Fiamma (araldica)

figura araldica

In araldica, la fiamma è rappresentata da una lingua di fuoco che termina con tre punte, montante e ondeggiante[1], e simboleggia purezza, candore, fama preclara e nobiltà di natali.

Il termine fiamma designava anche le banderuole, lunghe biforcate e appuntite, che si mettevano sulle antenne delle navi. A questa famiglia di banderuole apparteneva anche l'orifiamma che aveva dapprima tre e poi due sole code (o punte) di colore rosso fuoco, con un sole d'oro e nappe verdi.

UsoModifica

Se la fiamma è rappresentata da sola, è tondeggiante di sotto; ma di solito esce da una figura (vaso, fiaccola, vulcano, eccetera) che si dice accesa di [rosso, di norma]. Se la figura è un cannone, di cui si vede la fiammata dello sparo, si dice tonante di..., mentre se si tratta di un animale o mostro che emette fiamme dalle fauci - come avviene talvolta per il drago, l'idra e simili - si dice ignivoma[2]. In alternativa, si può usare il termine fiammeggiante[3].

NoteModifica

  1. ^ Luigi Volpicella, Dizionario cit., p. 153.
  2. ^ Ivi, pp. 153-154.
  3. ^ Ivi, p. 154.

BibliografiaModifica

  • Luigi Volpicella, Dizionario del linguaggio araldico italiano, a cura di Girolamo Marcello del Majno, presentazioni di Luigi Michelini di San Martino et al., disegni dell'autore, Udine, Paolo Gaspari, 2008 [concluso negli anni 1940], pp. 153-154, ISBN 88-7541-123-9, SBN IT\ICCU\MIL\0767647.

Altri progettiModifica

  Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica