Ferrovia Berna-Lucerna

linea ferroviaria svizzera

La ferrovia Berna-Lucerna è una linea ferroviaria a scartamento normale della Svizzera.

Berna-Lucerna
Stati attraversatiSvizzera Svizzera
InizioBerna
FineLucerna
Attivazione1864 (Gümligen-Langnau)
1875 (Langnau-Lucerna)
GestoreFFS
Precedenti gestoriBSB (1864-1877)
BLB (1875-1877)
Canton Berna (1877-1890)
JS (1890-1903)
Lunghezza95,54 km
Scartamento1 435 mm
Elettrificazione15000 V CA 16,7 Hz
Ferrovie

StoriaModifica

Nel 1857 il canton Berna diede alla Schweizerische Ostwestbahn la concessione per le linee La Neuveville-Bienne-Berna e Berna-Lucerna (via Emmental ed Entlebuch). Il 3 dicembre 1860 aprì la tratta Bienne-La Neuveville, ma per motivi finanziari l'anno successivo la Ostwestbahn si sciolse; il cantone rilevò la concessione per le linee La Neuveville-Bienne-Zollikofen (dove si allacciava alla ferrovia Berna-Olten) e Langnau-Gümligen (dove si allacciava alla ferrovia Berna-Thun) costituendo la Bernische Staatsbahn (BSB)[1].

Il 1º giugno 1864 la BSB aprì la tratta Gümligen-Langnau della linea per Lucerna, insieme alla la tratta Zollikofen-Bienne della linea per Bienne[2].

Nel 1873 iniziarono i lavori per la costruzione del prolungamento della linea da Langnau al bivio di Fluhmühle (dove si allacciava alla linea da Olten a Lucerna), che aprì l'11 agosto 1875. La tratta fu costruita dalla Bern-Luzern-Bahn (BLB), partecipata dai cantoni Berna e Lucerna e da alcuni comuni interessati; la BLB aveva rilevato anche la tratta Gümligen-Langnau dalla BSB. L'esercizio era curato dalla Chemins de fer du Jura bernois (JB), sotto il nome Jura-Bern-Luzern. Nel febbraio 1876 la BLB dichiarò bancarotta, e l'anno successivo la linea fu rilevata all'asta dal canton Berna (con l'esercizio sempre curato dalla Jura-Bern-Luzern). Nel 1890 la linea confluì nella Compagnia del Giura-Sempione (JS). Nel 1903 la JS fu nazionalizzata: da allora fa parte della rete delle Ferrovie Federali Svizzere (FFS).

Nel luglio 1919 venne elettrificata la tratta tra Berna e Gümligen (comune alla Berna-Thun)[3]; la tratta Lucerna-Gütsch (comune alla Olten-Lucerna) fu elettrificata il 14 maggio 1924[4]. L'elettrificazione della linea fu completata il 15 agosto 1934[5].

Il 20 maggio 1912 venne raddoppiata la sezione tra Berna Wylerfeld e Gümligen[6]; il 6 giugno 1939 fu il turno della tratta in comune con la Olten-Lucerna fino a Sentimatt[7]. Nel 1969 vennero rimaneggiati i posti movimento di Gütsch e di Würzembach e ammodernate le apparecchiature di sicurezza della stazione di Lucerna, permettendo un migliore accesso a quest'ultima[8]: sino ad allora, infatti, si avevano due linee a binario unico affiancate (una per i treni verso Zurigo e il Gottardo e l'altra per i convogli verso Berna, Olten e la Seetal)[9].

Nel maggio 1967 entrò in esercizio il binario di raccordo tra la stazione di Ostermundingen e quella di Zollikofen (sulla ferrovia Olten-Berna), migliorando i collegamenti tra Olten, Bienne e il Sempione[10].

Nel 2004 sono state raddoppiate tre tratte nell'Emmental[11].

CaratteristicheModifica

La ferrovia, a scartamento normale, è lunga 95,54 km, è elettrificata a corrente alternata monofase con la tensione di 15.000 V alla frequenza di 16,7 Hz; la pendenza massima è del 20 per mille. È a doppio binario nelle tratte Berna-Gümligen, Bachtele-Tägertschi, Konolfingen-Zäziwil, Schlossberg (Signau)-Schüpbach (Signau) e bivio Fluhmühle-Lucerna[12].

PercorsoModifica

[12] Stazioni e fermate 
 
per Losanna, per Thun (BLS), per Schwarzenburg (BLS) e per Neuchâtel (BLS)
     
106,13 Berna
         
per Zollikofen (RBS) (* 1965)
     
fiume Aar (Rote Brücke † 1941)
     
fiume Aar (Lorraineviadukt * 1941)
     
     
     
103,33
108,58
vecchio percorso per Ostermundingen († 1912)
     
108,98 Berna Wankdorf
         
109,48 per Olten e per Bienne
     
autostrada A6
     
110,77 Ostermundigen
     
raccordo Steinbruch
     
     
per Berna (RBS)
     
113,96 Gümligen
         
per Worb Dorf (RBS)
     
8,93 per Thun
     
12,99 Worb SBB
     
15,30 Bachtele (Trimstein)
     
17,22 Tägertschi
     
per Thun (BLS)
     
20,53 Konolfingen
     
per Burgdorf (BLS)
     
24,34 Zäziwil
     
27,28 Bowil
     
28,65 Schlossberg (Signau)
     
30,37 Signau
     
32,00 Schüpbach (Signau)
     
34,09 Emmenmatt
     
fiume Ilfis (80 m)
     
per Soletta (BLS)
     
34,73 Obermatt
     
37,47 Langnau im Emmental
     
43,13 Trubschachen
     
48,27 Wiggen
     
Tunnel Wiggen (40 m)
     
52,19 Escholzmatt
     
fiume Waldemme (32 m)
     
60,07 Schüpfheim
     
64,14 Hasle LU (* 1914[13])
     
66,37 Entlebuch
     
Wilzigen-Tunnel (250 m)
     
Entlenstalden-Tunnel (80 m)
     
Oberer Schächtli-Tunnel (44 m)
     
Unterer Schächtli-Tunnel (96 m)
     
70,74 Doppleschwand-Romoos (* 1934 † 1999[14])
     
Tunnel Wolhusen (150 m)
     
fiume Kleine Emme (45 m)
     
per Huttwil (BLS)
     
74,36 Wolhusen
     
Werthensteiner Tunnel (30 m)
     
76,15 Werthenstein
     
fiume Kleine Emme (45 m)
     
80,14 Schachen LU
     
83,15 Malters
     
89,21 Littau
     
Zimmeregg-Tunnel (1134 m)
     
bivio Fluhmühle per Zugo e per Olten
     
92,73 Gütsch
     
per Chiasso
     
Gütsch-Tunnel (325 m)
     
93,33 Heimbach
     
Schönheim-Tunnel (199 m)
         
per Interlaken Ost (ZB) e per Engelberg (ZB)
     
95,05 Lucerna
Legenda · Convenzioni di stile
 
Un convoglio BLS a Malters

La linea parte dalla stazione di Berna. Nel 1941 la linea venne deviata sul nuovo viadotto in cemento armato a quattro binari della Lorraine sul fiume Aar lungo circa 1150 metri[15]. Il viadotto sostituiva un preesistente ponte metallico a due binari, costruito tra il 1856 e il 1858 e noto come "Rote Brücke" (ponte rosso) a causa della vernice antiruggine che lo ricopriva[16].

In occasione del raddoppio della tratta Berna Wylerfeld-Gümligen la linea venne deviata nei pressi di Ostermundigen, con la costruzione di una nuova stazione[17]. Dopo Gümligen la linea si distacca dalla Berna-Thun dirigendosi verso est; tra Lauperswil e Wiggen viene seguito il corso del fiume Ilfis, attraversato prima di Langnau. Lasciato il canton Berna per il canton Lucerna, si entra nell'Entlebuch, percorrendo la valle del fiume Kleine Emme fino a Littau.

Attraversata la galleria dello Zimmeregg la linea si immette nella Olten-Berna, terminando il proprio percorso alla stazione di Lucerna.

NoteModifica

  1. ^ Weissenbach, op. cit., p. 27
  2. ^ Weissenbach, op. cit., p. 28
  3. ^ (FR) Département des travaux, in Rapport de gestion et comptes des Chemins de fer fédéraux pour l'exercice de 1919, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 31.
  4. ^ (FR) Electrification, in Rapport de gestion et comptes des Chemins de fer fédéraux pour l'exercice de 1924, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 25.
  5. ^ (FR) Division de l'électrification, in Rapport de gestion et comptes des Chemins de fer fédéraux pour l'exercice de 1934, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 27.
  6. ^ (FR) Département des travaux, in Chemins de fer fédéraux - Comptes de l'année 1912, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 181.
  7. ^ (FR) Voie et usines électriques, in Rapport de gestion et comptes des Chemins de fer fédéraux pour l'exercice de 1939, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 28.
  8. ^ (FR) Installations et matériel roulant, in Chemins de fer fédéraux suisses - Rapport de gestion 1969, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 30.
  9. ^ (FR) Nouveautés intéressantes en gare de Lucerne et sur ses voies d'accès, in Bulletin du personnel des CFF, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, settembre 1969, pp. 3-6. URL consultato il 27 settembre 2022.
  10. ^ (FR) Installations et matériel roulant, in Chemins de fer fédéraux suisses - Rapport de gestion 1967, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 28.
  11. ^ Infrastruttura: incremento dei treni e della puntualità., in Rapporto di gestione 2004 SBB CFF FFS, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 47.
  12. ^ a b Streckendaten (PDF), su quadri-orario.ch. URL consultato il 19 novembre 2021.
  13. ^ (FR) Département commercial, in Chemins de fer fédéraux - Comptes de l'année 1914, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 96.
  14. ^ Geschichte, su doppleschwand.ch. URL consultato il 19 novembre 2021.
  15. ^ (FR) A.D. Bühler, Le viaduc de la Lorraine de la nouvelle ligne Berne-Wilerfeld des Chemins de fer féderaux, in Bulletin technique de la Suisse romande, n. 14, Losanna, S.A. du Bulletin technique, 1941, pp. 169-177. URL consultato il 18 marzo 2021.
  16. ^ (DE) Werner Neuhaus, Als die Schnellzüge nach Basel, Biel/Bienne, Thun und Zürich noch durchs Lorrainequartier dampften, in Heimat Heute 2013, Berna, Berner Heimatschutz, p. 29.
  17. ^ (FR) Département des travaux, in Chemins de fer fédéraux - Comptes de l'année 1911, Berna, Ferrovie Federali Svizzere, p. 184.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica