Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Mario Caserini.

Nelly la domatrice (1912)


La filmografia di Caserini riguarda soprattutto la sua attività registica, salvo alcuni titoli dei primissimi anni alla Cines, dove è stato anche interprete, che era poi la qualifica per cui era stato assunto. Va tuttavia tenuto conto di una prassi usuale agli albori della cinematografia quando sul set la distinzione dei ruoli non era così precisa come poi verrà definendosi negli anni successivi. Questa indeterminatezza, unita al fatto che le pellicole venivano inizialmente attribuite alla Casa di produzione e non a singoli realizzatori, comporta incertezza sull'attribuzione di determinate opere. Altra difficoltà è causata dalla scarsezza di indicazioni provenienti dalle fonti storiche, soprattutto i pochi periodici cinematografici dell'epoca, oltreché, naturalmente, dal fatto che molti di quei film sono andati perduti.

Di conseguenza le fonti consultate in non pochi casi divergono circa la presenza di determinate pellicole nella filmografia caseriniana (soprattutto nei primi anni), oppure nella precisa individuazione dell'anno di edizione di un film, in qualche caso anche nella esatta identificazione del titolo dell'opera. In tali casi dubbi, quando un titolo è presente in almeno una delle quattro fonti consultate (vedasi bibliografia), esso è stato inserito nella filmografia. I titoli alternativi sono indicati a fianco. Quando vi sono differenze circa l'anno di edizione, viene indicato quello che risulta nell'opera più recente (e forse anche più completa, in quanto frutto di successive ricerche) delle quattro consultate, cioè i volumi sul cinema muto italiano editi dal Centro Sperimentale di Cinematografia e dalla ERI.

Della vasta filmografia di Caserini (oltre 130 titoli) non si è salvato molto. Secondo le ricerche compiute da Aldo Bernardini e pubblicate nel volume Le imprese di produzione del cinema muto italiano (Bologna, Persiani, 2015) sono poco più di 30 i film, a volte non completi, oggi reperibili. Si tratta di opere conservate in varie cineteche o archivi, in diversi casi non in Italia. La quasi totalità di essi riguarda i primi anni alla "Cines" (1906 - 1910) e qualche titolo del 1911. Introvabili e dispersi sarebbe invece gran parte dei titoli del periodo torinese ("Ambrosio" e "Gloria", 1911 - 1914), così come quelli realizzati da Caserini al suo rientro a Roma, compresi quelli interpretati dalla Vergani. Quello che è da molti considerato il capolavoro di Caserini, Ma l'amor mio non muore (1913), è invece attualmente reperibile anche in DVD, essendo stato restaurato esattamente un secolo dopo grazie alla collaborazione tra Cineteca di Bologna e Museo nazionale del cinema di Torino.

1906Modifica

1907Modifica

1908Modifica

1909Modifica

1910Modifica

1911Modifica

1912Modifica

1913Modifica

1914Modifica

1915Modifica

1916Modifica

1917Modifica

1918Modifica

1919Modifica

1920Modifica

1921 (usciti postumi)Modifica

NoteModifica

  1. ^ Titolo citato in un articolo de La vita cinematografica - dicembre 1914 - ma non ripreso nelle filmografie delle fonti successive.
  2. ^ Pellicola non distribuita. Secondo La vita cinematografica cit., ebbe un seguito con un Pierrot innamorato.
  3. ^ In due filmografie (Enciclopedia dello spettacolo e Filmlexicon) questo titolo è indicato come opera del 1910.
  4. ^ Alcune fonti (Enciclopedia dello spettacolo; Prolo) lo situano nel 1908, probabilmente perché uscito, come da scheda de Il cinema muto, nel gennaio 1909.
  5. ^ Secondo la scheda de Il cinema muto la datazione al 1910 deriva da una notizia inglese. In Italia potrebbe essere uscito nel 1911.
  6. ^ titolo di produzione "Theatralia"
  7. ^ Titolo di produzione "Theatralia", ma attribuzione incerta.
  8. ^ Titolo di attribuzione incerta tra Camillo De Riso, Mario Caserini o Carlo Campogalliani, ma in una edizione del 1915.

BibliografiaModifica

Per la redazione della filmografia sono state consultate le seguente opere:

  • Maria Adriana Prolo, Storia del cinema muto italiano. Milano, il Poligono, 1951.
  • Roberto Paolella, voce Caserini nel Filmlexicon degli autori e delle opere, Roma, Edizioni di "Bianco e nero", 1961.
  • Maria Adriana Prolo, voce Caserini nella Enciclopedia dello spettacolo, Roma, Unedi, 1975.
  • Aldo Bernardini e Vittorio Martinelli, volumi sul cinema muto italiano relativi agli anni dal 1905 al 1921, editi in anni vari dal Centro Sperimentale di Cinematografia e dalla ERI - edizioni RAI, Roma.
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema