Apri il menu principale
Filippo Crociati
Crociati (30-03-2013, ritagliato).jpg
Nazionalità Italia Italia
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte destro
Tira destro
Ruolo Esterno centro
Ritirato 2013
Carriera
Squadre di club
1991Rimini Baseball
1992-1994Libertas Riccione
1995San Marino Baseball
1996-2013Rimini Baseball
Nazionale
1997-2009 Italia Italia 36
 

Filippo Crociati (Rimini, 19 novembre 1974) è un ex giocatore di baseball italiano.

CarrieraModifica

 
Crociati riceve la coppa dello scudetto 2015 appena vinto da Rimini

ClubModifica

Cresce nelle giovanili del Rimini Baseball, squadra della sua città natale con cui esordisce anche in prima squadra. Successivamente scende a farsi le ossa a Riccione, poi gioca un anno in Serie A1 a San Marino.

Nel 1996 "Pippo" fa ritorno a Rimini, diventando di fatto una colonna della squadra grazie a una lunghissima militanza: durante questo periodo con i Pirati conquista quattro scudetti, due Coppe Italia e due finali di Coppa dei Campioni, perse entrambe conto gli olandesi del Neptunus Rotterdam.

Il 12 giugno 2013, tre giorni dopo aver alzato a Barcellona la coppa che ha permesso ai Pirati di qualificarsi alla finale di Coppa Europa, è vittima di un grave incidente stradale[1]. Le conseguenze lo hanno costretto ad abbandonare il baseball giocato[2].

NazionaleModifica

Crociati ha debuttato in azzurro nel 1997, in occasione di una serie di incontri disputati in Sudafrica contro la Nazionale locale. Da lì in poi ha collezionato complessivamente 36 presenze all'attivo[3]. Tra queste spiccano le partecipazioni ai campionati mondiali 2001, disputati a Taiwan, e a quelli del 2009 (a otto anni di distanza dalla sua ultima convocazione) le cui fasi finali si sono tenute proprio in Italia.

PalmarèsModifica

Rimini: 1999, 2000, 2002, 2006
Rimini: 2001, 2002, 2013

NoteModifica

  1. ^ Schianto, è grave Filippo Crociati, nqnews.it, 13 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2013).
  2. ^ Crociati a casa dopo lo schianto: "Voglio rimettermi in piedi", il Resto del Carlino, 5 settembre 2013.
  3. ^ Le presenze degli azzurri, fibs.it (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2013).

Collegamenti esterniModifica