Ferrovia Pisa-Vada

linea ferroviaria italiana
(Reindirizzamento da Ferrovia Maremmana)
Ferrovia Pisa-Vada
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza45 km
Apertura1863
Chiusura1992
Riapertura2004
GestoreRFI
Precedenti gestoriSFL (1862-1865)
Scartamento1435 mm
Elettrificazione3000 V =
Ferrovie

La ferrovia Pisa-Vada è una linea ferroviaria italiana aperta tra il 1863 e il 1874. Costituisce il tracciato originario della ferrovia Tirrenica nel tratto fra Pisa e Vada.

StoriaModifica

Tratta Inaugurazione
Collesalvetti-Vada 20 ottobre 1863
Pisa-Collesalvetti 1º aprile 1874

Il progetto e la costruzioneModifica

La "ferrovia Maremmana" fu concepita negli anni Trenta del XIX secolo come naturale prosecuzione verso sud della ferrovia Leopolda, ancora in fase di progettazione, che avrebbe collegato il porto di Livorno con Firenze, capitale del Granducato di Toscana. La prima concessione alla costruzione della ferrovia Maremmana fu rilasciata nel 1845, quando il territorio della Maremma era appena stato bonificato al termine di una laboriosa opera voluta dal granduca Ferdinando III. La scarsissima rilevanza economica della zona spinse tuttavia lo Stato Pontificio, già impegnato in altre opere di pubblica utilità, a osteggiare la creazione di un collegamento tra la Maremma e Roma: la prima concessione portò dunque a un nulla di fatto.

La situazione cambiò nel 1859, quando al Granducato di Toscana si sostituì il Governo provvisorio della Toscana: con un decreto dell'8 marzo 1860 il Governo provvisorio deliberò la costruzione di una linea ferroviaria che, partendo da Livorno, si distaccasse dalla ferrovia Leopolda, affiancasse il litorale tirrenico attraversando la Maremma e proseguisse verso meridione. I lavori furono rapidamente avviati e la tratta Livorno-Collesalvetti-Follonica venne inaugurata il 20 ottobre 1863 insieme alla ferrovia Cecina-Saline di Volterra, una diramazione della ferrovia Maremmana che collegava la stazione di Cecina a quella di Saline, frazione di Volterra, e che nei progetti originari mai concretizzatisi doveva proseguire fino ad allacciarsi alla ferrovia Centrale Toscana oppure alla ferrovia Leopolda[1].

 
Sviluppo della rete ferroviaria nella Maremma tra il 1848 ed il 1863
 
Sviluppo della rete ferroviaria nella Maremma tra il 1873 ed il 1911

Gli sviluppiModifica

La ferrovia Maremmana raggiunse Orbetello il 15 giugno 1864 e si attestò presso il fiume Chiarone, che allora segnava il confine tra il Regno d'Italia e lo Stato Pontificio, il 3 agosto del medesimo anno. Tre anni dopo, nel giugno 1867, lo Stato Pontificio ultimò l'interconnessione tra la ferrovia Roma-Civitavecchia e il confine settentrionale con la Toscana presso il fiume Chiarone, allacciandosi proprio alla ferrovia Maremmana. La linea, a partire dal 1867, cominciò ad assumere un'importanza sempre più notevole per la logistica del giovane Regno d'Italia: attraverso la ferrovia Porrettana prima e le ferrovie Viareggio-Firenze e Leopolda poi, oppure direttamente tramite la ferrovia Lucca-Pisa, era possibile mettere in congiunzione la Pianura Padana con Roma percorrendo appunto la ferrovia Maremmana.

Poiché in entrambe le stazioni di Pisa e Livorno i treni che transitavano lungo la linea dovevano effettuare un regresso, si optò per la costruzione, completata nel 1874, di una variante di tracciato che collegava Pisa a Collesalvetti, semplificando il percorso e abbattendo i tempi di percorrenza, ma di fatto tagliando fuori Livorno dalla direttrice nazionale. Intanto, nel 1872 un'eccezionale piena del fiume Fine, incrociato dalla ferrovia per ben quattro volte nel suo percorso, danneggiò seriamente parte della linea interrompendone il servizio; si rese necessaria la realizzazione di una rettifica del tracciato, conclusa nel 1877.

Il declino e la chiusuraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Livorno Centrale.

Nel 1910, dopo svariate petizioni in tal senso seguite da cinque anni di lavori, fu aperto un nuovo tracciato che dalla stazione di Livorno Centrale proseguiva verso sud parallelamente al litorale fino a confluire nella ferrovia Maremmana poco prima della stazione di Vada, tra Rosignano Marittimo e Cecina. Inizialmente concepita a binario unico, la tratta Livorno-Vada fu riprogettata a doppio binario già nella fase iniziale dei lavori, in quanto si decise di puntare maggiormente sulla più complessa ma breve e scenica linea costiera piuttosto che raddoppiare il tracciato originale passante per Collesalvetti.

La costruzione della "ferrovia Tirrenica" portò al declassamento del tracciato interno compreso tra Pisa e Vada a linea d'interesse prettamente locale, avviando il suo inesorabile declino culminato prima con la chiusura, nel 1962, della tratta Livorno-Collesalvetti e in seguito con la soppressione, nel 1992, dell'esercizio sull'intera tratta Pisa-Collesalvetti-Vada, alla quale si preferiva la più rapida linea litoranea.

La riaperturaModifica

Negli anni Duemila si è deciso di riattivare per intero la ferrovia Pisa-Collesalvetti-Vada e, grazie a un investimento complessivo di 25 milioni di euro, nel 2000 sono stati avviati i lavori di ripristino e ammodernamento della linea, terminati nel 2004. Tali lavori hanno consentito l'adozione sulla ferrovia dei più moderni sistemi di controllo del traffico, l'elettrificazione del tracciato e l'adeguamento delle infrastrutture, compresa la ricostruzione ex novo dell'unica galleria della linea, oltre all'eliminazione di numerosi passaggi a livello e alla sostituzione di una parte del materiale d'armamento.

La linea, attrezzata per rispondere alle moderne esigenze del trasporto intermodale, è stata riconsiderata in un'ottica di impiego per il solo trasporto di merci, allo scopo di deviare una parte del traffico merci dalla ferrovia Tirrenica alleggerendo così il nodo di Livorno. Al contempo, la ferrovia Livorno-Collesalvetti è stata parzialmente recuperata per consentire il collegamento tra il porto labronico e il vicino interporto toscano "Amerigo Vespucci".

Dal 2004 la direttrice Pisa-Collesalvetti-Vada è percorsa con regolarità da treni merci, mentre il servizio passeggeri è stato sostituito da una coppia di autobus circolante nei soli giorni scolastici. Nel 2008 la linea è stata sottoposta a ulteriori lavori di potenziamento tecnologico, che hanno permesso l'adozione su di essa del Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT). Ad oggi le stazioni ferroviarie lungo la linea risultano quasi tutte chiuse e abbandonate; conservano una certa rilevanza la stazione di Collesalvetti, dotata di un fascio di binari per l'incrocio dei treni e per il deposito di rotabili, e la stazione di Orciano Pisano, riconvertita a posto di movimento.

Nel dicembre 2019 è stato firmato un protocollo d'intesa per la costruzione di un collegamento ferroviario tra l'interporto "Amerigo Vespucci" e la ferrovia Pisa-Vada, che verrà raggiunta in direzione di Pisa all'altezza di Vicarello. I lavori per la realizzazione dell'opera, che permetterà una migliore movimentazione delle merci provenienti dal porto di Livorno e dall'interporto, dovrebbero concludersi nel 2022.

CaratteristicheModifica

Stazioni e fermate
     
linea per Genova e linea per Lucca
     
linea per Livorno (via Tagliaferro) e per Pisa Aeroporto
     
332+408 Pisa Centrale 3 m s.l.m.
     
linea per Firenze
         
linea per Livorno (via "collodoca")
 
320+2xx Vicarello 7 m s.l.m.
     
linea per Livorno
 
317+464 Collesalvetti 14 m s.l.m.
 
312+2xx Fauglia-Lorenzana 31 m s.l.m.
 
305+442 P.M. Orciano 69 m s.l.m.
 
Santa Luce 38 m s.l.m.
     
variante
     
294+4xx Castellina Marittima 27 m s.l.m.
     
Acquabona
     
     
linea per Pisa (via Livorno)
 
287+519 Vada 9 m s.l.m.
 
linea per Roma

PercorsoModifica

La linea, lunga 45 km, ha inizio presso la stazione di Pisa Centrale, dalla quale si allontana verso sud-est affiancando prima la ferrovia Leopolda in direzione di Firenze, che sottopassa dopo circa 700 metri, e in seguito il raccordo "collodoca", che connette Pisa a Livorno correndo di fianco all'aeroporto di Pisa-San Giusto. Separatasi dal raccordo dopo altri 1500 metri, la ferrovia si dirige verso sud mantenendo un'andatura rettilinea per 15 km, fino a raggiungere la stazione di Collesalvetti, un tempo punto di confluenza con la ferrovia Livorno-Collesalvetti. Successivamente, il percorso della linea diviene curvilineo: il binario percorre la valle del fiume Fine e raggiunge Rosignano Marittimo dove, superato un basso spartiacque, scende verso la pianura costiera di Cecina e si unisce alla ferrovia Tirrenica, concludendo la sua corsa nella stazione di Vada in direzione di Grosseto.

NoteModifica

  1. ^ F.P.Bianchi, La questione ferroviaria di Volterra, Rassegna Volterrana, Anno LVI, Arti Grafiche PACINI MARIOTTI, Pisa, 1980

BibliografiaModifica

  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo Linea 96, RFI, prima pubblicazione dicembre 2003, ISBN non esistente.
  • Adriano Betti Carboncini, La Maremmana, storia della ferrovia Roma-Pisa dalle origini ai giorni nostri, Ediz. Calosci - Cortona, 1998.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica