Apri il menu principale
Tortona-Castelnuovo Scrivia
Ferrovia Tortona-Castelnuovo Scrivia.JPG
InizioTortona
FineCastelnuovo Scrivia
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza8,692 km
Apertura1895
Chiusura1933
GestoreS.A. delle Tramvie a Vapore della Provincia di Alessandria (1914-1933)
Precedenti gestoriConsorzio Ferrovia Economica Tortona-Castelnuovo Scrivia (1895-1914)
Scartamento1435
Ferrovie

La ferrovia Tortona-Castelnuovo Scrivia era una ferrovia locale che collegò le città di Tortona e Castelnuovo Scrivia dal 1895 al 1933, cosiddetta economica realizzata cioè con caratteristiche tranviarie.

Indice

StoriaModifica

 
La stazione dei tram di Tortona a Porta Milano

I primi progetti di strade ferrate attorno a Tortona risalgono al 1878, quando l'ingegnere Pietro Frascaroli pubblicò una relazione sulla costruzione di una serie di tranvie a vapore tra Tortona, Serravalle Scrivia, Volpedo, Sale e Castelnuovo Scrivia[1]. Tale relazione fu appoggiata dal comune di Tortona, dalla Banca dei Piccoli Prestiti e Cassa di Risparmio di Tortona e dai comuni del circondario[2].

Nel 1885 il Circolo del Commercio di Castelnuovo Scrivia propose la costruzione di una tranvia che collegasse la città, maggior centro del circondario di Tortona dopo il capoluogo, alla stazione di Pontecurone: la proposta fu respinta. Maggior successo ebbe la proposta fatta nel 1889 dal comune di Castelnuovo Scrivia a quello di Tortona per l'apertura di una ferrovia economica[3]; nel 1893 i due comuni costituirono un consorzio per la costruzione di una ferrovia economica a scartamento normale, ad esso concessa l'anno successivo[4].

I lavori, affidati all'impresa Callegaris di Bologna, terminarono il 7 ottobre 1895[5]; la linea fu inaugurata il successivo 20 ottobre[6]. Nel 1903 la ferrovia effettuava cinque coppie di corse giornaliere (più una coppia supplementare il sabato), percorrendo la tratta in 25 minuti[7].

Nel 1914 il Consorzio che gestiva la ferrovia decise di cedere l'esercizio e la proprietà della linea alla Società Anonima delle Tramvie a Vapore della Provincia di Alessandria, anche nota come la "Belga", che nella provincia di Alessandria gestiva le linee Alessandria-Sale, Marengo-Mandrogne e Alessandria-Casale, oltre alle tranvie Tortona-Sale e Tortona-Monleale, da essa rilevate nello stesso anno[8].

Col passare del tempo la linea, ormai in pessime condizioni, non fu più in grado di soddisfare i bisogni delle popolazioni locali. Si pensò di elettrificare la linea o di impiegare motrici ad accumulatori, ma ciò non fu possibile[9]. La linea chiuse il 10 marzo 1933 e fu sostituita dal successivo 1º agosto da autobus della Società Autotrasporti Alessandria (SAA)[10]. La concessione fu risolta solo nel 1944[11].

CaratteristicheModifica

La ferrovia era a binario singolo a scartamento ordinario di 1435 mm, interamente in sede propria. Si sviluppava per 8,692 km. Il raggio di curvatura era di 200 metri, la pendenza massima del 16,7 per mille[6]. I convogli potevano toccare una velocità massima di 25 km/h[12].

PercorsoModifica

Percorso
     
Tranvia per Sale († 1933)/Linea per Alessandria
     
0+000 stazione tranviaria/Tortona 147 m s.l.m.
     
raccordo FS-S.A. Tramvie a Vapore della Provincia di Alessandria
 
 
 
Tranvia per Monleale († 1934)
     
Linea per Piacenza
 
3+100 Ronco
 
4+900 Ova
 
7+100 Cascinotti
 
8+692 Castelnuovo Scrivia 84 m s.l.m.

Il capolinea assieme a quelli di Tranvia Tortona-Sale e Tranvia Tortona-Monleale si trovava a Tortona nei pressi di Porta Milano; inaugurato nel 1889[13], sostituiva la precedente stazione tranviaria, costruita per la Tortona-Sale e situata nei pressi dei giardini pubblici[14].

Poco dopo il capolinea la linea sottopassava la ferrovia Alessandria-Piacenza e seguendo un percorso rettilineo a nord, toccava le località di Ronco, Ova e Cascinotti[15] prima di giungere al capolinea situato alla periferia sud di Castelnuovo Scrivia, in via Tortona, dotato di fabbricato per i viaggiatori e di una rimessa[16].

Nel 1894 era stato realizzato un raccordo tra la stazione tranviaria di Tortona e lo scalo merci di Stazione di Tortona[17].

Materiale rotabileModifica

Sulla ferrovia prestarono servizio cinque locomotive a vapore bidirezionali di tipo tranviario a due assi, realizzate tra il 1881 e il 1882 dalla Schweizerische Lokomotiv- und Maschinenfabrik e dalla Krauss. Come usuale all'epoca, furono battezzate con nomi: rispettivamente Tortona, Camilla, Roma, Mafalda e Jolanda[18].

Il materiale trainato era costituito da 18 carrozze passeggeri a due assi e 14 carri merci; tutto il materiale rotabile era usato promiscuamente anche sulle tranvie per Sale e Monleale[18].

Con l'assorbimento delle linee tortonesi da parte della "Belga" il materiale rotabile fu usato anche sulle altre linee sociali[19]; nel 1931 il parco rotabili della "Belga" per il servizio sulla Tortona-Castelnuovo Scrivia risultava composto da una locomotiva a vapore, 5 rimorchiate a due assi e 6 carri merci[20].

Materiale motore - prospetto di sintesiModifica

Unità Anno di costruzione Costruttore Quantità Tipo Velocità massima
1 1881 SLM Winterthur 1 a 2 assi 20 km/h
2 ÷ 5 1882 Krauss 4 a 2 assi 25 km/h

NoteModifica

  1. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 244.
  2. ^ Ogliari, Abate, op. cit., pp. 246-247.
  3. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 269.
  4. ^ Regio decreto n° 16 del 7 gennaio 1894, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 28 del 2 febbraio 1894.
  5. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 274.
  6. ^ a b Ogliari, Abate, op. cit., p. 275.
  7. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 283.
  8. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 286.
  9. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 288.
  10. ^ Ogliari, Sapi, op. cit., vol. 9, p. 566.
  11. ^ Decreto legislativo del duce n° 550 dell'8 giugno 1944, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale d'Italia n° 213 del 12 settembre 1944.
  12. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 284.
  13. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 263.
  14. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 255.
  15. ^ Ogliari, Sapi, op. cit., vol. 9, p. 564.
  16. ^ Ogliari, Abate, op. cit., pp. 276.
  17. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 272.
  18. ^ a b Ogliari, Abate, op. cit., p. 289.
  19. ^ Ogliari, Abate, op. cit., p. 287.
  20. ^ Ogliari, Sapi, op. cit., vol. 9, p. 761.

BibliografiaModifica

  • Francesco Ogliari, Franco Sapi, Scintille tra i monti. Storia dei trasporti italiani vol. 8 e 9. Piemonte-Valle d'Aosta, a cura degli autori, Milano, 1968.
  • Francesco Ogliari, Francesco Abate, Il tram a vapore tra l'Appennino e il Po. Piacenza, Voghera e Tortona, Arcipelago, Milano, 2011. ISBN 978-88-7695-398-9.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica