Apri il menu principale

Figlie dell'Oratorio

Le Figlie dell'Oratorio sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla F.d.O.[1]

Cenni storiciModifica

L'istituto venne fondato nel 1885 a Pizzighettone da Vincenzo Grossi (1845-1917) con l'aiuto di Ledovina Maria Scaglioni (1875-1961): il fondatore diede alle sue religiose il nome di Figlie dell'Oratorio perché quello doveva essere il loro campo d'azione preferenziale e perché l'istituto era posto sotto la protezione di san Filippo Neri.[2]

L'opera del Grossi nel 1889 venne trasferita a Regona e poi a Maleo, in diocesi di Lodi, sotto la protezione del vescovo Giovanni Battista Rota. La congregazione ottenne il pontificio decreto di lode il 20 maggio del 1915; venne approvata definitivamente dalla Santa Sede il 29 aprile 1926.[2]

Il fondatore è stato beatificato da papa Paolo VI nel 1975[3] e canonizzato da papa Francesco il 18 ottobre 2015.[4]

Attività e diffusioneModifica

Le Figlie dell'Oratorio si dedicano all'educazione della gioventù mediante scuole, oratori e ritiri.

Le suore sono presenti in Italia, in Argentina e in Ecuador.[5] La sede generalizia è a Lodi.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 236 religiose in 29 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1652.
  2. ^ a b DIP, vol. III (1976), coll. 1662-1663, voce a cura di G. Rocca.
  3. ^ Tabella riassuntiva delle beatificazioni avvenute nel corso del pontificato di Giovanni Paolo II, su vatican.va. URL consultato il 13-7-2009.
  4. ^ Emilia Flocchini e suor Rita Bonfrate, FDO, San Vincenzo Grossi, su santiebeati.it.
  5. ^ Le Figlie dell'Oratorio, su parrocchie.it. URL consultato il 16-7-2009.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo