Apri il menu principale
Ferrari Driver Academy
SedeItalia Italia
Maranello
Dati generali
Anni di attivitàdal 2009
FondatoreScuderia Ferrari
DirettoreMassimo Rivola

Ferrari Driver Academy è un programma sportivo della Ferrari, nato nel 2009, coordinato da Massimo Rivola che ha come scopo quello di formare i piloti selezionati dal punto di vista agonistico, umano e professionale. L'obiettivo dell'academy è quello di preparare i giovani piloti ad un approdo in Formula 1 e alla Scuderia Ferrari.[1]

Jules Bianchi è stato il primo pilota ad essere ingaggiato mentre Sergio Pérez il primo pilota ad approdare in F1, nel 2011 fece il suo esordio con la Sauber, è stato anche il primo a conquistare punti, seguito da Bianchi, e a salire sul podio.

Indice

StoriaModifica

L'idea di un'organizzazione simile arrivò dopo aver osservato la crescita di Felipe Massa con l'azienda Ferrari, che mandò il pilota italo-brasiliano alla Sauber per tre stagioni (2002-2004-2005) nonostante rimanesse sotto contratto con la Ferrari. Jules Bianchi fu il primo ad essere assunto in quest'organizzazione nel dicembre 2009, per poi essere seguito da Mirko Bortolotti, Daniel Zampieri e Raffaele Marciello nel marzo 2010[2]. Alla fine del 2010, Ferrari confermò l'assunzione di Sergio Pérez e il messicano fu il primo a compiere un passo verso la Formula 1, avendo già firmato per la Sauber qualche giorno prima dell'annuncio[3][4]. Pérez dovette forzatamente uscire dal programma nel momento in cui firmò per la McLaren nel 2013.[5] Nel 2015, a seguito della morte del pilota francese Jules Bianchi, la FDA perse il suo unico pilota titolare in Formula 1.[6] Dal 2018 la FDA è tornata a portare un pilota in Formula 1 con l'approdo del monegasco Charles Leclerc nel team Alfa Romeo-Sauber; Leclerc è anche il pilota più vincente dell'academy avendo conquistato il titolo GP3 2016 e quello di Formula 2 2017.[7][8][9]

Piloti della FDAModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Pablo Elizalde, Ferrari crea un'organizzazione per i giovani piloti, in Autosport, 18 dicembre 2009. URL consultato il 7 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Matt Beer, Ferrari espande il proprio programma di giovani piloti, in Autosport, 6 marzo 2010. URL consultato il 7 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Jonathan Noble, Pérez si unisce al programma per giovani piloti della Ferrari, in Autosport, 8 ottobre 2010. URL consultato il 7 marzo 2013.
  4. ^ (EN) FDA prova a Fiorano: in pista con la Formula 3 oggi e con la F1 giovedì, in Ferrari.com, 12 settembre 2011. URL consultato il 7 marzo 2013.
  5. ^ Ufficiale: la McLaren ha ingaggiato Sergio Perez! - Formula 1 News. URL consultato il 12 agosto 2018.
  6. ^ È morto Jules Bianchi. La famiglia su Twitter: "Dolore immenso", in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 12 agosto 2018.
  7. ^ GP3, Leclerc è campione. Gara 1 a De Vries, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 12 agosto 2018.
  8. ^ F2 | Leclerc vince a Jerez ed è campione al debutto - Formule - Motorsport, in FormulaPassion.it, 7 ottobre 2017. URL consultato il 12 agosto 2018.
  9. ^ (EN) Alfa Romeo Sauber F1 Team, su www.sauberf1team.com. URL consultato il 12 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2018).
  10. ^ a b FDA - La nuova Academy, su fda.ferrari.com. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  11. ^ Callum Ilott entra a far parte della Ferrari Driver Academy, su it.motorsport.com, 20 ottobre 2017. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  12. ^ FDA, su f1grandprix.motorionline.com, 25 ottobre 2017. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  13. ^ F1 | Gianluca Petecof nella Ferrari Driver Academy, in FormulaPassion.it, 5 dicembre 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  14. ^ Ferrari, ufficiale: Mick Schumacher entra nella FDA - Formula 1 - Motorsport, su FormulaPassion.it, 19 gennaio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  15. ^ Guan Yu Zhou, su formula1.ferrari.com. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  16. ^ (EN) Federico Faturos, Sebastian Montoya joins Ferrari Driver Academy, in Autosport.com. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2018).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica