 Totale
Vittorie 0 0 1 2 2 1 1 2 5 1 2 0 1 2 2 2 3 1 0 0 0 28
# Giocatore Rank Torneo Superficie Turno Punteggio
2004
1.   Juan Carlos Ferrero 3   Valencia Open, Valencia Terra rossa SF 6–2, 6–1
2005
2.   Andy Roddick 3   Miami Masters, Miami Cemento 2T 7–69, 4–3, rit.
3.   Andy Roddick 3   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa 3T 61–7, 7–63, 6–4
2006
4.   Fernando González 8   German Open Hamburg, Amburgo Terra rossa 3T 3–6, 6–2, 6–3
5.   David Nalbandian 3   Wimbledon Londra Erba 3T 7–69, 7–69, 6–2
2007
6.   Richard Gasquet 8   Canadian Open, Montreal Cemento 2T 3–6, 7–67, 6–4
2008
7.   David Ferrer 5   German Open Hamburg, Amburgo Terra rossa 3T 7–64, 6–2
2009
8.   Andy Murray 4   Australian Open, Melbourne Cemento 4T 2–6, 6–1, 1–6, 6–3, 6–4
9.   Jo-Wilfried Tsonga 7   Australian Open, Melbourne Cemento QF 7–62, 3–6, 6–3, 6–2
2010
10.   Andy Roddick 7   Pacific Coast Championships, San Jose Cemento (i) F 3–6, 6–4, 6–4
11.   Marin Čilić 9   Miami Masters, Miami Cemento 4T 6–4, 7–63
12.   Novak Djokovic 2   Monte Carlo Masters, Monte Carlo Terra rossa SF 6–2, 6–2
13.   Robin Söderling 8   Torneo Godó, Barcellona Terra rossa F 6–3, 4–6, 6–3
14.   Novak Djokovic 2   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa QF 7–64, 3–6, 6–4
2011
15.   Nicolas Almagro 10   Swiss Open, Gstaad Terra rossa SF 62–7, 7–62, 6–3
2012
16.   Rafael Nadal 2   Madrid Open, Madrid Terra rossa 3T 6–3, 3–6, 7–5
17.   Juan Mónaco 10   Shanghai Masters, Shanghai Cemento 3T 6–4, 6–2
2014
18.   Richard Gasquet 9   Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento 3T 7–65, 6–1
2015
19.   Rafael Nadal 3   Miami Open, Miami Cemento 3T 6–4, 2–6, 6–3
20.   Marin Čilić 10   Madrid Open, Madrid Terra rossa 3T 65–7, 7–65, 6–3
2016
21.   Rafael Nadal 5   Australian Open, Melbourne Cemento 1T 7–66, 4–6, 3–6, 7–64, 6–2
22.   Stan Wawrinka 5   Queen's, Londra Erba 1T 6–2, 7–63
2017
23.   Alexander Zverev 10   Open di Francia, Parigi Terra rossa 1T 6–4, 3–6, 6–4, 6–2
24.   Dominic Thiem 6   Paris Masters, Parigi Cemento (i) 3T 6–4, 6–4
2018
25.   Dominic Thiem 6   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa QF 6–4, 6–0
26.   Grigor Dimitrov 4   Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento 2T 7–64, 4–6, 6–3
27.   Grigor Dimitrov 5   Open di Francia, Parigi Terra rossa 3T 7–64, 6–2, 6–4
2019
28.   Dominic Thiem 4   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa 2T 4–6, 6–4, 7–5

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Fernando Verdasco - Player Bio, su atptour.com.
  2. ^ (EN) Spain's Tennis Talent Fernando Verdasco’s Rise to Success, su socialmiami.com (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2011).
  3. ^ (EN) Fernando Verdasco Juniors Singles Overview, su itftennis.com.
  4. ^ Daniele Vallotto, Lamento per Fernando Verdasco, su Ubitennis, 5 dicembre 2013. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  5. ^ Masters Atp: doppio a Verdasco-Marrero - Sport, su ANSA.it, 12 novembre 2013. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  6. ^ Enrico Serrapede, ATP Houston: trionfa Fernando Verdasco, che rompe un digiuno lungo quattro anni, su Ubitennis, 13 aprile 2014. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  7. ^ ATP Miami interviste, F. Verdasco: “Sono felice ma voglio restare concentrato sul torneo”, su Ubitennis, 30 marzo 2015. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  8. ^ Raffaello Esposito, ATP Bucarest: Verdasco domina Pouille e torna al successo dopo due anni, su Ubitennis, 25 aprile 2016. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  9. ^ Gabriele Ferrara, ATP Dubai: Murray sceicco per la prima volta, su Ubitennis, 4 marzo 2017. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  10. ^ Roberto Ferri, Diego Schwartzman giganteggia a Rio de Janeiro, trofeo e top 20, su ubitennis.com, 26 febbraio 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  11. ^ Antonio Garofalo, Verdasco mette fine all’ottimo Wimbledon di Fabbiano, su Ubitennis, 5 luglio 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  12. ^ https://www.gazzetta.it/Tennis/ATP/01-12-2022/verdasco-positivo-antidoping-sospeso-fish-bryan-sanzionati-4501352929664.shtml

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica