Apri il menu principale
Biasca-Acquarossa
Stati attraversatiSvizzera Svizzera
Lunghezza14 km
Apertura1911
Chiusura1973
GestoreSocietà per la Ferrovia Biasca-Acquarossa SA
Scartamento1 000 mm
Elettrificazione1 200 V cc
Ferrovie

La ferrovia Biasca-Acquarossa era una linea ferroviaria a scartamento metrico che percorreva la Val di Blenio, sino ad Acquarossa.

Indice

StoriaModifica

Il 6 ottobre 1899 venne emessa la concessione per la linea; nel 1906 si costituì la Società per la Ferrovia Biasca-Acquarossa (Olivone) per costruire ed esercire la linea, con sede a Biasca[1], spostata nel 1909 a Malvaglia[2].

La ferrovia fu attivata il 6 luglio 1911; inizialmente era previsto di prolungarla fino a Olivone, ma il progetto non fu mai realizzato. Nel 1944 la ragione sociale della società esercente mutò in Società per la Ferrovia Biasca-Acquarossa[3].

Fu chiusa il 29 settembre 1973. L'anno successivo la società esercente mutò ragione sociale in Autolinee Bleniesi[4].

CaratteristicheModifica

La linea, a scartamento metrico, era lunga 13,805 km. La linea era elettrificata in corrente continua 1 200 V; la pendenza massima era del 35‰, il raggio di curva minimo di 130 m.[5]

PercorsoModifica

 
L'ultimo giorno di servizio della ferrovia il 29 settembre 1973[senza fonte].
Stazioni e fermate
     
linea FFS per Chiasso
     
0,0 Biasca 292 m s.l.m.
     
linea FFS per Lucerna
 
0,8 Deposito 301 m s.l.m.
 
1,1 Biasca Borgo 304 m s.l.m.
 
Galleria Carnone o Buzza di Biasca
 
3,4 Loderio 353 m s.l.m.
 
fiume Lesgiüna
 
4,8 Leggiuna 365 m s.l.m.
 
5,6 Brugaio 359 m s.l.m.
 
fiume Orino
 
7,5 Malvaglia Rongie 380 m s.l.m.
 
6,4 Malvaglia Chiesa 366 m s.l.m.
 
9,6 Motto-Ludiano 441 m s.l.m.
 
fiume Riale Dongia
 
11,5 Dongio 479 m s.l.m.
 
Ponte sulla Strada cantonale[non chiaro] Al Ponte (demolito)
 
fiume Brenno
 
fiume Scaradra
 
12,6 Corzoneso 505 m s.l.m.
 
fiume Ri dei Mulini
 
13,8 Acquarossa-Comprovasco 538 m s.l.m.

Materiale rotabileModifica

All'apertura la ferrovia disponeva di tre automotrici a carrelli con vano bagagliaio (BCFe 2/4 1÷3, riclassificate nel 1956 ABFe 2/4 1÷3) costruite da Schlieren e Brown Boveri. Nel 1951 Schlieren e Sécheron consegnarono una quarta elettromotrice a carrelli (BCe 4/4 4, divenuta nel 1956 ABe 4/4 4)[6], seguita nel 1963 da una quinta, sempre costruita dalle stesse aziende.

Dopo la chiusura della linea le due automotrici più recenti furono cedute: la 4 alla ferrovia Montreux-Oberland Bernese (demolita nel 2017[7]) e la 5 alla Oberaargau-Jura-Bahnen (passata successivamente alla ferrovia Biel-Täuffelen-Ins, dal 2008 è stata in servizio sulla ferrovia Mesolcinese[8]).

Materiale motore - prospetto di sintesiModifica

Tipo Unità Anno di costruzione Costruttore Note
Automotrici elettriche ABFe 2/4 1÷3 1911 SWS-BBC radiate nel 1973
Automotrice elettrica ABe 4/4 4 1951 SWS-SAAS ceduta alla MOB nel 1974, demolita nel 2017
Automotrice elettrica ABe 4/4 5 1963 SWS-SAAS ceduta alla OJB nel 1974, alla BTI nel 1997, alla SEFT nel 2002[9]

NoteModifica

  1. ^ Tessin - Tessin - Ticino, in Foglio ufficiale svizzero di commercio (Berna), 24 novembre 1906, p. 1910. URL consultato l'11 aprile 2019.
  2. ^ Tessin - Tessin - Ticino, in Foglio ufficiale svizzero di commercio (Berna), 4 febbraio 1909, p. 189. URL consultato l'11 aprile 2019.
  3. ^ Tessin - Tessin - Ticino, in Foglio ufficiale svizzero di commercio (Berna), 13 ottobre 1944, p. 2279. URL consultato l'11 aprile 2019.
  4. ^ Tessin - Tessin - Ticino, in Foglio ufficiale svizzero di commercio (Berna), 25 novembre 1974, p. 3148. URL consultato l'11 aprile 2019.
  5. ^ W. Kummer, op. cit., p. 223
  6. ^ (DEFR) Verzeichnis des Rollmaterial der Schweizerischen Privatbahnen/État du materiel roulant des chemins de fer suisses privés, Berna, Ufficio federale dei trasporti, 1958, pp. 38-39. URL consultato il 17 maggio 2019.
  7. ^ Be 4/4 1002", su x-rail.ch. URL consultato il 17 maggio 2019.
  8. ^ ABe 4/4 Nr. 5, su seft-fm.ch. URL consultato il 17 maggio 2019.
  9. ^ Biasca - Acquarossa (BA), su pospichal.net. URL consultato il 17 maggio 2019.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica