Filippo Bologna

scrittore e sceneggiatore italiano

Filippo Bologna (San Casciano dei Bagni, 1978) è uno scrittore, sceneggiatore e regista italiano.

BiografiaModifica

Il suo romanzo d'esordio Come ho perso la guerra (edito da Fandango) è stato tra i finalisti del Premio Strega 2009[1], e ha vinto il Premio Fiesole Narrativa Under 40 2009[2] e il Premio Bagutta Opera Prima[3]. L'opera è stata pubblicata anche in Gran Bretagna dalla casa editrice Pushkin Press con il titolo How I lost the war[4]. Nell'aprile del 2012 è uscito il suo secondo romanzo I pappagalli, edito come il precedente da Fandango.[5]

Ha scritto la sceneggiatura di alcuni film, fra i quali Questo mondo è per te di Francesco Falaschi, L'ape e il vento di Massimiliano Camaiti, che ha ottenuto due menzioni speciali (sceneggiatura e regia) ai Nastri d'argento 2010 ed è stato premiato dalla giuria della stampa estera con il Globo d'oro (2010), L'ultima ruota del carro di Giovanni Veronesi (2013), che ha aperto fuori concorso l'edizione 2013 della Festa del Cinema di Roma. Per la sceneggiatura di Perfetti sconosciuti ha ottenuto il David di Donatello 2016 per la migliore sceneggiatura.

Collabora con Il Sole 24 ore.

Filmografia parzialeModifica

SceneggiatoreModifica

RegistaModifica

Premi e riconoscimentiModifica

OpereModifica

  • Come ho perso la guerra, Roma, Fandango, 2009
  • I pappagalli, Roma, Fandango, 2012
  • I morti non hanno fretta: la prima indagine del commissario Santini, Milano, Mondadori, 2014

NoteModifica

  1. ^ corrieredea.com[collegamento interrotto]
  2. ^ Premio Fiesole Narrativa Under 40: Filippo Bologna vince la XI edizione, su Comune di Fiesole, 19 novembre 2009. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  3. ^ ilgiornale.it
  4. ^ independent.co.uk
  5. ^ Fandango I Pappagalli Archiviato il 17 aprile 2012 in Internet Archive.
  6. ^ CIAK D’ORO 2016: TUTTI I VINCITORI, su ciakmagazine.it. URL consultato il 09/06/16 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2020).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102436311 · ISNI (EN0000 0001 1953 6102 · SBN IT\ICCU\RMSV\850241 · LCCN (ENno2011083319 · GND (DE1051416469 · BNF (FRcb16161145w (data) · NLA (EN53884438 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011083319