Apri il menu principale

Ferrovia Venezia-Trieste (alta capacità)

linea ferroviaria
Venezia-Trieste
alta velocità - alta capacità
InizioVenezia
FineTrieste
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza155 km
Scartamento1435 mm
Ferrovie

La ferrovia ad alta velocità Venezia-Trieste è una linea ferroviaria ad alta velocità - alta capacità (AV-AC).

Il Progetto Preliminare, a cura di Italferr, è stato consegnato nel 2010. L'iter è proseguito fino alla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) la quale però non è mai stata completata; nel frattempo varie considerazioni politiche ed economiche hanno portato allo sviluppo di soluzioni alternative incentrate sul potenzialmento della linea esistente [1].

Indice

StoriaModifica

Durante la fase iniziale il progetto prevedeva l'affiancamento all'autostrada A4 per la maggior parte del percorso. Nello stesso periodo infatti si progettava la costruzione della terza corsia autostradale ed era previsto di sfruttare le sinergie fra i due progetti, come avverrà qualche anno dopo fra l'autostrada BreBeMi e la nuova linea ad alta velocità Treviglio - Brescia.

A fine anni 2000 il tracciato fu cambiato per volere della Regione Veneto, nella persona dell'allora Assessore Renato Chisso [2], con la motivazione ufficiale di voler accelerare l'iter per la terza corsia e risparmiare sulla ricostruzione dei cavalcavia. La Regione Veneto chiese ad Italferr di riprogettare il tratto Aeroporto Marco Polo - Portogruaro con un tracciato più vicino alla costa, mentre la tratta friulana da Portogruaro a Monfalcone rimase in affiancamento all'A4; questo è il progetto preliminare presentato nel 2010.

Il progetto del 2010 ha incontrato l'opposizione della gran parte dei cittadini e delle istituzioni coinvolte, soprattutto nella tratta veneta detta "litoranea". In seguito è stato nominato un commissario governativo con l'incarico di studiare possibili alternative a partire dal potenziamento della linea storica ed il suo eventuale quadruplicamento in sede. Nel frattempo RFI Spa ha iniziato alcuni lavori di ammodernamento dei binari esistenti, concentrandosi in particolare sull'impiantistica ed il sistema di segnalamento, con l'obiettivo di innalzare a 180-200 km/h la velocità massima su buona parte della tratta da Mestre a Monfalcone.

Dopo il Progetto Preliminare del 2010 il tracciato litoraneo non ha più visto finanziamento né sviluppi nell'iter.

CaratteristicheModifica

Il Progetto Preliminare del 2010 prevede nuovi binari per una lunghezza di 155 chilometri; lo standard progettuale è quello delle nuove linee ad alta velocità, ovvero una velocità di tracciato di 300 km/h, con alimentazione a 25 kV CA 50 Hz e segnalamento unificato ERTMS.

PercorsoModifica

Il tracciato è diviso in 4 sub-tratte:

  1. Venezia Mestre - Aeroporto Marco Polo: la linea dovrebbe diramarsi a partire dalla stazione di Mestre in direzione di Venezia Santa Lucia, con una rampa in discesa che curva subito verso Est. Il tracciato prosegue in trincea o galleria sotto le zone di Via Torino, Forte Marghera e Campalto, per terminare in una stazione sotterranea passante collegata all'aerostazione. Non è previsto alcun collegamento diretto con Venezia Santa Lucia, che verrebbe saltata dai treni percorrenti la nuova linea;
  2. Aeroporto Marco Polo - Portogruaro: da Tessera prevede il passaggio della linea prima verso nord aggirando Altino per poi curvare nuovamente verso sud verso il litorale adriatico, ma restando sempre ad almeno 20-30 chilometri di distanza dalle spiagge, quali Lido di Jesolo, Eraclea e Caorle. In seguito volgerebbe a nord per riavvicinarsi all'autostrada A4 in prossimità di Lison, a venti chilometri dal confine con il Friuli-Venezia Giulia;
  3. Portogruaro - Ronchi dei Legionari: la linea corre in affiancamento all'A4;
  4. Ronchi dei Legionari - Trieste: la linea si sviluppa prevalentemente in galleria sotto il Carso.

Voci correlateModifica