Filippo del Belgio (1837-1905)

Conte delle Fiandre
Filippo del Belgio
Portrait de S.A.R. Monseigneur le Comte de Flandre.jpg
Filippo del Belgio ritratto da Jean-François Portaels nel 1858. Questo dipinto oggi fa parte della Donation royale
Conte delle Fiandre
Stemma
In carica 1º marzo 1840 –
17 novembre 1905
Predecessore Titolo creato
Successore Carlo Teodoro del Belgio
Nome completo francese: Philippe Eugène Ferdinand Marie Clément Baudouin Léopold Georges
olandese: Filips Eugeen Ferdinand Marie Clemens Boudewijn Leopold Joris
italiano: Filippo Eugenio Ferdinando Maria Clemente Baldovino Leopoldo Giorgio
Trattamento Altezza reale
Nascita Castello reale di Laeken, Laeken, Belgio, 24 marzo 1837
Morte Bruxelles, Belgio, 17 novembre 1905
Luogo di sepoltura Cripta Reale del Belgio, Chiesa di Nostra Signora di Laeken, Laeken
Dinastia Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Leopoldo I del Belgio
Madre Luisa Maria d'Orleans
Consorte Maria di Hohenzollern-Sigmaringen
Figli Baldovino
Enrichetta
Giuseppina
Alberto
Religione Cattolicesimo

Filippo del Belgio, (nome completo Philippe Eugène Ferdinand Marie Clément Baudouin Léopold Georges de Saxe-Cobourg-Gotha[1]) (Laeken, 24 marzo 1837Bruxelles, 17 novembre 1905), fu principe del Belgio[1] e conte di Fiandra dal 1º marzo 1840[1]. In quanto padre del futuro re Alberto I del Belgio è il progenitore dell'attuale Re del Belgio.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Filippo, suo fratello, Leopoldo, duca di Brabante, e sua sorella, Carlotta

Suo padre era il re Leopoldo I del Belgio, l'ultimo figlio del duca Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld e della sua seconda moglie la principessa Augusta di Reuss-Ebersdorf. Sua madre era la regina Luisa d'Orleans, figlia secondogenita del re dei francesi Luigi Filippo d'Orléans e della regina Maria Amalia di Borbone, figlia a sua volta del re Ferdinando I delle Due Sicilie.

Conte delle FiandreModifica

 
S.A.R. Monseigneur, il Conte di Fiandra ritratto da Liévin De Winne

Ogni mattina percorreva sul suo cavallo l'Avenue Louise per andare a passeggiare nei boschi; questo rituale piaceva molto ai cittadini di Bruxelles, in quanto il Conte salutava tutti coloro che incontrava sulla via.[2]

Pur essendo senatore di diritto egli non sedette mai all'alta Camera. Rifiutò il trono di Grecia, offertogli nel 1863, e quello dei principati romeni nel 1866. Nello stesso anno rifiutò anche di sposare la principessa Isabella di Spagna, figlia del re Ferdinando VII e futura regina di Spagna con il nome di Isabella II. Preferì condurre una vita "borghese", nel suo palazzo di Bruxelles, dedicandosi al collezionismo: frequentò assiduamente gli antiquari di Venezia e di Parigi, collezionando stampe antiche e riunì nella sua biblioteca privata ben trentamila volumi rilegati. Fu eccellente cavaliere e amava cacciare.

 
Il conte Filippo fotografato nel 1863

Possedeva una residenza in Svizzera, sul lago dei Quattro Cantoni; acquisì la proprietà di una vecchia abbazia nei pressi di Rethy, secolarizzata durante la Rivoluzione francese; nel territorio delle Ardenne possedeva la Foresta di Muno, alla quale si aggiunse nel 1869 la tenuta di Amerois; a Bruxelles, infine, era proprietario del palazzo di Fiandra in Rue de la Régence, nel quale risiedeva con la famiglia.

MatrimonioModifica

 
Filippo del Belgio, conte delle Fiandre e Maria di Hohenzollern-Sigmaringen

Filippo sposò il 25 aprile del 1867[1] a Berlino, Maria di Hohenzollern-Sigmaringen, cugina del re di Prussia e figlia del principe Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen e della principessa Giuseppina di Baden.

Filippo divenne erede al trono belga in seguito alla morte prematura dell'unico figlio maschio del re Leopoldo II, fratello di Filippo. Egli però morì quattro anni prima del fratello Leopoldo e, di conseguenza, fu suo figlio Alberto ad ereditare il trono nel 1909 alla morte dello zio.

MorteModifica

 
Busto di Filippo

Filippo morì il 17 novembre del 1905 nel suo palazzo di Bruxelles.

DiscendenzaModifica

Filippo e Maria di Hohenzollern-Sigmaringen ebbero cinque figli:[1]

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ernesto Federico, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld Francesco Giosea, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 
Anna Sofia di Schwarzburg-Rudolstadt  
Francesco, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel Ferdinando Alberto II, Duca di Brunswick-Wolfenbüttel  
 
Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel  
Leopoldo I del Belgio  
Enrico XXIV, Conte Reuss di Ebersdorf Enrico XXIII, Conte Reuss di Ebersdorf  
 
Contessa Sofia Teodora di Castell-Remlingen  
Augusta di Reuss-Ebersdorf  
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg Giorgio Augusto, Conte di Erbach-Schönberg  
 
Contessa Ferdinanda Enrichetta di Stolberg-Gedern  
Principe Filippo, Conte di Fiandra  
Luigi Filippo II, Duca d'Orléans Luigi Filippo I, Duca d'Orléans  
 
Principessa Luisa Enrichetta di Borbone  
Luigi Filippo I, Re dei Francesi  
Principessa Luisa Maria Adelaide di Borbone Luigi Giovanni Maria di Borbone, Duca di Penthièvre  
 
Principessa Maria Teresa di Modena  
Principessa Luisa d'Orléans  
Ferdinando I delle Due Sicilie Carlo III di Spagna  
 
Principessa Maria Amalia di Sassonia  
Maria Amalia di Borbone-Napoli  
Arciduchessa Maria Carolina d'Austria Francesco I, Sacro Romano Imperatore  
 
Maria Teresa d'Austria  
 

Ascendenza patrilineareModifica

  1. (?) Dedo di Hassegau
  2. Teodorico I di Liesgau (+ 976)
  3. Dedo I (+ 1009), conte di Merseburgo
  4. Teodorico II di Wettin (989 ca.-1034), Margravio della Bassa Lusazia
  5. Thimo di Wettin, (1010 circa-1090/1091 o 1100 circa)Conte di Wettin e Brehna
  6. Corrado il Grande (1097 circa-1157), Margravio di Meissen
  7. Ottone II di Meissen (1125-1190), Margravio di Meissen
  8. Teodorico I di Meissen (1162-1221), Margravio di Meissen
  9. Enrico III di Meissen (1218-1288), Margravio di Meissen e Langravio di Turingia
  10. Alberto II di Meissen (1240-1314), Margravio di Meissen, langravio di Turingia e conte palatino di Sassonia
  11. Federico I di Meissen (1257-1323), Margravio di Meissen e Langravio di Turingia
  12. Federico II di Meissen (1310-1349), Margravio di Meissen
  13. Federico III di Meissen (1332-1381), Langravio di Turingia e Margravio di Meissen
  14. Federico I di Sassonia (1370-1428), marchese di Meißen, landgravio di Turingia e principe elettore di Sassonia
  15. Federico II di Sassonia (1412-1464), Principe elettore di Sassonia, marchese di Meißen e conte di Turingia
  16. Ernesto di Sassonia (1441-1486), Principe elettore di Sassonia
  17. Giovanni di Sassonia (1468-1532), Principe elettore di Sassonia
  18. Giovanni Federico I, elettore di Sassonia (1503-1554)
  19. Giovanni Guglielmo, duca di Sassonia-Weimar (1530 – 1573)
  20. Giovanni di Sassonia-Weimar (1570-1605), Duca di Sassonia-Weimar e di Jena
  21. Ernesto I di Sassonia-Gotha-Altenburg (1601-1675), Duca di Sassonia-Gotha e duca di Sassonia-Altenburg
  22. Giovanni Ernesto di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1658 – 1729), Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
  23. Francesco Giosea, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1697-1764)
  24. Ernesto Federico, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1724-1800)
  25. Francesco, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1750-1806)
  26. Leopoldo I del Belgio (1790-1865), Re del Belgio
  27. Filippo del Belgio, Conte di Fiandra

OnorificenzeModifica

Onorificenze belgaModifica

  Gran cordone dell'Ordine di Leopoldo

Onorificenze straniereModifica

  Croce d'onore di I classe dell'ordine principesco di Hohenzollern (Hohenzollern)
  Cavaliere di Gran Croce dell'ordine della Torre e della spada (Portogallo)
  Cavaliere d'onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
  Cavaliere dell'ordine del Toson d'oro (Spagna)
  Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 17 maggio 1856

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia del principe Filippo del Belgio, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 30 settembre 2009.
  2. ^ Maria José di Savoia, Giovinezza di una regina, Milano, Le Scie, Arnoldo Mondadori Editore, 1991.ISBN 88-04-35108-X

BibliografiaModifica

Damien Bilteryst, Philippe Comte de Flandre, Frère de Léopold II, Bruxelles, Editions Racine, juin 2014, 336 p. ISBN 978-2-87386-894-9

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81827294 · ISNI (EN0000 0000 5714 3847 · LCCN (ENn94019544 · GND (DE13766558X · BAV (EN495/192248 · WorldCat Identities (ENlccn-n94019544