Apri il menu principale

Ferrovia Domodossola-Novara

linea ferroviaria italiana
Domodossola-Novara
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza90 km
Apertura1864 (Gozzano-Novara)
a tratte tra il 1884 e il 1888 (Domodossola-Gozzano)
GestoreRFI
Scartamento1 435 mm
Elettrificazione3000 V CC
Ferrovie

La ferrovia Domodossola-Novara è una linea ferroviaria italiana di proprietà statale che da Novara, costeggiando il lago d'Orta e percorrendo la Val d'Ossola, giunge a Domodossola.

Indice

StoriaModifica

Tratta Inaugurazione[1]
Novara-Vignale 14 giugno 1855[2]
Vignale-Gozzano 10 marzo 1864
Gozzano-Orta 18 agosto 1884
Orta-Gravellona Toce 30 aprile 1887
Gravellona Toce-Domodossola 9 settembre 1888
Variante di Gozzano 3 dicembre 2011[3]

Progettazione e inaugurazioneModifica

La linea Domodossola-Novara è il risultato dell'unione di due tratte ferroviarie costruite in tempi differenti e con scopi diversi. Il tratto più antico è quello tra Novara e Vignale, che venne aperto all'esercizio il 14 giugno del 1855[4], e che faceva parte dell'itinerario voluto dallo Stato piemontese per raggiungere il Lago Maggiore ad Arona passando per Alessandria e Novara. Il successivo di 32 km, fino a Gozzano, venne realizzato dopo l'Unità d'Italia e aperto all'esercizio il 10 marzo del 1864[1]. Fu solo dopo l'emanazione della Legge Baccarini, nel 1879 che venne data autorizzazione a costruire una linea che raggiungesse il Sempione a Domodossola, ma solo come linea di 2ª categoria. I lavori iniziarono anni dopo; nel 1884 venne raggiunto il Lago d'Orta, il 30 aprile del 1887, Gravellona Toce e, proseguendo, il 9 settembre 1888, il treno inaugurale raggiunse Domodossola[5].

 
La ferrovia lungo il lago d'Orta

Lo scopo era quello di assicurare il proseguimento del traffico viaggiatori, soprattutto internazionale, proveniente in diligenza dal Valico del Sempione e dalle varie località della Val d'Ossola, Val Divedro, Val Vigezzo e Val Bognanco[6].

Nel corso della sua storia ultracentenaria la tratta si è rivelata di importanza strategica come linea ferroviaria alternativa a quella internazionale del Sempione. Infatti, nel caso di impedimenti alla circolazione ferroviaria tra Domodossola ed Arona, i treni internazionali e merci possono essere instradati via Omegna-Borgomanero-Novara-Rho. È già successo che a causa di incidenti o avarie alla linea importanti treni internazionali siano stati deviati proprio su questa piccola linea abituata al traffico regionale leggero. L'ultima deviazione di questo tipo avvenne negli anni novanta: all'epoca la linea non era ancora elettrificata e così i pesanti treni a lunga percorrenza transitarono sulla linea trainati da doppie trazioni di locomotori diesel come D.345 o D.445.

Elettrificazione e lavori di ammodernamentoModifica

Nell'ambito dello sviluppo del traffico merci del Corridoio 24 (Genova-Rotterdam) sul finire degli anni novanta è iniziato il processo di elettrificazione della linea che ha interessato inizialmente solo la tratta compresa tra Domodossola e Premosello-Chiovenda dove la linea interseca quella internazionale Domodossola-Milano; i lavori si sono quindi spostati a sud ed hanno interessato tutta la linea. Oltre ai lavori di elettrificazione sono stati eseguiti anche lavori di potenziamento che hanno riguardato soprattutto l'adeguamento a sagoma limite (per i carri per il trasporto di camion) dei numerosi sovrappassi stradali.

Il 1º marzo 2001 la tratta compresa tra Vignale e Premosello-Chiovenda è stata messa in tensione a 3000 Volt; è così partito il pre-esercizio della TE (Trazione Elettrica) con i treni del servizio gestito dalla Società svizzera Hupac: si tratta di un sistema di trasporto di merci basato sul trasbordo di camion e TIR su apposite carrozze a pianale ultra ribassato. In questo caso il trasporto parte dal Centro Intermodale Merci di Novara, in Piemonte e arriva fino a Friburgo in Brisgovia, poco dopo il confine svizzero-tedesco.

 
La nuova stazione di Gozzano, inaugurata nel 2011

L'11 giugno 2001 segnò l'avvio del servizio regolare a trazione elettrica, in presenza di Giancarlo Cimoli a bordo del treno inaugurale. Il treno era composto da un locomotore E.633, la carrozza cuccette della Società Hupac, la carrozza conferenze delle FS e 18 carri ultra ribassati.[7]

Variante di GozzanoModifica

Nel 2009 iniziarono i lavori per la costruzione di una variante a Gozzano. Il tracciato storico, che attraversava la città con un'ampia curva parabolica dividendola in due, creava un notevole disagio soprattutto per i sette passaggi a livello posti in punti critici per il traffico cittadino.

La variante realizzata è costituita da una nuova tratta rettilinea, con una nuova stazione cittadina, che taglia la curva a "C". I lavori si conclusero nel dicembre 2011 e il 5 dicembre dello stesso anno la variante divenne pienamente operativa disattivando la vecchia sede ferroviaria dal centro della città.

CaratteristicheModifica

La linea è una ferrovia a binario semplice a scartamento normale da 1435 mm. Da Domodossola al lago d'Orta la linea ha andamento dolce: corre attraverso l'ampia val d'Ossola. Da Omegna a Gozzano la linea si affianca al lago d'Orta attraversando una serie di trincee scavate nella roccia sul costone delle montagne ad est del lago: il paesaggio che si gode dal finestrino è molto suggestivo, infatti si viaggia in sede sopraelevata rispetto al lago e si ha una vista su tutta l'estensione del lago. Si parte poco più di dieci metri sul livello del lago ad Omegna (305 m s.l.m.) salendo fino a circa cento metri al di sopra del lago (alla fine del tratto, poco prima della fermata di Bolzano Novarese, la linea tocca il suo culmine). Tra Gozzano e Novara la linea attraversa l'alta pianura novarese e il tracciato è pressoché rettilineo.

È stata elettrificata tra il 1995 ed il 2001 a 3000 volt, corrente continua, nell'ambito del programma di sviluppo dei collegamenti ferroviari merci con il porto di Genova ed in seguito agli adeguamenti della galleria del Sempione in corso sul versante svizzero. Fino al 1998 risultava elettrificato solo il tratto Novara-Vignale.[senza fonte]

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
 
per Alessandria
     
per Milano
     
 
 
 
 
 
   
65+028 Novara Boschetto / Novara 151 m s.l.m.
 
 
 
   
Novara Nord
         
Novara FNM (vecchia)
         
65+368
0+000
linee per Torino e per Biella
         
per Seregno
         
Torino-Milano
 
Autostrada A4 - Strada europea E64
 
canale Cavour
 
3+275 Vignale fine doppio binario, 160 m s.l.m.
     
per Arona e per Pino / per Varallo
 
7+968 Caltignaga 178 m s.l.m.
 
Sologno † 2003 190 m s.l.m.
 
14+696 Momo 212 m s.l.m.
 
17+822 Vaprio d'Agogna * 1935[8] 229 m s.l.m.
 
20+583 Suno 245 m s.l.m.
 
23+869 Cressa-Fontaneto 264 m s.l.m.
 
Autostrada A26
     
per Santhià
 
30+407 Borgomanero 310 m s.l.m.
     
per Arona
 
torrente Agogna
     
variante * 2011
     
35+430 Gozzano / Gozzano (1864) 347 m s.l.m.
 
 
 
per Alzo † 1924
 
37+986 Bolzano Novarese 362 m s.l.m.
 
Corconio-Ameno † 2003 365 m s.l.m.
 
42+509 Orta-Miasino 360 m s.l.m.
 
45+788 Pettenasco 332 m s.l.m.
 
52+010 Omegna 305 m s.l.m.
 
53+563 Stamperia Omegna Ferriera
 
55+124 Omegna-Crusinallo 270 m s.l.m.
 
59+350 Gravellona Toce 212 m s.l.m.
 
63+576 Ornavasso 216 m s.l.m.
     
fiume Toce
         
per Milano
     
68+203 Cuzzago 212 m s.l.m.
     
71+996 Premosello-Chiovenda 220 m s.l.m.
     
74+613 Vogogna Ossola 221 m s.l.m.
         
         
         
76+133 Pieve Vergonte 225 m s.l.m.
         
78+298 Piedimulera 249 m s.l.m.
         
80+464 Pallanzeno 231 m s.l.m.
         
82+689 Villadossola 253 m s.l.m.
         
per Milano
           
89+225 Domodossola SSIF / Domodossola per Locarno (cambio tensione) 272 m s.l.m.
         
per Briga

La linea è lunga 90 km e a binario unico. Fu elettrificata in due fasi fra il 1998 e il 2000: prima venne il tratto Domodossola-Premosello e successivamente quello fra Premosello e Novara, a seguito della rivalutazione della linea come itinerario alternativo alla linea del Sempione.

La linea a Domodossola si stacca dagli scambi sud della stazione di confine e si abbassa leggermente di quota, attraversando le pendici dei primi rilievi montuosi che chiudono la Valdossola. Pochi chilometri dopo si trova la stazione di Villadossola, importante scalo a servizio di alcune industrie raccordate: due acciaierie e la Vinavil.

La ferrovia, proseguendo a lato della Provinciale 166, raggiunge la fermata di Pallanzeno, dotata del solo binario di transito ma collegata con uno scambio allo scalo merci della ferriera Duferdofin, raggiunta quotidianamente da alcuni merci provenienti da San Zeno.

Oltrepassata la fermata successiva, quella di Piedimulera, la linea imbocca un curvone molto ampio sulla destra che conduce alla stazione di Pieve Vergonte, l'unica della linea ad avere il fabbricato viaggiatori e il magazzino merci rivestiti di lastre di ardesia. Pieve Vergonte è sede di un altro raccordo, con la raffineria ex Enichem, quotidianamente servita da alcune tradotte originanti da Villadossola e Domodossola.

La linea si infila in un ponte metallico per oltrepassare il fiume Toce e con un'altra curva si riaffianca alla linea del Sempione, prima di entrare nella fermata di Vogogna, separata dalla omonima fermata della linea Domodossola-Milano. Inizia in questo luogo un tratto parallelo di oltre 7 km dove i tre binari condividono la sede, rimanendo però sempre separati. Si attraversa la stazione in comune di Premosello, dall'ampio piazzale caratterizzato da due cabine di blocco rialzate in stile razionalista, per poi giungere presso le due fermate di Cuzzago, dove i fabbricati viaggiatori raddoppiano nuovamente e ogni linea ha il suo piazzale distinto.

La linea per Milano prosegue mantenendo la sponda destra del Toce, diretta verso il Lago Maggiore; la linea per Novara invece piega decisamente verso sud, attraversando nuovamente il Toce, per toccare la fermata di Ornavasso e quindi arrivare alla stazione di Gravellona Toce, il cui panorama è dominato dalle cime dei Corni di Nibbio.

La linea prosegue verso sud, sempre parallela alla statale ma a differente quota, e attraverso corte gallerie giunge alla fermata (ex stazione) di Omegna-Crusinallo. In questo luogo vi furono l'interscambio con la tranvia interurbana Omegna-Verbania-Pallanza-Intra, che correva lungo la statale parallela, nonché numerosi binari di raccordo a varie industrie, oggi completamente asportati.

Il tracciato compie un'ampia "esse" fino ad entrare nella stazione di Omegna, dall'ampio scalo merci disabilitato. Da Omegna inizia un tortuoso tratto a mezzacosta che segue l'andamento della costa destra del Lago d'Orta. Dopo la fermata di Pettenasco, seguita a breve da un viadotto a 5 archi, sempre a mezzacosta e con vista lago, il binario raggiunge dopo 6 km la stazione di Orta Miasino, col piazzale parzialmente in curva. La linea tocca in seguito la fermata, sempre in curva, di Corconio-Ameno, dismessa dal 2003 e, pochi chilometri più a sud, quella di Bolzano Novarese.

Oltrepassata Gozzano, una stazione dotata di un binario di incrocio, posta sulla variante di tracciato inaugurata nel 2011, inizia la pianura. La linea prosegue fino a Borgomanero dopo essersi unita con uno scambio alla linea non elettrificata Santhia-Arona. Borgomanero è una stazione di medie dimensioni, dotata di raccordo con una ditta di granaglie, ormai inutilizzato, e di uno scalo merci molto ampio, ma completamente dismesso.

Il binario risulta da qui in poi in massima parte rettilineo e corre parallelamente alla strada regionale 229 Novara-Orta. Si incontrano la stazione di Cressa-Fontaneto, dotata di raddoppio, le piccole fermate di Suno e Vaprio d'Agogna, Momo, una piccola stazione con raddoppio, la fermata di Sologno, dismessa nel 2003, e quindi la stazione di Caltignaga, impreziosita dalla chiesetta immediatamente adiacente al binario.

Proseguendo in rettilineo la linea si affianca alla Arona/Oleggio che si unirà insieme alla linea per Varallo Sesia nella piccola stazione di Vignale, molto più importante ai fini del movimento ferroviario che di quello commerciale.

La linea entra infine in Novara con una curva a ovest, sugli scambi lato Torino.

TrafficoModifica

Il servizio passeggeri è gestito da Trenitalia e i treni sono classificati tutti come regionali.

Per quanto riguarda il trasporto di merci, questa linea è impiegata dalle Autostrade Viaggianti - RoLa di RAlpin SA trazionate da SBB CFF FFS Cargo, con personale SBB Cargo Italia.[9]

NoteModifica

  1. ^ a b Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 6 febbraio 2014.
  2. ^ Parte della linea Alessandria-Novara-Arona.
  3. ^ Variante di Gozzano sulla linea Domodossola-Novara
  4. ^ Prospetto cronologico delle aperture
  5. ^ Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it - Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su trenidicarta.it. URL consultato il 3 giugno 2009.
  6. ^ Domenico Molino,Domodossola, p. 20-21
  7. ^ trenoregionale.altervista.org, http://trenoregionale.altervista.org/elettrificata_la_novara-domodossola.html.
  8. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 145, 1935
  9. ^ intermodale24-rail.net, http://intermodale24-rail.net/treni/Ro-La.html.

BibliografiaModifica

  • Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo linea 14
  • Domenico Molino, Città e binari: Domodossola, in i Treni Oggi n° 1, Desenzano, ETR, 1980.
  • G.Banzoni, F.Franchini, M.Mansutti, " 1888-2018. La ferrovia Novara-Domodossola- una linea lunga tre secoli"

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica