Apri il menu principale

Ferrovia Rocchetta Sant'Antonio-Gioia del Colle

linea ferroviaria italiana
Rocchetta Sant'Antonio-Gioia del Colle
InizioRocchetta Sant'Antonio
FineGioia del Colle
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza140 km
Apertura1891-1892
Chiusura2011-2016
Riapertura2017 (solo traffico merci)
GestoreRFI
Scartamento1 435 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Rocchetta Sant'Antonio-Gioia del Colle è una linea ferroviaria gestita da Rete Ferroviaria Italiana, a binario unico e non elettrificato, che collega Rocchetta Sant'Antonio a Gioia del Colle[1]. Fa parte della rete complementare (RFI) della Puglia[2] fino a San Nicola di Melfi e per alcuni chilometri corre in territorio lucano.

Nel 2011, è stata sospesa la circolazione dei treni viaggiatori sulla tratta Rocchetta Sant'Antonio-Gravina in Puglia. Nel 2016 Trenitalia, tramite un comunicato ufficiale ha annunciata la sospensione anche del tratto Gioia del Colle-Gravina, in conseguenza del mancato rinnovo del contratto di servizio da parte della Regione Puglia[3].

Indice

StoriaModifica

Tratta Inaugurazione[4]
Rocchetta Sant'Antonio-Rapolla 1º agosto 1891
Rapolla-Gioia del Colle 1º agosto 1892

Diramazione Spinazzola-Spinazzola CittàModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Spinazzola-Spinazzola Città.

Alla fine degli anni trenta il centro abitato di Spinazzola venne collegato con la sua stazione ferroviaria mediante una breve linea ferroviaria di circa 2 km che terminava con un semplice tronchino munito di marciapiedi; questa prendeva il nome di Spinazzola Città. La linea venne esercitata "a spola" con l'impiego di automotrici ALb 25 sostituite in seguito da ALn 772 e infine da ALn 668. A partire dal 1986 il servizio ferroviario con Spinazzola Città venne soppresso e sostituito con autobus. Il decreto ministeriale di chiusura del 15 aprile 1987 ha sancito la definitiva scomparsa del breve tronco di ferrovia.

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
         
linea per Foggia
 
0+000 Rocchetta Sant'Antonio-Lacedonia 218 m s.l.m.
 
Confine Puglia-Basilicata
         
linee per Avellino e per Potenza
 
  Strada statale 401 dell'Alto Ofanto e del Vulture
 
fiume Ofanto
 
Vaccareccia 210 m s.l.m.
 
8+622 Stabile * 1940[5] 209 m s.l.m.
 
12+216 San Nicola di Melfi 204 m s.l.m.
 
  Strada statale 655 Bradanica
 
  Strada Statale per Barletta e Potenza
 
Lavello-Rapolla † 2008 214 m s.l.m.
 
33+198 Venosa-Maschito 281 m s.l.m.
 
Matinella * 1940[6] 326 m s.l.m.
 
46+942 Palazzo San Gervasio-Montemilone 388 m s.l.m.
 
Confine Basilicata-Puglia
 
55+968 Spinazzola 442 m s.l.m.
         
linee per Barletta e per Spinazzola Città † 1986
 
  SP 230 per Gravina in Puglia e Spinazzola
 
Savuco 382 m s.l.m.
 
67+667 Garagnone * 1939[7] 425 m s.l.m.
 
74+404 Poggiorsini 458 m s.l.m.
 
82+927 Calderoni * 1948[8] 434 m s.l.m.
         
†2011 linea FAL per Potenza
         
92+740 Gravina in Puglia (RFI) / Gravina in Puglia (FAL) 384 m s.l.m.
         
Sanuca
         
Linea FAL per Matera
         
104+360 Altamura (RFI) / Altamura (FAL) 436 m s.l.m.
         
linea FAL per Bari
 
  Tangenziale di Altamura
 
114+097 Casal Sabini 388 m s.l.m.
         
Raccordo Ferrosud † 2011
 
  SP 236
 
124+798 Santeramo 454 m s.l.m.
 
Bellarosa † 2001[9] 393 m s.l.m.
 
Autostrada A14 - Strada europea E843
 
  Putignano
         
linea per Bari
 
139+292 Gioia del Colle 355 m s.l.m
         
linea per Taranto

TrafficoModifica

Il traffico è sospeso dal dicembre del 2011 tra Gravina e Rocchetta e dal dicembre 2016 sulla tratta Gravina-Gioia. La linea ha nodi di interscambio con altre linee nelle stazioni di Rocchetta S. Antonio, Spinazzola, Gravina in Puglia, Altamura e Gioia del Colle.

NoteModifica

  1. ^ RFI, Fascicolo linea 137, su normativaesercizio.rfi.it, pp. 52-66. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  2. ^ RFI - Rete in esercizio (PDF), su rfi.it. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  3. ^ redazione, Chiusa da oggi la tratta Gioia-Gravina; arriva il servizio sostitutivo con gli autobus, in Gravina life, 12 dicembre 2016. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  4. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  5. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 142, 1940
  6. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 100, 1940
  7. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 54, 1939
  8. ^ Ferrovie dello Stato, Ordine di Servizio n. 116, 1948
  9. ^ Impianti FS, in "I Treni" n. 234 (febbraio 2002), pp. 5-6.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica