Filippo I di Parma

aristocratico spagnolo
(Reindirizzamento da Filippo di Borbone)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Filippo di Borbone" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Filippo di Borbone (disambigua).
Filippo I
Felipe de Borbón, duque de Parma (Rusca).jpg
Ritratto di Filippo I dell'epoca, eseguito da Carlo Francesco Rusca
Duca di Parma, Piacenza e Guastalla
Stemma
In carica 18 ottobre 1748 –
18 luglio 1765
Predecessore Maria Teresa d'Austria (Parma e Piacenza)
Giuseppe Maria Gonzaga (Guastalla)
Successore Ferdinando I
Conte di Chinchón
In carica 1738-1761
Successore Luigi Antonio di Borbone
Trattamento Altezza reale
Altri titoli Infante di Spagna
Nascita Madrid, Regno di Spagna, 15 marzo 1720
Morte Alessandria, Regno di Sardegna, 18 luglio 1765
(45 anni)
Luogo di sepoltura Basilica di Santa Maria della Steccata, Parma
Casa reale Borbone di Parma
Padre Filippo V di Spagna
Madre Elisabetta Farnese
Consorte Elisabetta di Borbone-Francia
Figli Isabella Maria
Ferdinando
Luisa Maria
Religione Cattolicesimo
Firma The signature of the Duke of Parma in 1764.jpg

L'Infante di Spagna Filippo I di Borbone (Filippo I di Parma) (Madrid, 15 marzo 1720Alessandria, 18 luglio 1765) è stato il secondo Duca di Parma e Piacenza della dinastia Borbone, il primo del ramo Borbone-Parma di cui fu capostipite.

BiografiaModifica

 
L'allora infante di Spagna, Filippo di Borbone, in un ritratto del 1732

Filippo I era figlio di Filippo V, re di Spagna, e della sua seconda moglie Elisabetta Farnese; sua madre proveniva dalla nobile famiglia aristocratica italiana dei Farnese, che aveva retto il ducato di Parma per generazioni; egli venne cresciuto nei primi anni di vita a Madrid, ove ebbe modo di mostrare il proprio interesse per l'arte e la politica. Nel 1738 venne investito dal padre del titolo di conte di Chinchón, appartenente al Grandato di Spagna, a seguito dell'alienazione del suddetto titolo da parte di Giuseppe Sforza-Cesarini duca di Canzano.

Il 25 ottobre 1739, nella città spagnola di Alcalá de Henares, presso Madrid, Filippo sposò Elisabetta di Francia (1727-1759), principessa di Francia, figlia del re Luigi XV e di Maria Leszczyńska.

Nel 1744, durante la Guerra di successione austriaca, l'infante Filippo assunse il comando delle armate congiunte franco-spagnole nella campagna contro Carlo Emanuele III di Savoia, sostenuto dall'Austria. Il 15 settembre 1745 le truppe spagnole occuparono Parma ed il tenente generale marchese de Castellar raccolse l'atto di obbedienza del parmigianino a Elisabetta Farnese, segno di chiara volontà di sottomissione del popolo alla Spagna, alleata di sangue della dinastia dei Farnese che per secoli aveva regnato su quei territori. Nel dicembre di quello stesso anno, Filippo osò di più e si spinse nella volontà di conquistare Milano, ma venne bloccato dal generale austriaco Braun e dal generale Giovanni Luca Pallavicini, che assediarono Parma e la riportarono sotto il controllo austriaco.

Nel 1748, infine, Filippo divenne duca di Parma, Piacenza e Guastalla, assumendo il nome di Filippo I di Parma, in virtù degli accordi presi col Trattato di Aquisgrana, rimanendo in carica sino alla sua morte; su quel trono si era già seduto suo fratello Carlo.

Il duca Filippo sviluppò una politica illuministica, espansiva e giansenista. Con il sostegno di Guillaume du Tillot, suo primo ministro, introdusse riforme che sanarono le finanze, rinforzò il potere dello Stato, creò scuole pubbliche[1]. Fu proprio Tillot, nel 1768, dopo la morte dello stesso Duca Filippo, a decretare l'espulsione dell'Ordine dei Gesuiti e la confisca delle proprietà della Chiesa cattolica. Procedette anche alla soppressione dei tribunali ecclesiastici ancora presenti all'interno dei tre Ducati. Sempre in questa politica anticlericale rientra l'incamerazione dei Mezzani nel 1763, uno degli ultimi feudi vescovili del ducato. Tutto ciò fu possibile anche grazie all'abilità del duca e del ministro nell'ottenere e gestire a proprio favore l’amicizia personale con l'allora vescovo Francesco Pettorelli Lalatta[2].

Filippo I fu il capostipite del ramo Borbone-Parma della dinastia dei Borbone.

Il duca morì improvvisamente il 18 luglio 1765 ad Alessandria, dopo aver accompagnato la figlia Maria Luisa a Genova, da dove partì per raggiungere la Spagna e sposare l'Infante Carlo. Attraverso la figlia Maria Luisa, Filippo è un antenato dei Borbone-Spagna, Borbone-Due Sicilie e Borbone-Orléans.

DiscendenzaModifica

 
La famiglia ducale di Parma

Filippo ed Elisabetta ebbero tre figli:

AscendenzaModifica


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi XIV di Francia Luigi XIII di Francia  
 
Anna d'Asburgo  
Luigi, il Gran Delfino  
Maria Teresa d'Asburgo Filippo IV di Spagna  
 
Elisabetta di Borbone-Francia  
Filippo V di Spagna  
Ferdinando Maria di Baviera Massimiliano I, elettore di Baviera  
 
Maria Anna d'Asburgo  
Maria Anna Vittoria di Baviera  
Enrichetta Adelaide di Savoia Vittorio Amedeo I di Savoia  
 
Maria Cristina di Borbone-Francia  
Filippo I di Parma  
Ranuccio II Farnese Odoardo I Farnese  
 
Margherita de' Medici  
Odoardo II Farnese  
Isabella d'Este Francesco I d'Este  
 
Maria Farnese  
Elisabetta Farnese  
Filippo Guglielmo del Palatinato Volfango Guglielmo del Palatinato-Neuburg  
 
Maddalena di Baviera  
Dorotea Sofia di Neuburg  
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt Giorgio II d'Assia-Darmstadt  
 
Sofia Eleonora di Sassonia  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (ramo spagnolo)
  Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo

NoteModifica

  1. ^ costituì l'annona al posto della congregazione dell'Abbondanza
  2. ^ Umberto Benassi, Guglielmo Du Tillot. Un ministro riformatore del XVIII secolo (5ª parte), La politica ecclesiastica, ibid., XXIV, Parma, Deputazione di storia patria per le province parmensi, 1924, pp. 79-80.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN261625373 · ISNI (EN0000 0001 2120 4940 · LCCN (ENno2016042771 · GND (DE137838573 · BNF (FRcb14922790w (data) · BAV (EN495/57031 · CERL cnp01386403 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016042771