Apri il menu principale

Ferrovia Benevento-Campobasso

Linea ferroviaria italiana
Benevento–Campobasso
Benevento campobasso.jpg
InizioBenevento
FineCampobasso
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza85 km
Apertura1881-83
Chiusura2013
Riapertura2017 (a scopi turistici)
GestoreRFI
Precedenti gestoriSFM (1882-1906)
FS (1906-2001)
Scartamento1 435 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Benevento–Campobasso è una linea ferroviaria secondaria della Campania e del Molise che collegava Benevento con Campobasso, pensata inizialmente come alternativa alla ferrovia Napoli–Foggia per congiungere il Tirreno all'Adriatico, ma mai risultata tale dato che la ferrovia ha sofferto di uno stato di isolamento sin dai suoi albori.

I principali centri di interscambio con altre linee sono solo a Benevento e Campobasso, anche se vi è alla stazione di Bosco Redole il bivio per Isernia: tale stazione però è stata chiusa.

Indice

StoriaModifica

La linea è a binario unico non elettrificato, con un percorso ricco di curve che non la rendono affatto competitiva contro la concorrenza dei trasporti su gomma: inoltre molte città si trovano a una notevole distanza dalle loro stazioni. Lungo la ferrovia sorgono centri di una buona importanza turistica come Morcone, Sepino e, primo tra tutti, Pietrelcina, città natale di padre Pio: nonostante questo non si è mai riusciti a sfruttare in pieno questo potenziale e la situazione rimane critica, sempre a rischio chiusura.

Il traffico passeggeri è sempre stato molto scarso ed i collegamenti vi erano solo tra le stazioni di Benevento e di Campobasso. In passato ci sono stati anche collegamenti diretti con Napoli e treni speciali da Napoli per Pietrelcina, per sfruttare l'effetto San Pio.

Sospensione servizioModifica

Dal febbraio 2013 la linea è interrotta tra Bosco Redole e Benevento per problemi all'infrastruttura. Tali problemi si erano già palesati in precedenza, tant'è che era in vigore un rallentamento a 30 km/h su tutta la tratta (65 km). Al momento della chiusura era rimasta in circolazione una sola coppia di treni.

Riattivazione a fini turisticiModifica

La linea viene riattivata parzialmente nel 2017 per fini turistici ("Sannio Express") con l'apertura delle stazioni di Pietrelcina[1] e Fragneto Monforte[2]. Il 3 giugno 2018 sono riaperte le stazioni di Campolattaro e Pontelandolfo mentre il 1º luglio avviene la riapertura della stazione di Morcone[3].

Cronologia apertureModifica

Tratta Inaugurazione[4]
BeneventoPietrelcina 1º settembre 1881
Pietrelcina–San Giuliano del Sannio 12 febbraio 1882
San Giuliano del Sannio–Vinchiaturo 2 luglio 1882
Vinchiaturo–Baranello 1º marzo 1883
Baranello–Campobasso 5 agosto 1883

La linea fu prevista dalla legge Baccarini[5].

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
 
linea MCNE per Cancello / linea per Napoli
 
0+000 Benevento 121 m s.l.m.
         
linea per Avellino
         
linea per Foggia
 
4+205 Benevento Acquafredda * 1949[6] 200 m s.l.m.
 
13+226 Pietrelcina
 
19+989 Cese 450 m s.l.m.
 
23+282 Pescosannita-Fragneto L'Abate 403 m s.l.m.
 
25+946 Fragneto Monforte 442 m s.l.m.
 
32+845 Campolattaro 518 m s.l.m.
 
35+288 Pontelandolfo 524 m s.l.m.
 
38+028 Santa Maria Colle di Serra 531 m s.l.m.
 
42+940 Morcone 439 m s.l.m.
 
49+926 Santa Croce del Sannio † 2013 482 m s.l.m.
 
55+299 Sassinoro * 1939[7] 510 m s.l.m.
 
confine Campania-Molise
 
57+111 Sepino 515 m s.l.m.
 
60+868 San Giuliano del Sannio 519 m s.l.m.
         
linea per Isernia
 
66+324
66+115
Bosco Redole † 2004
 
71+848 Vinchiaturo 619 m s.l.m.
 
76+125 Baranello 709 m s.l.m.
 
84+311 Campobasso 686 m s.l.m.
 
linea per Termoli

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo Linea 127.
  • Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo Linea 138.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica