Filippo Bottino

sollevatore italiano
Filippo Bottino
Filippo Bottino.jpg
Nazionalità Italia Italia
Sollevamento pesi Weightlifting pictogram.svg
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 gennaio 2011

Filippo Emanuele Bottino (Genova, 9 dicembre 1888Sestri Ponente, 18 ottobre 1969) è stato un sollevatore italiano, campione olimpico nel sollevamento pesi ai Giochi di Anversa 1920 e più volte campione italiano.

BiografiaModifica

Operaio della manifattura tabacchi di Sestri Ponente, dopo una breve carriera come ginnasta si interessò al sollevamento pesi, con cui vinse il titolo italiano nei pesi massimi nel 1913, 1914 1916, 1919, 1920, 1921 e 1922[1] Ad Anversa 1920 vinse il titolo, primo italiano a conquistarlo[2], ottenendo su tre sollevamenti (strappo a un braccio con il sinistro di 70 kg, slancio con il braccio il destro 75 kg, slancio a due braccia 120 kg) un totale di 265 kg, contro i 260 kg del secondo piazzato, Joseph Alzin.

Uomo burbero e forzuto, aveva spesso atteggiamenti provocatori, tanto che Cesare Bonacossa racconta, nel libro dedicato al padre Vita al sole di Alberto Bonacossa, che ai Giochi di Anversa del 1920, provocò lo schermidore Aldo Nadi, fratello del più celebre Nedo Nadi, nella sede comune degli italiani nel corso delle Olimpiadi, tanto che Nadi lo sfidò a duello ed ebbe la meglio allorquando colpì con frustino il pesista che aveva imbracciato una trave di legno[3].

CarrieraModifica

Ai Giochi olimpici di Parigi 1924 si classificò al 6º posto.

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato
1920 Giochi olimpici   Anversa Pesi massimi  

NoteModifica

  1. ^ Scheda su Filippo Bottino, dal sito dell'Associazione Medaglie d'Oro al Valore Atletico Palazzo C.O.N.I.]
  2. ^ Gli Sport - Sollevamento pesi, dal sito della Gazzetta dello Sport
  3. ^ Filippo Bottino (1888-1969) Archiviato il 14 settembre 2014 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica