Filogonio di Antiochia

vescovo siro
San Filogonio

Patriarca di Antiochia

 
NascitaAntiochia
MorteAntiochia, 324
Venerato dachiesa cattolica e chiesa orientale
Ricorrenza20 dicembre
Attributibastone pastorale, palma
Filogonio
vescovo della Chiesa cattolica
Incarichi ricopertiVescovo di Antiochia
 
Consacrato vescovo314[1]
Deceduto324
 

San Filogonio di Antiochia (Antiochia di Siria, ... – Antiochia di Siria, 324) è stato un vescovo siro, venerato dalla chiesa cattolica e dalla chiesa orientale, vescovo di Antiochia dal 314 al 324.

AgiografiaModifica

Era sposato ed aveva una figlia, svolgeva la professione di avvocato, molto stimato per la sua equità. Oratore molto apprezzato per l'eloquenza e le doti morali, succedette a Vitale I a capo della chiesa d'Antiochia mentre era ancora laico. Resse quella diocesi con molta saggezza e sagacia. Insieme ad Alessandro iniziò la lotta contro l'arianesimo. Subì la persecuzione di Massimiano e Licinio, fu imprigionato e morì testimoniando la fede cristiana.

Le informazioni su di lui sono tratte da un'omelia di Giovanni Crisostomo, pronunciata in occasione del sessantesimo anniversario della sua morte, in cui però più che della vita e delle virtù di Filogonio, Giovanni parlò delle virtù necessarie per guadagnarsi il paradiso, e cioè altruismo, generosità, spirito pacifico e benefico. In quell'occasione parlò anche il patriarca Flaviano I di Antiochia, descrivendo ed elogiando la sua vita, ma la trascrizione di quest'encomio è andata persa.

CultoModifica

Il Martirologio romano fissa la memoria liturgica il 20 dicembre.

NoteModifica

  1. ^ Secondo la tradizione calcedonese.

BibliografiaModifica

  • Alban Butler, Il primo grande dizionario dei santi secondo il calendario, Casale Monferrato, Edizioni PIEMME S.p.A, 2001, ISBN 88-384-6913-X.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica