La Ferrari F2001 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1 che gareggiò nel 2001 e in alcune gare del 2002, la quarantasettesima utilizzata dalla Scuderia Ferrari.

Ferrari F2001
Michael Schumacher a bordo della F2001 nel fine settimana di Barcellona
Descrizione generale
CostruttoreBandiera dell'Italia  Ferrari
CategoriaFormula 1
SquadraBandiera dell'Italia Scuderia Ferrari Marlboro
Progettata daRoss Brawn
Rory Byrne
Ignazio Lunetta
Aldo Costa
Marco Fainello
Nikolas Tombazis
James Allison
Paolo Martinelli
Gilles Simon
SostituisceFerrari F1-2000
Sostituita daFerrari F2002
Descrizione tecnica
Meccanica
TelaioFibra di carbonio modellata e struttura composita a nido d'ape
MotoreFerrari Tipo 050 3.0 V10 aspirato
TrasmissioneCambio semiautomatico sequenziale a 7 marce differenziale a slittamento limitato + retromarcia
Dimensioni e pesi
Lunghezza4445 mm
Larghezza1796 mm
Altezza959 mm
Passo3010 mm
Peso600 kg
Altro
CarburanteShell
PneumaticiBridgestone
AvversarieVetture di Formula 1 2001
Vetture di Formula 1 2002
Risultati sportivi
DebuttoBandiera dell'Australia Gran Premio d'Australia 2001
Piloti2001
1. Bandiera della Germania Michael Schumacher
2. Bandiera del Brasile Rubens Barrichello
2002
1. Bandiera della Germania Michael Schumacher 1-2
2. Bandiera del Brasile Rubens Barrichello 1-3
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
20 10 13 4
Campionati costruttori2 (2001, 2002)
Campionati piloti2 (2001, 2002)
 
Le F2001 a Monza senza marchi pubblicitari e coi musetti listati a lutto, in segno di rispetto per gli attentati dell'11 settembre 2001 avvenuti cinque giorni prima.

Così come la vettura precedente, la Ferrari F2001 è quasi totalmente rossa. Fanno eccezione i flap dell'alettone anteriore e di quello posteriore, i quali sono bianchi.

Per il Gran Premio d'Italia, in segno di lutto per gli attentati dell'11 settembre 2001, le due F2001 presentarono una livrea completamente spoglia di sponsor e col musetto verniciato di nero.[1]

Sviluppo

modifica

La Ferrari F2001 venne disegnata da Rory Byrne seguendo le direttive imposte dalla Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA) per il campionato 2001. I cambiamenti di maggior portata riguardavano infatti l'aerodinamica, ambito in cui vi erano stati i maggiori interventi da parte della Federazione.[2]

Durante l'anno furono poche le modifiche che vennero apportate dalla casa di Maranello rispetto alla versione iniziale del progetto e si trattò, per lo più, solo di piccoli aggiustamenti, senza mai introdurre una seconda versione della monoposto a stagione in corso, come era invece avvenuto nelle stagioni precedenti.[2] La vettura risultò veloce durante tutto l'arco del campionato, esprimendo globalmente una costanza maggiore rispetto alle sue principali avversarie e risultando nel complesso più omogenea nelle sue componenti.[2] La Scuderia introdusse poi anche diverse novità tecniche, tra le quali la più rilevante fu una nuova presa d'aria dei freni.[3]

Aerodinamica

modifica
 
Vista laterale della F2001 di Rubens Barrichello a Barcellona

Le modifiche maggiori rispetto alla precedente F1-2000 riguardarono gli alettoni. L'ala anteriore venne infatti rialzata di cinque centimetri, sulla base delle regole imposte dalla FIA, e presentava nella sua parte centrale una forma a cucchiaio.[4] Inedite anche le paratie laterali adottate dalla casa di Maranello e i flap presenti sull'alettone.[4] Le uniche modifiche che vennero adottate durante l'anno riguardarono appunto questi ultimi, in quanto nelle piste che richiedevano maggior carico aerodinamico venivano raddoppiati i flap, riprendendo una soluzione già usata sulla 412 T2 di metà anni 90, e piccole paratie intermedie.[5]

Totalmente differente rispetto all'anno precedente anche la forma del muso, dovuta soprattutto ai nuovi regolamenti.[2] L'aver alzato l'alettone di cinque centimetri rendeva poi minore l'efficienza aerodinamica della vettura nella sua parte anteriore. Per ovviare a questo problema Byrne introdusse una nuova presa dei freni, la quale copiava quella che era la forma interna del cerchione. Questa soluzione garantiva comunque una miglior gestione dei flussi d'aria diretti nella zona delle fiancate, anche se sviluppava un calore maggiore all'interno del cerchione stesso e rendeva più difficoltosa la regolazione delle sospensioni.[3]

 
Il motore Ferrari Tipo 050 esposto al Museo Ferrari

Poche furono le modifiche apportate al propulsore dai motoristi di Maranello. Il Tipo 050, adottato per la stagione, risultava più leggero di circa cinque chili rispetto a quello utilizzato l'anno precedente.[6] L'altezza era invece inferiore di una quindicina di millimetri.[6] Il serbatoio dell'olio venne spostato in posizione centrale e ne fu aumentata la capacità al fine di non dover più ricorrere ad un serbatoio aggiuntivo.[6]

Scheda tecnica

modifica
Caratteristiche tecniche - Ferrari F2001
 
Configurazione
Carrozzeria: monoposto Posizione motore: posteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4445 × 1796 × 959 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 3010 mm Carreggiate: anteriore 1470 - posteriore 1405 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 1 Bagagliaio: Serbatoio: 141 l
Masse / in ordine di marcia: 600 kg
Meccanica
Tipo motore: Ferrari tipo 050 V10 90° Cilindrata: 2 997 cm³ cm³
Distribuzione: pneumatica Alimentazione: Iniezione elettronica digitale Magneti Marelli
Prestazioni motore Potenza: 840 CV
Accensione: elettronica Magneti Marelli statica Impianto elettrico: Magneti Marelli
Frizione: multidisco Cambio: longitudinale Ferrari, 7 marce e retromarcia (comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico)
Telaio
Corpo vettura materiali compositi, a nido d'ape con fibre di carbonio
Sospensioni anteriori: indipendenti con puntone e molla di torsione / posteriori: indipendenti con puntone e molla di torsione
Freni anteriori: a disco autoventilanti in carbonio / posteriori: a disco autoventilanti in carbonio
Pneumatici Bridgestone / Cerchi: 13" BBS in lega leggera

Carriera agonistica

modifica

La stagione

modifica
 
La F2001 di Michael Schumacher precede la Williams FW23 del fratello Ralf a Montréal

La F2001 debuttò al Gran Premio d'Australia, prima gara della stagione 2001, il 3 marzo a Melbourne. Ottenne 9 vittorie nel corso del campionato, tutte appannaggio del campione uscente Michael Schumacher, totalizzando 179 punti nel campionato costruttori di cui 123 conquistati da Schumacher, riconfermatosi iridato per il 2001, e 56 da Rubens Barrichello. Tale punteggio valse alla Ferrari la riconferma mondiale anche tra i costruttori, per il terzo anno di fila e per l'undicesimo totale. La F2001 si rivelò con ampio margine la vettura più competitiva della griglia, incamerando con largo anticipo entrambi i titoli già nell'appuntamento dell'Hungaroring di metà agosto.[7]

In attesa del debutto della nuova F2002, la Scuderia impiegò la vecchia F2001 anche in avvio della stagione 2002, totalizzando un bottino di 14 punti, tutti per mano di Schumacher. Barrichello fu al volante della F2001 per i primi tre Gran Premi della nuova stagione mentre Schumacher, che all'Albert Park aveva colto l'ultima affermazione della F2001, dall'appuntamento di Interlagos, il terzo in calendario, portò al debutto la nuova F2002.

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
  Michael Schumacher 1
  Rubens Barrichello 2
Piloti di riserva
Nazione Nome
  Luca Badoer
  Fabrizio Giovanardi

Risultati completi

modifica
Anno Team Motore Gomme Piloti                                   Punti Pos.
2001 Scuderia Ferrari Ferrari 050 3.0 V10 B   M.Schumacher 1 1 2 Rit 1 2 1 2 1 1 2 Rit 1 1 4 2 1 179
  Barrichello 3 2 Rit 3 Rit 3 2 Rit 5 3 3 2 2 5 2 15* 5
Anno Team Motore Gomme Piloti                                   Punti Pos.
2002 Scuderia Ferrari Ferrari 050 3.0 V10 B   M.Schumacher 1 3 14[8]
  Barrichello Rit Rit Rit
  1. ^ Simone Peluso, F1 | One off: la Ferrari col muso nero a Monza 2001, su formulapassion.it, 10 marzo 2021.
  2. ^ a b c d Piola, p. 69.
  3. ^ a b Piola, p. 70.
  4. ^ a b Piola, p. 50.
  5. ^ Piola, p. 52.
  6. ^ a b c Piola, p. 19.
  7. ^ Schumi da leggenda, Ferrari in cima al mondo, su repubblica.it, 19 agosto 2001.
  8. ^ 221 punti ottenuti in totale dalla scuderia e 1º posto a fine stagione.

Bibliografia

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  • Sito ufficiale, su ferrariworld.com. URL consultato il 29 aprile 2006 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2008).