Fiducia parlamentare

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la questione di fiducia dell'ordinamento italiano, vedi Questione di fiducia.

La fiducia parlamentare è un atto - espresso sotto forma di votazione - con il quale, in una repubblica o monarchia parlamentare, il Parlamento esprime il Governo o ne controlla l'operato.

Indice

Nell'ordinamento italianoModifica

In Italia, la fiducia parlamentare viene accordata indipendentemente dalle due camere, tramite votazione nominale, entro 10 giorni dalla formazione del Governo, il quale si deve presentare davanti alle Camere per ottenere appunto la fiducia.

La fiducia è disciplinata in maniera dettagliata nell'articolo 94 della Costituzione.[1]

« Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere. »

(Costituzione della Repubblica Italiana, art. 94)

Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e votata per appello nominale (art. 94.3).

Il voto contrario di una o d'entrambe le Camere su una proposta del Governo non importa obbligo di dimissioni, ma è necessario che il Governo ottenga la fiducia perché il procedimento della sua formazione abbia esito positivo (secondo lo Statuto Albertino e in altri ordinamenti è sufficiente invece che il Parlamento non manifesti espressamente la sfiducia: si tratta della cosiddetta fiducia negativa). La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione. Generalmente le crisi di governo non vengono causate da una mancata fiducia quanto dalla rottura degli accordi tra partiti costituenti la maggioranza e il Governo.

Diversa è invece la mozione di sfiducia, che deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera sfiduciante.

Governi che non hanno ottenuto la fiduciaModifica

Questi sono stati gli unici governi nella storia repubblicana che non hanno ottenuto la fiducia parlamentare[2]:

Legislatura Governo Capo del Governo Composizione Inizio governo Fine governo Durata
II Governo De Gasperi VIII Alcide De Gasperi (DC) DC 16 luglio 1953 17 agosto 1953 32 giorni
II Governo Fanfani I Amintore Fanfani (DC) DC 18 gennaio 1954 10 febbraio 1954 23 giorni
V Governo Andreotti I Giulio Andreotti (DC) DC 17 febbraio 1972 26 giugno 1972 130 giorni
XIII Governo Prodi I Romano Prodi PD 17 maggio 1996 9 ottobre 1998 861 giorni
XV Governo Prodi II Romano Prodi PD 17 maggio 2006 8 maggio 2008 722 giorni

Il governo Andreotti III viene invece ricordato come il governo della "non sfiducia", dato che riuscì ad avere la fiducia con l'astensione di tutte le forze parlamentari, esclusa la DC[2].

NoteModifica

Voci correlateModifica