Ferrovia Tripoli-Vertice 31

linea ferroviaria libica
Tripoli-Vertice 31
Rete ferroviaria Libia Italiana.png
Stati attraversatiLibia Libia
Lunghezza90 km
Apertura1912 (Tripoli-el-Ghiran)[1]
1913 (el-Ghiran-el-Azizia)
1915 (el-Azizia-Henscit el-Abiat)
Chiusura1962
Precedenti gestoriRegio Esercito (1912-1913)
FS (1913-?)
?
Scartamento950 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Tripoli-Vertice 31 era una delle linee ferroviarie costruite in Libia nel periodo del colonialismo italiano.

StoriaModifica

Faceva parte del progetto per congiungere la capitale, Tripoli, con la città di Garian, nella zona semi-desertica del sud; il servizio tuttavia venne presto limitato alla località disabitata denominata "Vertice 31", in quanto ostacolato dalle tribù berbere della zona. Dopo diversi danneggiamenti di quanto costruito, il tratto fino a Garian venne abbandonato. In diverse occasioni i treni terminavano la corsa nell'ultima stazione utile di Azizia, circa metà percorso precedente a Vertice 31.

Dopo la seconda guerra mondiale le linee ferroviarie libiche si rivelarono insufficienti; rimasero in servizio sino al 1962 prima di essere smantellate[2].

CaratteristicheModifica

La ferrovia utilizzava lo scartamento ridotto italiano di 950 mm.

Percorso[3]Modifica

Stazioni e fermate
 
da Tagiura
 
- Tripoli Riccardo (comune alla linea di Tagiura)
 
- Tripoli Centrale
 
3 Gurgi
 
6 Gargaresc
 
12 Bivio el-Ghiran
 
per Zuara
 
19 el-Misciasta
 
24 En-Ngila
 
29 Suani Ben Adem
 
30 Sabotinia
 
36 Umm el Adem
 
43 el-Azizia
 
50 Cave di Bir-Cuca
 
83 Henscir el-Abiat
 
89 Vertice 31
 
per Garian (non completata)

TrafficoModifica

La linea veniva percorsa da pochi treni. Erano effettuati giornalmente una coppia di accelerati, numerati 1 e 2, che effettuavano tutte le fermate (alcune a richiesta) e partivano dalla stazione di Tripoli Riccardo; un'ulteriore coppia di treni accelerati con meno fermate veniva effettuata il lunedì, il martedì, il venerdì e il sabato da Tripoli verso Garian (o Vertice 31), quella di ritorno era limitata ai giorni di martedì e di sabato, mentre il venerdì era limitata da Azizia a Tripoli. Una coppia di treni misti prevista in orario, ma solo il venerdì, fermava in tutte le località; iniziava con la partenza da Tripoli centrale alle ore 7:00 e dopo una sosta, circa un'ora e un quarto a Garian (quando accessibile) faceva rientro alle ore 18:00 a Tripoli[4].

NoteModifica

  1. ^ Parte della linea Tripoli-Zuara.
  2. ^ Gatti, op. cit., p. 92
  3. ^ Pozzo, p. 18, quadro 1.
  4. ^ Pozzo, p. 18. quadro 1.

BibliografiaModifica

  • Treni italiani in Libia, in I Treni Oggi, n. 36, Salò, Editrice Trasporti su Rotaie, febbraio 1984, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).
  • Orario ferroviario generale Pozzo, Ferrovie e linee automobilistiche coloniali, quadro 3, del 1º giugno 1937.
  • Giorgio Gatti, Le ferrovie coloniali italiane, Edizioni G.R.A.F., Roma, 1975.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica