Ferrovia Sulmona-Isernia

Linea ferroviaria italiana
Sulmona-Isernia
Transiberiana d'Italia
Mappa ferr Sulmona-Isernia.png
InizioSulmona
FineIsernia
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza128,7 km
Apertura1892-1897
Chiusura2011
Riapertura2014 (Solo traffico turistico, gestito da Fondazione FS Italiane)
GestoreRFI
Precedenti gestoriFS (1906-2001)
SFM (1892-1906)
Scartamento1 435 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Sulmona-Isernia è una linea ferroviaria secondaria dell'Abruzzo e del Molise, dal 2010-2011 priva di traffico, che collega la città di Sulmona a Isernia. È lunga 128,7 km e presenta quattro stazioni intermedie tra i due capolinea, di cui due con ACEI semplificato e due presenziate.

Essa è anche soprannominata "la Transiberiana d'Italia" per il panorama che si può ammirare percorrendola, per gran parte dei mesi invernali-primaverili innevato, attraversando gli altipiani maggiori d'Abruzzo. Alla stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo la linea raggiunge i 1268,82 m sul livello del mare che ne fanno la seconda stazione più alta della rete italiana FS a scartamento ordinario dopo Brennero (1371 m s.l.m.)[1] .

La linea risulta aperta all'esercizio regolare solo nell'ultimo brevissimo tratto molisano Carpinone-Isernia, in quanto percorso dai treni della Campobasso-Isernia. Il tratto Sulmona-Carpinone è percorso da treni turistici e individuato da Fondazione FS a tale scopo nell'ambito del progetto "Binari Senza Tempo".

Indice

StoriaModifica

CostruzioneModifica

Tratta Inaugurazione[2]
Sulmona-Cansano 18 settembre 1892
Cansano-Isernia 18 settembre 1897

Il 13 giugno 1885 il consiglio dei Lavori Pubblici approvò un progetto per la costruzione di una linea ferroviaria che collegasse la città di Sulmona a quella di Isernia, già prevista nella legge Baccarini del 1879. Il progetto era stato promosso, tra gli altri, dal senatore Giuseppe Andrea Angeloni; nella stazione di Roccaraso, suo Comune di origine, una lapide ne ricorda l'impegno.

Il tracciato, lungo circa 129 km, parte dalla stazione di Sulmona dirigendosi dapprima verso Pettorano sul Gizio, per poi risalire verso Cansano e Campo di Giove. Successivamente la linea tocca le località sciistiche di Rivisondoli e Roccaraso (dopo la stazione di Palena) e ridiscende verso Scontrone e Castel di Sangro dopo essere passata per la stazione di Sant'Ilario Sangro, fino ad arrivare a Carpinone e Isernia. Per la costruzione della linea fu necessario costruire tre ferrovie di servizio: da Roccaraso a Castel di Sangro, da Castel di Sangro a Carovilli e da Cansano a Roccaraso (quest'ultima tratta rimase in servizio per cinque anni dopo la parziale inaugurazione della tratta Sulmona-Cansano).

Tratta Sospensione[3]
Sulmona-Castel di Sangro 11 dicembre 2011
Castel di Sangro-Carpinone 11 ottobre 2010
 
La tabella indicativa dell'altitudine nella stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo

Nonostante i dislivelli che affronta, salendo dai 400 m di Sulmona ai 1268 m di Rivisondoli per poi ridiscendere a quota 423 ad Isernia, la linea presenta una pendenza massima del 28 per mille e un raggio di curvatura minimo di 250 m. Questo fu possibile grazie alla realizzazione di numerose opere d'ingegneria: su 118 km di binari, infatti, 25 sono in galleria e numerosi su viadotti. La violenza delle nevicate in alcuni punti della linea molto esposti, inoltre, rese addirittura necessaria la costruzione di gallerie paravalanghe, muri protettivi e addirittura la piantagione di intere pinete. La realizzazione di una linea così complessa richiese molto tempo e l'intera tratta venne inaugurata il 18 settembre 1897, dopo cinque anni dall'inaugurazione del primo tratto Sulmona - Cansano, avvenuto il 18 settembre 1892.

Esercizio prima della seconda guerra mondialeModifica

 
Una panoramica di Roccaraso con un viadotto della ferrovia in basso

Dopo la sua inaugurazione la linea serviva le località attraversate con un discreto numero di treni passeggeri e merci (questi ultimi favoriti dall'attività industriale di Castel di Sangro e da quella di un birrificio nei pressi di Montenero Valcocchiara). Inoltre due tipi di traffici incentivarono enormemente l'utilizzo della linea: i treni militari, dovuti al gran numero di campi militari svolti nelle remote località abruzzesi e molisane, e i treni per il trasferimento di bovini e ovini lungo le vie della transumanza (la pastorizia costituiva, insieme all'agricoltura, la principale fonte di sostentamento per le popolazioni molisane e abruzzesi). La storia della linea, inoltre, si intreccia con quella di altre due linee: la ferrovia Agnone-Pescolanciano e la ferrovia Sangritana. Entrambe le linee furono costruite a scartamento ridotto e consentivano un migliore collegamento con Pescara e con i comuni più interni del Molise quali Agnone e Pietrabbondante.

Fine dei serviziModifica

La linea, gravemente danneggiata dal secondo conflitto mondiale, fu riaperta per tratte; l'ultima tratta, da Carovilli a Castel di Sangro, venne riattivata il 9 novembre 1960 alla presenza del ministro dei Trasporti Giuseppe Spataro[4].

A partire dall'11 ottobre 2010 venne sospeso l'esercizio sulla tratta da Castel di Sangro a Carpinone, per urgenti necessità di manutenzione del materiale rotabile[5].

Nel 2011 la Regione Abruzzo non si è mostrata più disposta a continuare il servizio, motivando tale scelta con gli alti costi dovuti al trasporto di pochi passeggeri con automotrici in composizione singola. A partire dall'11 dicembre 2011 sono state quindi soppresse le ultime due coppie di treni Sulmona-Castel di Sangro dei giorni feriali e l'unica coppia dei giorni festivi, mettendo fine all'uso della linea come trasporto ordinario viaggiatori. Il 10 dicembre 2011 l'ultimo treno è partito alle 16:00 da Sulmona, è arrivato a Castel di Sangro alle 17:22 e da qui è ripartito per Sulmona alle 18:42, dove è arrivato alle 20:00.

Le corse sono state sostituite da autobus che non toccano tutti i paesi prima raggiunti dalla ferrovia, guadagnando solo 20 minuti rispetto al treno tra Sulmona e Castel di Sangro, perché percorrono la SS 17 che tocca solo Sulmona, Roccaraso e Castel di Sangro.

La linea resta comunque ancora formalmente aperta per il gestore dell'infrastruttura (RFI), permettendo dunque il passaggio eventuale di treni di agenzia e servizi turistici occasionali. Il rilancio di questa tratta ed il reperimento dei fondi che permettano di finanziare anche il servizio viaggiatori, secondo i più, risiederebbe proprio nelle potenzialità di linea turistica, sul modello di numerose ferrovie alpine, senza però trascurare alcune corse ordinarie a misura dei pendolari, importanti soprattutto durante le copiose nevicate che rendono difficoltoso e pericoloso il transito sulla SS 17.

RiaperturaModifica

Il 17 e 18 maggio 2014 il tronco da Sulmona a Castel di Sangro ha visto la riapertura da parte di Fondazione FS Italiane come ferrovia storica. In quei giorni hanno circolato sulla linea tre treni storici, il primo il 17 ed i restanti due il 18[6].

Successivamente la Fondazione FS Italiane ha avviato un lungo progetto di rilancio dei treni storici sulla linea, in collaborazione con l'associazione culturale Le Rotaie, che ne cura l'organizzazione.

CaratteristicheModifica

 
Profilo altimetrico
Stazioni e fermate
 
linea per Terni
     
linea per Pescara
 
0+000 Sulmona 348 m s.l.m.
     
linea per Roma
 
2+960 Sulmona-Introdacqua 411 m s.l.m.
 
7+560 Vallelarga * 1947 † 2002 503 m s.l.m.
 
13+070 Pettorano sul Gizio 627 m s.l.m.
 
25+568 Cansano † 2002 ** 2017[7][8] 948 m s.l.m.
 
28+220 galleria Dirupo (1210 m)
 
29+430
 
30+950 Campo di Giove 1069 m s.l.m.
 
34+270 Campo di Giove Majella * 1991
 
38+620 galleria Maiella (2486 m)
 
41+100
 
43+490 Palena 1257 m s.l.m.
 
49+160 Rivisondoli-Pescocostanzo 1268 m s.l.m.
 
52+310 Roccaraso 1226 m s.l.m.
 
57+630 galleria Arazecca (1064 m)
 
58+700
 
61+010 Sant'Ilario Sangro † 2002 1037 m s.l.m.
 
68+750 Alfedena-Scontrone 878 m s.l.m.
 
72+660 Montenero Valcocchiara † 2002 826 m s.l.m.
     
76+820 Castel di Sangro / FAS † 2007[9] 802 m s.l.m.
     
raccordo FS-FAS
     
linea FAS per Lanciano
 
80+580 Montalto di Rionero Sannitico * 1961[10] † 2002 862 m s.l.m.
 
82+250 galleria Monte Pagano (3110 m)
 
85+360
 
confine Abruzzo-Molise
 
86+470 San Pietro Avellana-Capracotta 923 m s.l.m.
 
93+170 Villa San Michele * 1961[11] 922 m s.l.m.
 
94+320 Vastogirardi 916 m s.l.m.
 
99+690 Carovilli-Roccasicura 838 m s.l.m.
     
linea per Agnone † 1943
 
105+600 Pescolanciano-Chiauci 762 m s.l.m.
 
106+820 galleria Monte Totila (2175 m)
 
108+990
 
110+300 Sessano del Molise 740 m s.l.m.
     
linea per Campobasso
 
118+100 Carpinone 631 m s.l.m.
 
Pettoranello † 2001
 
Pesche † 2001
 
128+731 Isernia 475 m s.l.m.
 
linea per Vairano e linea per Campobasso

La linea è armata a binario semplice non elettrificato, con scartamento di 1 435 mm.

La stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo è situata ad un'altezza di 1268 m s.l.m., che corrisponde alla seconda stazione più elevata della rete ferroviaria nazionale italiana a scartamento ordinario, dopo quella di Brennero, la cui quota è di 1371 m s.l.m.

TrafficoModifica

Fino al 13 dicembre 2008 vi era un servizio minimo di 4 coppie di treni tra Sulmona e Carpinone, più una coppia Sulmona-Castel di Sangro. Nei giorni festivi vi erano 2 coppie di regionali Sulmona-Napoli. A partire dal 14 dicembre 2008 c'è stata una riduzione delle corse, che sono diventate 2 coppie nei giorni feriali, mentre nei festivi circolava solo una coppia da e per Napoli.

Dall'11 ottobre 2010, con la autosostituzione a Castel di Sangro, il tratto Carpinone-Castel di Sangro non è più percorso da treni regionali. La motivazione addotta da Trenitalia è stata quella di dover effettuare manutenzione straordinaria ai mezzi.

Dall'11 dicembre 2011 tutti i servizi viaggiatori regionali sono stati sospesi, mentre la linea resta formalmente aperta da parte del gestore dell'infrastruttura. Ciò significa che la linea deve essere mantenuta percorribile in ogni momento. In queste condizioni un eventuale ripristino delle corse ordinarie da parte delle Regioni può essere fatto in breve tempo e senza problemi.

NoteModifica

  1. ^ A bordo dei treni storici sui binari senza tempo della Ferrovia del Parco
  2. ^ Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 6 febbraio 2014.
  3. ^ Sospensione del trasporto ordinario viaggiatori
  4. ^ Michele Dard, 1960 F.S., in Voci della Rotaia, anno III, nº 12, dicembre 1960, p. 5.
  5. ^ Non oltre Castel di Sangro, in "I Treni" n. 332 (dicembre 2010), p. 4
  6. ^ “Transiberiana d’Italia”, non solo treni storici sui binari che attraversano il Parco Nazionale della Majella
  7. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare Territoriale RFI DTP AN 14/2017 (PDF), su https://donet.rfi.it, RFI, 16 luglio 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  8. ^ Ferrovie.it, Riattivata la fermata di Cansano tra Sulmona e Carpinone, su http://ferrovie.it, 19 luglio 2017. URL consultato il 19 luglio 2017.
  9. ^ TuttoTreno Tema n. 24, pp. 50-51
  10. ^ Ordine di Servizio n. 82 del 1961
  11. ^ Ordine di Servizio n. 71 del 1961

BibliografiaModifica

  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo orario 108.
  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo Linea 138.
  • Geraldo Vona, La ricostruzione del tratto Carovilli-Carpinone della ferrovia Sulmona-Isernia, in "Ingegneria Ferroviaria", anno XIII, n. 3 (marzo 1958), pp. 273–277.
  • Cento anni di altitudine. Ferrovia Sulmona-Isernia, Roma, Ferrovie dello Stato SpA, 1998
  • Attilio Di Iorio, La ferrovia Sulmona-Isernia, in "I Treni" n. 284, Salò, ETR, agosto 2006.
  • Omar Cugini, La Sulmona-Carpinone, in Mondo Ferroviario n. 216, Desenzano, EDG, novembre 2004.
  • Monica Andreucci, Sulmona-Carpinone di inizio secolo, in tuttoTRENO n. 80, Albignasego, Duegi, ottobre 1995.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica