Ferrovia Campobasso-Isernia

Linea ferroviaria italiana
Campobasso-Isernia
InizioCampobasso
FineIsernia
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza58 km
Aperturaa tratte dal 1894 al 1900
GestoreRFI
Precedenti gestoriFS
Scartamento1435 mm
Elettrificazioneno (In corso)[1]
NoteTraffico sospeso per elettrificazione linea, autoservizi sostitutivi
Ferrovie

La ferrovia Campobasso-Isernia è una linea ferroviaria del Molise a binario singolo non elettrificata che collega Campobasso con Isernia.

Il primo tratto della ferrovia, da Campobasso a Bosco Redole, è parte della ferrovia Benevento-Campobasso, mentre l'ultimo tratto, tra Carpinone e Isernia, è invece parte della ferrovia Sulmona-Isernia.

StoriaModifica

La linea fu prevista dalla legge Baccarini[2].

Il 15 dicembre 2001 furono soppresse le fermate di Campochiaro, San Massimo, San Polo Matese, Santa Maria del Molise, Pettoranello e Pesche[3].

La linea è stata interessata da lavori di potenziamento nella tratta Campobasso-Boiano, con passaggio dalla tecnologia di supporto alla condotta SSC a quella SCMT, realizzazione della fermata di Campobasso Duca d'Aosta, adeguamento infrastrutturale della stazione di Boiano agli standard correnti, ripristino e adeguamento della stazione di Guardiaregia e della fermata di San Polo Matese nell'ottica del progetto per la realizzazione della Metropolitana leggera Matrice-Campobasso-Bojano.

Dal 14 giugno 2020 il traffico ferroviario è sospeso sulla linea a causa dei lavori di elettrificazione[4]. Sono previsti i servizi sostitutivi sulla tratta interessata dai lavori, la cui riapertura è prevista per fine 2022.

Tratta Inaugurazione[5]
Vinchiaturo-Bosco Redole 2 luglio 1882
Baranello-Vinchiaturo 1º marzo 1883
Campobasso-Baranello 5 agosto 1883
Bosco Redole-Boiano 1º agosto 1894
Isernia-Carpinone[6] 18 settembre 1897
Boiano-Cantalupo nel Sannio 8 settembre 1898
Cantalupo nel Sannio-Carpinone 14 giugno 1900

CaratteristicheModifica

 Stazioni e fermate 
 
per Termoli
 
84+311 Campobasso 686 m s.l.m.
 
83+390 Duca d'Aosta * 2019[7]
 
76+125 Baranello 709 m s.l.m.
 
71+848 Vinchiaturo 619 m s.l.m.
 
66+324
0+000
Bosco Redole 553 m s.l.m.
     
per Benevento
 
3+443 Guardiaregia 515 m s.l.m.
 
5+816 Campochiaro † 2001[3] 518 m s.l.m.
 
7+209 San Polo Matese * 2019[7]
     
raccordo industriale San Polo Matese
 
fiume Biferno
 
11+465 Boiano 484 m s.l.m.
 
15+798 San Massimo † 2001[3] 513 m s.l.m.
 
19+813 Cantalupo del Sannio-Macchiagodena 536 m s.l.m.
 
22+365 Santa Maria del Molise † 2001[3] 527 m s.l.m.
 
gall. Castel Petroso (3.443 m)
     
per Sulmona
 
28+912
118+100
Carpinone 631 m s.l.m.
 
123+518 Pettoranello † 2001[3] 515 m s.l.m.
 
125+034 Pesche † 2001[3] 513 m s.l.m.
 
128+731
45+247
Isernia 475 m s.l.m.
 
per Vairano
Legenda · Convenzioni di stile

NoteModifica

  1. ^ Ferrovie: via all'elettrificazione della Roccaravindola-Isernia-Campobasso, su Ferrovie.info, 14 giugno 2020.
  2. ^ Tabella C, punto 28
  3. ^ a b c d e f Impianti FS, in "I Treni" nº. 234 (febbraio 2002), p. 5-6.
  4. ^ Linee: Campobasso – Roma; Campobasso – Napoli; Benevento – Caserta – Campobasso, modifiche alla circolazione dei treni - Trenitalia, su www.trenitalia.com. URL consultato il 12 agosto 2020.
  5. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  6. ^ Parte della linea Sulmona-Isernia
  7. ^ a b Rete Ferroviaria Italiana, Circolare territoriale NA 25/2019

BibliografiaModifica