Apri il menu principale

Ferrovia Reggio Emilia-Ciano d'Enza

linea ferroviaria italiana
Reggio Emilia-Ciano d'Enza
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza26 km
Apertura1909-1911
GestoreFER
Precedenti gestoriCCPR (1907-1936)
CCFR (1936-1975)
ACT (1975-2009)
Scartamento1435 mm
ElettrificazioneNon presente
Ferrovie

La ferrovia Reggio Emilia–Ciano d'Enza è una linea ferroviaria di proprietà regionale che collega la città di Reggio Emilia a Canossa e la Val d'Enza.

Dal 2009 è gestita da Ferrovie Emilia Romagna (FER).

Indice

StoriaModifica

 
Ingresso della stazione di Barco

I primi progetti della ferrovia Reggio-Ciano furono realizzati nel 1878, inoltre, nel 1886, ne venne riproposta la costruzione sostenendo che la Val d'Enza ormai gravitava su Parma, da dove partivano diverse tranvie che la univano ai paesi confinanti col reggiano.

Nel 1900, l'amministrazione provinciale propose alla Società Anonima per le Ferrovie di Reggio Emilia (SAFRE), che già aveva costruito le linee per Guastalla e per Sassuolo, anche la realizzazione e l'esercizio della Reggio–Ciano cercando di affidargliene la costruzione con la partecipazione delle cooperative ai lavori. La SAFRE rifiutò tale accordo e nel 1904 la costruzione e l'esercizio della linea vennero affidati al Consorzio Cooperativo di Produzione e Lavoro (CCPR), costituitosi con l'unione di ventisette cooperative. La Reggio–Ciano fu la prima linea ferroviaria del mondo ad essere costruita e gestita da una cooperativa.

I lavori di costruzione iniziarono nel luglio 1907 e, il 15 agosto 1909, fu aperto il tratto Reggio–Barco–Montecchio. Il 16 luglio 1910 fu ultimato il tronco Barco–San Polo. Il 3 ottobre dello stesso anno venne completato il tratto finale San Polo–Ciano, mentre il 15 gennaio 1911 fu portato a termine anche il tronco tra la stazione di Reggio Santo Stefano e quella di Reggio Emilia delle Ferrovie dello Stato.

SicurezzaModifica

Entro la fine del 2018, è in programma il completamento dell'installazione del sistema di sicurezza SCMT, unitamente alla Ferrovia Parma-Suzzara, e nel primo semestre del 2019 alla linea Suzzara-Ferrara[1].

PercorsoModifica

NoteModifica

  1. ^ Ferrovie Emilia Romagna (FER), lavori "in progress" per la sicurezza, su teleborsa.it, 17 Agosto 2018. URL consultato il 31 ottobre 2018 (archiviato il 17 Agosto 2018).
  2. ^ Nuove fermate, in I Treni, anno XIV, nº 138, Salò, Editrice Trasporti su Rotaie, giugno 1993, p. 13, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).

BibliografiaModifica

  • Giannetto Magnanini, I trasporti pubblici a Reggio Emilia, Analisi

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica