Ferrovia Rodolfiana

linea ferroviaria internazionale
(Reindirizzamento da Ferrovia Rudolfiana)

La ferrovia Rodolfiana[2] (in tedesco, Rudolfsbahn) è una storica linea ferroviaria austriaca, percorrente in parte un tratto in territorio italiano, che collega Sankt Valentin, sulla Westbahn, a Tarvisio.

Rudolfiana
Nome originaleRudolfsbahn
Stati attraversatiBandiera dell'Austria Austria
Bandiera dell'Italia Italia
InizioSankt Valentin
FineTarvisio
Attivazione1873
GestoreÖBB
RFI[1]
Precedenti gestoriKronprinz Rudolf Bahn
KkStB
Lunghezza406 km
Scartamento1435 mm
Elettrificazione15 kV CA 16⅔ Hz
Ferrovie

La linea è gestita dalle Österreichische Bundesbahnen, ad eccezione della sezione in territorio italiano, di competenza di Rete Ferroviaria Italiana, mentre l'esercizio e il servizio passeggeri sono di competenza delle ferrovie austriache.

Due sezioni di questa linea, la Sankt MichaelSankt Veit an der Glan e la Villaco (Villach)[3] – Tarvisio, sono utilizzate dalla direttrice internazionale Vienna-TarvisioVenezia.

Progetti

modifica

Le origini della Rudolfiana si possono far risalire agli anni cinquanta del XIX secolo, quando il governo imperiale austriaco si era mostrato propenso a dotare le regioni di Alta Austria, Stiria e Carinzia di un collegamento ferroviario che soddisfacesse anche il desiderio di migliorare i collegamenti fra Vienna e Venezia, a quel tempo capitale del regno Lombardo-Veneto, e tra Praga e Trieste.

L'11 dicembre 1864 si costituì a Klagenfurt il comitato promotore di una linea ferroviaria che avrebbe dovuto unire l'area del Danubio a quella del Mare Adriatico e che naturalmente sarebbe passata per il centro carinziano. Il comitato era retto da Jakob Kompass, viceborgomastro di Steyr, che negli anni precedenti si era mosso a favore di una linea ferroviaria che collegasse Wels, sulla Westbahn, a Bruck an der Mur, sulla Meridionale.

Nell'estate del 1865, il comitato presentò domanda per l'ottenimento del Privilegio il quale fu ottenuto l'11 novembre dell'anno successivo. La concessione era di durata novantennale e prevedeva di costruire una lunga linea ferroviaria che avrebbe collegato Sankt Valentin a Villaco passando per Steyr, Rottenmann, Sankt Michael in Obersteiermark, Judenburg e Sankt Veit an der Glan. Si prevedeva inoltre di costruire alcune linee ferroviarie secondarie che si sarebbero allacciate a quella principale: la Amstetten – Kleinreifling, la Mösel – Launsdorf e la Sankt Veit an der Glan – Klagenfurt. L'impresa fu dedicata al Principe Ereditario Rodolfo d'Asburgo-Lorena, da cui proviene il nome di Rudolfiana con la quale si denominano sia la linea principale sia tutte le altre linee costruite negli anni successivi dalla società che si prese in carico l'opera.

Costruzione

modifica
Stazioni e fermate
   
linea per Vienna
   
124+558 Amstetten
   
127+287
2+730
Connessione Amstetten 11
   
linea per Salisburgo
   
3+600 Greinsfurth
   
5+255 Raccordo ferroviario per Bundesforste)
   
Fiume Ybbs
   
7+735 Ulmerfeld-Hausmening
   
11+880 Raccordo ferroviario per Ybbstaler Fruit Austria
   
12+020 Kröllendorf
   
12+166 Raccordo ferroviario di Lagerhaus
   
15+316 Hilm-Kematen a.d. Ybbs
   
17+317 Rosenau
   
19+598 Raccordo ferroviario di Böhlerwerk
   
19+733 Sonntagberg
   
21+396 Böhlerwerk a.d. Ybbs
   
23+422 Waidhofen a.d. Ybbs
   
24+817 Stadt Waidhofen a.d. Ybbs
   
Confine federale Bassa Austria-Alta Austria
   
32+220 Oberland
   
32+637 Oberland Haltestelle
   
34+450 Gaflenz
   
40,847 Weyer
   
linea per Salisburgo
   
0+000 Sankt Valentin 268 m s.l.m.
   
linea per Vienna
   
2+710 Herzograd
   
7+336 Ernsthofen
   
12+700 Dorf an der Enns
   
15+743 Ramingsdorf-Haidershofen
   
Confine federale Bassa Austria-Alta Austria
   
17+200 Steyr-BMW Werk
   
18+097 Steyr Münichholz
   
20+424 Steyr 305 m s.l.m.
   
Fiume Enns
   
Galleria Garstner (28,60 m)
   
22+591 Garsten 304 m s.l.m.
   
25+100 Sand
   
27+831 Lahrndorf
   
30+417 Dürnbach
   
33+710 Ternberg
   
35+978 Trattenbach
   
42+145 Losenstein
   
48+140 Reichraming 359 m s.l.m.
   
51+145 Großraming Kraftwerk
   
54+859 Großraming 370 m s.l.m.
   
61+231 Küpfern Haltestelle
   
61+410 Küpfern
   
Galleria Kastenreither (324,25 m) Fiume Enns
   
43+693
63+793
Kastenreith
   
63+904
 
63+904 Bivio Weyer
 
66+950 Kleinreifling 388 m s.l.m.
 
Galleria Schönau-Fockenauer (224 m)
 
75+552 Schönau an der Enns
 
Laussa-Kesselberg-Tunnel (176,20 m)
 
Altenmarkt-Tunnel (35,10 m)
 
81+496 Weissenbach-Sankt Gallen 410 m s.l.m.
 
Wolfsbachau-Tunnel (92,70 m)
 
Lofer-Tunnel (395 m)
 
Großreiflinger-Tunnel (348,80 m)
 
92+212 Großreifling 446 m s.l.m.
 
Salza-Tunnel (296,39 m)
 
Landl-Tunnel (57 m)
 
Fiume Enns
 
96+422 Landl 459 m s.l.m.
 
Wandau-Tunnel (103,75 m)
 
Hieflauer-Tunnel (171,10 m)
 
101+836 Hieflau Abzweigweiche (Linea per Erzberg e Leoben)
 
102+333 Hieflau 489 m s.l.m.
 
Ennsmauer-Tunnel I (53 m)
 
Ennsmauer-Tunnel II (101 m)
 
Hochsteg-Tunnel (121 m)
 
Kummerbrücke (Fiume Enns)
 
Kummerbrücke († 2005) 568 m s.l.m.
 
111+404 Gstatterboden im Nationalpark 573 m s.l.m.
 
114+706 Johnsbach im Nationalpark 588 m s.l.m.
 
Galleria Gesäuse Eingang (237,62 m)
 
119+435 Gesäuse Eingang (Piattaforma di servizio) 628 m s.l.m.
 
125+168 Admont
 
130+803 Frauenberg an der Enns 634 m s.l.m.
 
137+269 Selzthal-Nord (Linea per Linz)
 
138+996 Selzthal 639 m s.l.m.
 
140+460 Selzthal-Süd (Linea per Bischofshofen)
 
145+214 Stadt Rottenmann 667 m s.l.m.
 
146+750 Rottenmann (Piattaforma di servizio) 688 m s.l.m.
 
151+200 Bärndorf-Büschendorf
 
156+497 Trieben 704 m s.l.m.
 
161+138 Gaishorn 722 m s.l.m.
 
Sonnberg-Tunnel (544 m)
 
165+170 Treglwang (Piattaforma di servizio) 774 m s.l.m.
 
171+645 Wald am Schoberpaß 849 m s.l.m.
 
Unterwald-Tunnel (1.075 m)
 
178+740 Kalwang 751 m s.l.m.
 
186+675 Mautern 692 m s.l.m.
 
191+992 Kammern 662 m s.l.m.
 
194+403 Seiz 639 m s.l.m.
 
197+821 Traboch-Timmersdorf 622 m s.l.m.
 
202+412 Sankt Michael 596 m s.l.m.
 
203+824 Sankt Michael-West (Linea per Leoben)
 
209+918 Kraubath 585 m s.l.m.
 
213+724 Preg 595 m s.l.m.
 
218+336 Fentsch-Sankt Lorenzen 604 m s.l.m.
 
Fiume Mur
 
224+684 Knittelfeld 628 m s.l.m.
 
228+557 Spielberg 660 m s.l.m.
 
232+351 Zeltweg 670 m s.l.m.
 
Linea per Pöls
 
Linea per Klagenfurt
 
239+760 Judenburg 708 m s.l.m.
 
246+225 Thalheim-Pöls 699 m s.l.m.
 
253+765 Sankt Georgen ob Judenburg 714 m s.l.m.
 
258+695 Unzmarkt 735 m s.l.m.
 
Fiume Mur
 
265+691 Scheifling 797 m s.l.m.
 
273+774 Mariahof-Sankt Lambrecht 894 m s.l.m.
 
278+780 Neumarkt in Steiermark 894 m s.l.m.
 
Klammwand-Tunnel (138 m)
 
Wildbad Einöd († 1993)
 
Confine federale Stiria-Carinzia
 
295+256 Friesach 636 m s.l.m.
 
299+955 Micheldorf-Hirt
 
306+062 Treibach–Althofen 615 m s.l.m.
 
309+644 Kappel am Krappfeld 569 m s.l.m.
 
312+500 Krappfeld
 
313+825 Passering
 
317+500 Pölling
 
Linea per Hüttenberg
 
319+493 Launsdorf-Hochosterwitz 522 m s.l.m.
 
322+188 Sankt Georgen am Längsee
   
tracciato per Glandorf († 1912)
   
Linea per Klagenfurt-Jesenice
   
Glandorf
   
327+942 Sankt Veit an der Glan 476 m s.l.m.
   
   
tracciato per Glandorf († 1912)
 
329+011 Sankt Veit an der Glan-West
 
329+046
329+706
Cambio chilometrica (+660 m)
 
332+700 Lebmach († 2000)
 
334+525 Liebenfels Haltestelle
 
335+273 Liebenfels (* 2004)
 
339+020 Tauchendorf-Haidensee
 
341+446 Glanegg 497 m s.l.m.
 
343+872 Mautbrücken 503 m s.l.m.
 
347+167 Sankt Martin-Stittich 524 m s.l.m.
 
352+226 Feldkirchen in Kärnten 547 m s.l.m.
 
356+394 Tiffen 520 m s.l.m.
 
360+155 Steindorf am Ossiacher See 509 m s.l.m.
 
363+863 Ossiach-Bodensdorf 510 m s.l.m.
 
365+341 Sankt Urban am Ossiachersee
 
368+990 Sattendorf
 
370+267 Annenheim 507 m s.l.m.
 
373+620 Villach Sankt Ruprecht
 
376+800 Villach Hbf-Ostbf (Linea per Maribor)
 
377+620 Villach Hauptbahnhof 498 m s.l.m.
 
378+320 Villach Hbf-Draubrücke (Linea per San Candido)
 
Fiume Drava
 
379+139 Villach Westbahnhof
 
381+682 Villach Warmbad
 
Linea per Jesenice
 
Fiume Gail
 
Müllern († 1985)
 
384+400 Villach Süd Großverschiebebahnhof
 
386+486 Fürnitz
 
389+305 Neuhaus an der Gail 512 m s.l.m.
 
392+056 Pöckau 564 m s.l.m.
 
394+943 Arnoldstein 567 m s.l.m.
 
395+458 Linea per Kötschach-Mauthen
 
400+182 Thörl-Maglern
 
401+045
94+250
Confine di stato Austria - Italia
   
vecchio tracciato († 2000)
   
93+167 Galleria Leila (3.269 m)
   
89+900
   
Galleria Coccau di sotto (140 m)
   
Galleria Coccau di sopra (517 m)
   
Linea per Lubiana
   
88+790 Tarvisio Boscoverde (cambio tensione) 732 m s.l.m.
   
93+6xx Tarvisio Centrale
   
   
Tarvisio Vecchia
   
vecchio tracciato per Udine
   
Linea per Udine

Grazie al sostegno del capitale della Anglo-österreichischen Bank, il 20 luglio 1867 fu costituita la Kaiserlich-königliche privilegierte Kronprinz Rudolf-Bahn Gesellschaft (KRB), ovverosia Imperial Regia società privilegiata della ferrovia del Principe ereditario Rodolfo che rilevò la concessione della linea e diede inizio ai lavori.

Il 15 agosto 1868 fu aperto all'esercizio il primo tronco della strada ferrata, tra Sankt Valentin e Steyr, a cui fece seguito l'apertura della sezione Sankt Michael – Villaco, avvenuta il 19 ottobre.

Nel 1869 si aprirono in successione i tronchi Steyr – Kastenreith e Rottenmann – Sankt Michael, mentre per quanto riguarda le linee secondarie si avviarono all'esercizio la linea per Klagenfurt e quella per Mösel. Nel medesimo anno, la KRB ottenne la concessione della Tarvisio – Lubiana che fu completata l'anno successivo.

Nel 1871, la società concessionaria ottenne il Privilegio di prolungare la linea fino a Tarvisio innestandosi su quella per Lubiana così da completare un percorso ferroviario fra Praga e Trieste che utilizzasse per la maggior parte linee della KRB. Nel 1872 fu aperta la linea secondaria fra Amstetten e Kleinreifling e fu aperto il tronco Kastenreith – Rottenmann; l'anno seguente fu la volta del tratto tra Villaco e Tarvisio: la linea era quindi completata.

La nazionalizzazione

modifica

Dopo i primi anni d'attività, la società ebbe dei problemi finanziari dovuti principalmente a due motivi. Una delle premesse che avevano portato alla richiesta di concessione, poneva come condizione che la ferrovia stessa avrebbe aiutato la crescita delle industrie metallurgiche austriache nelle zone attraversate. Nella realtà, queste erano di dimensioni tali da non poter garantire quel volume di traffico che si era preventivato. In secondo luogo, le aree industriali boeme continuavano a preferire il porto di Amburgo a quello di Trieste facendo venire a mancare un'altra possibile fonte di reddito.

Nel 1880, le linee della KRB, tra cui la Rudolfiana e succedanee, furono esercite dallo Stato austriaco per conto della società concessionaria. Nel 1884, invece, vi fu il riscatto completo e il passaggio alle ferrovie imperiali (KkStB).

La nuova società procedette ad ammodernare la rete, ad esempio sostituendo i ponti in legno con quelli in metallo, adottando una colorazione verde che divenne negli anni elemento distintivo della compagnia.

Nel 1906 furono aperte dalla KkStB la Jesenice – Trieste (in tedesco Wocheinerbahn) e la ferrovia delle Caravanche, mentre nel 1909 fu la volta di quella dei Tauri. Queste ferrovie facevano parte della progetto Transalpina: unite alla Rudolfiana, permisero allo Stato austriaco di collegare efficacemente il porto di Trieste con il resto dell'Impero. La Rudolfiana fu coinvolta nel processo: nel 1912 fu raddoppiato il tratto tra Sankt Michael in Obersteiermark e Sankt Veit an der Glan e fu modificato il nodo presso quest'ultima cittadina. Lo scopo dei lavori era quello di favorire l'instradamento dei convogli tra Vienna e Klagenfurt, e da lì a Jesenice e Trieste, tramutando il ramo secondario tra Sankt Veit an der Glan e il capoluogo cariziano in una parte della linea delle Caravanche.

Poiché la Wocheinerbahn fu aperta all'esercizio due mesi prima di quella delle Caravanche, durante questo breve periodo di tempo il traffico della relazione Transalpina seguì il percorso Villaco-Tarvisio-Jesenice.

Dopo la prima guerra mondiale

modifica

A seguito del Trattato di Saint-Germain-en-Laye (1919), la città di Tarvisio entrò a far parte del territorio italiano. La Rudolfiana fu quindi divisa fra Italia e Austria all'altezza del valico di Thörl-Maglern, ma, dato che la stazione di Tarvisio Sobborghi divenne stazione internazionale, l'esercizio del traffico lungo il tronco italiano fu esercito dalle ferrovie austriache[4].

Dopo l'Anschluss (1938) si propose il raddoppio della Selzthal – Sankt Michael. A causa della seconda guerra mondiale e della successiva istituzione della cortina di ferro che chiudeva alla linea i commerci con il bacino industriale della Boemia, il progetto fu procrastinato e realizzato gradatamente; l'intero raddoppio fu portato a termine solo nel 1996 mentre l'elettrificazione della sezione risale al 1964. Agli inizi degli anni settanta fu elettrificato anche il tronco Sankt Valentin – Selzthal; il resto della linea è stato elettrificato nel 1977.

Caratteristiche

modifica

La linea ferroviaria è scartamento ordinario da 1435 mm, elettrificato a corrente alternata da 15 000 volt. È a singolo binario tra Sankt Valentin e il bivio Selzthal-Nord e tra Sankt Veit an der Glan e Villaco, mentre tra Selzthal e Sankt Veit e tra Villaco e Tarvisio si presenta a doppio binario[5].

Percorso

modifica

Le sezioni VillacoTarvisio e Sankt Michael in ObersteiermarkSankt Veit an der Glan fanno parte dell'itinerario internazionale della Vienna – Tarvisio – Venezia.

Le restanti sezioni sono impiegate per il traffico prettamente locale. La sezione Sankt ValentinSelzthal è inoltre utilizzata come tracciato alternativo alla linea ferroviaria tra Linz e Selzthal (Pyhrnbahn), in quanto di modesta acclività.

La tratta Villaco – Tarvisio è inoltre coperta da due coppie di corse giornaliere del Micotra, espletato da una collaborazione fra la ÖBB e la Società Ferrovie Udine-Cividale[6].

La stazione di Sankt Veit an der Glan è stata aperta nel 1912, a seguito dei lavori necessari al miglioramento dei collegamenti tra Vienna e la ferrovia Transalpina. Prima di quell'anno, la stazione di Sankt Veit an der Glan-West ebbe la denominazione di Sankt Veit an der Glan.

Dal 2001, Thörl-Maglern è chiusa al servizio passeggeri.

Sul tratto tra Selzthal e Weißenbach-St Gallen dal 6 settembre 2009, i servizi passeggeri sono stati interrotti, ad eccezione di una coppia di treni il sabato, la domenica e nei giorni festivi, poiché l'ÖBB considerava la linea non più economica per il traffico passeggeri. È stato istituito un servizio sostitutivo con autobus pubblici.

 
Panoramica invernale dalla stazione di Gesäuse Eingang
  1. ^ per il tratto in territorio italiano
  2. ^ Combi, pp. 50, 51, 52, 53, 60.
  3. ^ Villach è il nome di Villaco in lingua tedesca
  4. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it, 1997-2007. URL consultato il 9 agosto 2009.
  5. ^ (EN) Thorsten Büker et al., Maps of Austria (GIF), su bueker.net, Railways through Europe, 2009. URL consultato il 9 agosto 2009-.
  6. ^ Progetto MI.CO.TRA - Miglioramento dei Collegamenti transfrontalieri di Trasporto pubblico, su Regione Autonoma del Friuli-Venezia Giulia, 29 maggio 2012. URL consultato il 10 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2012).

Bibliografia

modifica
  • (DE) Dietmar Rauter, Herwig Rainer, Ein Verkehrsweg erschließt die Alpen, Band 1, Sankt Peter ob Judenburg, Verlag Mlakar, 1998. ISBN non esistente
  • Cesare Combi, La questione ferroviaria triestina, Trieste, Stabilimento tipografico Appolonio & Caprin, 1874. ISBN non esistente

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  • (DE) Elmar Oberegger, Kronprinz Rudolf-Bahn, su Eisenbahngeschichte Alpen-Donau-Adria, Elmar Oberegger, 2006. URL consultato il 9 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2006).
Controllo di autoritàVIAF (EN137896415 · LCCN (ENn2010019552 · WorldCat Identities (ENlccn-n2010019552