Apri il menu principale
Cava Manara-Cava Carbonara
Mappa ferrovia Cava Carbonara-Cava Manara.svg
InizioCava Carbonara
FineCava Manara
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza4,110 km
Apertura1883
Chiusura1916
GestoreSFAI (1883-1885)
RM (1885-1905)
FS (1905-1916)
Scartamento1435 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Cava Manara-Cava Carbonara era una breve linea ferroviaria che congiungeva la stazione di Cava-Carbonara, posta alla congiunzione delle linee Vercelli-Pavia e Alessandria-Pavia, e la stazione di Cava Manara[1], ubicata sulla tratta comune alle linee Milano-Genova e Pavia-Stradella.

Indice

StoriaModifica

La linea fu aperta all'esercizio il 15 settembre 1883[2].

Tale opera era stata prevista dalla legge Baccarini del 27 aprile 1885[3] come parte dell'itinerario Vercelli-Broni. Consentiva infatti di collegare le linee della Lomellina ai nodi ferroviari di Tortona e Piacenza evitando l'inversione di marcia a Pavia ed il transito sul Ticino.

L'esercizio, inizialmente assunto dalla Società per le Ferrovie dell'Alta Italia (SFAI), passò dunque in carico alla Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo, con servizi eserciti dalla Rete Mediterranea, per poi passare nel 1905 alle neocostituite Ferrovie dello Stato.

La breve linea venne soppressa il 24 luglio 1916 e immediatamente disarmata[4][5].

CaratteristicheModifica

Stazioni e fermate
 
per Vercelli
     
per Alessandria
 
0+000 Cava-Carbonara 83 m s.l.m.
     
per Pavia
     
per Pavia
 
4+110 Cava Manara 68 m s.l.m.
 
per Genova e per Stradella

La linea era una ferrovia a binario unico a scartamento normale, lunga 4,11 chilometri[6].

PercorsoModifica

Realizzata in rilevato, opera che risulta ancora identificabile in alcuni tratti, la linea si distaccava dalla stazione di San Martino Siccomario-Cava Manara volgendo verso ovest e si immetteva nel rettilineo che raggiungeva la scarpata del terrazzo fluviale di Carbonara. Da qui, descrivendo un'ampia curva, si immetteva da nord nel piazzale della stazione di Cava-Carbonara.

NoteModifica

  1. ^ Nel 2006, la stazione di Cava Manara fu rinominata San Martino Siccomario-Cava Manara. Cfr. RFI SpA. Circolare Compartimentale MI 62/2006. p. 2.
  2. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it. URL consultato il 6 giugno 2010.
  3. ^ Tabella C punto 5. Vercelli-Mortara-Cava Manara-Bressana-Broni, coi prolungamenti Stradella e Pavia
  4. ^ Ordine di Servizio n. 173 del 1916
  5. ^ Antica bretella, in I Treni, nº 226, Salò, ETR, maggio 2001, p. 9.
  6. ^ Ferrovia Cava Carbonara - Cava Manara, su ferrovieabbandonate.it. URL consultato il agosto 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica