Figli di un dio minore

film del 1986 diretto da Randa Haines

Figli di un dio minore (Children of a lesser god) è un film del 1986 diretto da Randa Haines.

Figli di un dio minore
William Hurt e Marlee Matlin in una scena del film
Titolo originaleChildren of a Lesser God
Lingua originaleinglese, ASL
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1986
Durata119 min e 118 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico, sentimentale
RegiaRanda Haines
SoggettoMark Medoff
SceneggiaturaMark Medoff, Hesper Anderson
Casa di produzioneParamount Pictures
FotografiaJohn Seale
MontaggioLisa Fruchtman
MusicheMichael Convertino
ScenografiaGene Callahan, Barbra Matis e Rose Marie McSherry
CostumiRenée April
TruccoAnn Brodie, Paul LeBlanc
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La pellicola è basata sull'opera teatrale omonima del 1980 di Mark Medoff, già andata in scena a Broadway. La protagonista Marlee Matlin è realmente sorda e ricevette il premio Oscar come migliore attrice per la sua interpretazione.

Trama modifica

New England. In un istituto per sordomuti arriva un nuovo insegnante. È James Leeds, un giovane i cui metodi non piacciono molto, sulle prime, al direttore. Ma James ha una facile presa sugli assistiti ed i primi risultati riabilitativi si vedono presto. La custode dell'istituto è Sarah Norman, sorda dalla nascita e accolta durante l'infanzia, la quale, pur usando la lingua dei segni, si è sempre rifiutata di tentare di parlare; nonostante tutto ciò è una ragazza intelligente e bella e l'insegnante se ne innamora.

La madre di Sarah vive lontana e non è in buoni rapporti con sua figlia poiché la malattia della bimba determinò l'abbandono da parte del marito. Il rapporto fra Sarah e James si fa intenso e lei si trasferisce nell'appartamento di lui. Sarah ha grande personalità, ma non ha un carattere facile: non sopporta di essere compatita, vuole essere accettata per ciò che può valere, mentre teme sempre, nell'intimo, di non riuscire a farcela. Una notte, dopo una discussione con James, Sarah torna a casa della madre che la riaccoglie.

Dopo qualche mese, presso l'istituto c'è un party e la giovane vi si reca: il richiamo di James che ha bisogno di lei è troppo forte e durante la serata i due si rivedono e parlano; James capirà che, anche con l'amore più grande, gli occorrono umiltà e pazienza e che dovrà rispettare quella persona straordinaria a cui in fondo basta il silenzio per amare e per proteggere una fierezza innata.

Critica modifica

  • Il film ebbe molto successo a livello internazionale, tanto che ricevette quattro nomination agli Oscar 1986 (miglior film, miglior attore protagonista, miglior attrice non protagonista e miglior sceneggiatura non originale) e un premio per la miglior attrice a Marlee Matlin. Inoltre, al Festival di Berlino, la pellicola vinse un Orso d'Argento per il tema proposto e ritirato dalla regista Randa Haines.
  • Con L'Oscar vinto, Marlee Matlin detiene il record di più giovane interprete (non ancora ventiduenne) vincitrice della statuetta come miglior attrice.

Riconoscimenti modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica