Apri il menu principale
Ferrovie abcase
Abkhazia summary map.png
InizioPsou
FineInguri
Stati attraversatiGeorgia
Lunghezza185 km
Apertura1940
GestoreAbkhazskaja Železnaja Doroga
Diramazionida Očamčira per 36 chilometri verso Akarmara
Ferrovie

Le ferrovie abcase comprendono 185 chilometri di linea principale lungo il Mar Nero e 36 chilometri di linea secondaria in direzione Akarmara (vicino Tkvarcheli).[1] Sono amministrate dalla compagnia ferroviaria statale Abkhazskaja Železnaja Doroga (in russo: Абхазская Железная Дорога; in abcaso: Аҧсны Аиҳаамҩа).

La linea principale connetteva la Ferrovia del Caucaso settentrionale (Russia) alla rete ferroviaria georgiana fino allo scoppio della guerra in Abcasia (1992-1993).

Agli inizi del 2008, la linea è usata da un treno a lunga distanza che connette Mosca a Sukhumi e da occasionali treni merci. A partire da giugno 2008, sono allo studio progetti di ricostruzione e miglioramenti della linea.

Indice

StoriaModifica

Il primo progetto di una ferrovia lungo le coste russe del Mar Nero risale al XIX secolo. La costruzione della sezione da Soči a Tuapse iniziò durante la Prima guerra mondiale e venne completata nel 1923, nonostante i disordini causati dalla Guerra civile russa. Le sezioni da Soči ad Adler, da Adler a Sukhumi e da Sukhumi a Inguri (compresa la deviazione per Akarmara) vennero completate rispettivamente nel 1927, nel 1940 e nel 1942. La realizzazione della linea incontrò notevoli difficoltà, a causa dell'orografia del territorio.

A partire dal 1967, la parte abcasa della ferrovia, realizzata a binario unico, era parte integrante della Ferrovia Transcaucasica che includeva anche Georgia, Armenia ed in parte Azerbaigian.

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica e il danneggiamento della Transcaucasica, la rete ferroviaria abcasa passò sotto il controllo della Abkhazskaja Železnaja Doroga.

Il 14 agosto 1992, il ponte sul fiume Inguri fu distrutto dall'esercito georgiano: l'atto, considerato l'inizio della guerra in Abcasia, fu solo il primo di una serie di sabotaggi alla linea. Il percorso fra il fiume e Ačagwara fu infatti smantellato, mentre il ponte venne ricostruito e poi nuovamente distrutto dopo la fine del conflitto. Lungo gli anni novanta, la Russia ha infine imposto un blocco al trasporto da e verso l'Abcasia.

Il 25 dicembre 2002, venne riattivata la tratta fra Soči e Sukhumi per la prima volta dopo la guerra, causando però le proteste georgiane.[2] Con l'aumento dei turisti, la tratta Psou-Sukhumi venne riparata principalmente con l'aiuto russo nel 2004. Il 10 settembre di quello stesso anno venne istituita la tratta Mosca-Sukhumi.

Tuttavia, le tratte Očamčira-Sukhumi, Soči-Sukhumi e Tkvarcheli-Sukhumi (operative per alcuni periodi dal 1993) non sono più attive dal 2007 a causa di vari problemi infrastrutturali. L'ultima, Gudauta-Sukhumi, è stata chiusa alla vigilia del 2008.[3]

Vi sono state varie proposte di ricostruzione dei tratti distrutti e di ristabilire i contatti fra la Russia, l'Armenia e la Georgia, dal momento che la tratta alternativa (che passa attraverso l'Azerbaigian) è molto più lunga e, nel caso armeno, completamente indisponibile a causa del conflitto nel Nagorno Karabakh. La Georgia ha però a lungo subordinato il ripristino dei collegamenti al ritorno dei rifugiati in Abcasia. Nel giugno 2008, le posizioni russo-georgiane sembravano essere in avvicinamento, dal momento che i russi avevano iniziato dei primi lavori di ricostruzione della linea.[4]

TracciatoModifica

   
per Soči (Ferrovia Transcaucasica)
   
Fiume Psou
   
Psou
   
Gjačrypš
   
Tsandripš
   
Fiume Xašupsa
   
Bagripš
   
Čigripš
   
   
Fiume Žajuapsj
   
Abaata
   
   
Gagripš
   
Demerdžipa Street (Gagra)
   
Atsxyda
   
Gagra
   
Alaxadzy
   
Bzyb
   
Atčada
   
Fiume Bzybta
   
Kaldaxvara
   
Myussera
   
Blabyrxva
   
Xudzyrta
   
Mčišta
   
Fiume Mčišta
   
Apšdvany
   
Fiume Xipsma
   
Ašitsra
   
Gudauta
   
Gudou
   
Aapsta
   
Fiume Aapsma
   
Tskvara
   
Lapsta
   
   
Psyrtskha (Nuovo Athos)
   
   
Nuovo Athos
   
   
Gvandra
   
   
Šytskvara
   
   
Dzyata
   
Ešera
   
Fiume Gumisma
   
Achadara
   
Sukhumi
   
Guma
   
Kyalasur
   
Fiume Kyalasur
   
Fiume Machara
   
Gulripsh
   
Dranda
   
Kodor
   
Fiume Kodor
   
Adzyobzha
   
Kindyg
   
Fiume Toumysh
   
Tamysh
   
Aradu
   
Fiume Mokva
   
Očamčira
   
diramazione Očamčira-Akarmara
   
Beslaxuba
   
Akuaskia
   
Gup
   
Fiume Galidzga
   
Tkuarčal
   
Akarmara
   
Fiume Galidzga
   
Oxursa
   
Ačagwara
   
Šešeleta
   
Gali
   
Taglan
   
Ingur
   
Fiume Ingur
   
per Tbilisi (Ferrovia Transcaucasica)

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica