Apri il menu principale

Ferrari (miniserie televisiva)

film tv del 2003 diretto da Carlo Carlei
Ferrari
Titolo originaleFerrari
PaeseItalia
Anno2003
Formatominiserie TV
Generebiografico, drammatico
Puntate2
Durata215 min (108 min+107 min)
Lingua originaleInglese
Crediti
RegiaCarlo Carlei
SoggettoMassimo De Rita, Mario Falcone
SceneggiaturaMassimo De Rita, Mario Falcone, Carlo Carlei
Interpreti e personaggi
MusichePaolo Buonvino
CostumiGianna Gissi
Casa di produzioneDeAngelis Group, in collaborazione con Victory Media Group per Mediatrade e Rizzoli Audiovisivi
Prima visione
Dal16 febbraio 2003
Al17 febbraio 2003
Rete televisivaCanale 5

Ferrari è una miniserie televisiva italiana in due puntate, trasmessa su Canale 5 nel 2003. Racconta la vita di Enzo Ferrari, storico pilota ed imprenditore italiano.

TramaModifica

ProduzioneModifica

RegiaModifica

Il regista Carlo Carlei ha voluto raccontare, tramite l'espediente di un incontro dello stesso Ferrari con un apparente giornalista, l'intera biografia del pilota-costruttore modenese. Il regista Carlei aveva usato una tecnica del genere anche per la miniserie Padre Pio con Sergio Castellitto, nella quale arriva un visitatore alle 00:00 del 22 settembre 1968 a San Giovanni Rotondo per sapere tutte le verità sulle stimmate del santo, visto che non ha mai creduto ad una sola parola detta dal povero frate.

CastModifica

Il cast è nella maggior parte composto da attori ed attrici italiane, quali Sergio Castellitto, Pierfrancesco Favino, Cristina Moglia e altri. Gli attori hanno recitato in inglese nella versione ufficiale.

RipreseModifica

La miniserie è stata girata nel marzo 2002 ed è terminata a giugno. Le riprese esterne sono state effettuate in tutti i luoghi che hanno visto il crescere e lo svilupparsi di Enzo Ferrari e della sua Scuderia, come l'Autodromo di Imola, che porta proprio il nome di Ferrari e di suo figlio Dino, il circuito del Savio, vicino Ravenna, nonché la sede storica della Scuderia Ferrari a Maranello.

Messa in ondaModifica

La miniserie è stata trasmessa in prima visione il 16 e il 17 febbraio 2003 su Canale 5, in prima serata.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione