Apri il menu principale
Finestre inginocchiate di Palazzo Medici-Riccardi

La finestra inginocchiata è un tipo di apertura usata a partire dal Cinquecento, soprattutto in area toscana.

Si tratta di un tipo monumentale usato specialmente al pian terreno: il davanzale poggia su sostegni sporgenti che assomigliano a due "gambe" dal ginocchio in giù, da cui il nome. Tipica del periodo manierista e del barocco toscano, è di solito chiusa da una grata, incorniciata e coronata da timpano, a volte con decorazioni, spesso zoomorfe: per esempio, i due sostegni vengono spesso scolpiti come zampe leonine e talvolta lo spazio tra essi è decorato da un bassorilievo.

La prima finestra inginocchiata è tradizionalmente quella di palazzo Medici Riccardi a Firenze, attribuita a Michelangelo[1], che fu realizzata per occupare il grande arco di un portale che un tempo conduceva a una loggia di famiglia.

Tra gli architetti che si sono sbizzarriti nella creazione e decorazione di finestre inginocchiate ci furono Bartolomeo Ammannati e Bernardo Buontalenti.

NoteModifica

  1. ^ Ne rimane un disegno di sua mano a Casa Buonarroti e l'invenzione è citata anche da Vasari. Cfr. Le finestre inginocchiate di Palazzo Medici, in P. Ruschi, Michelangelo architetto, Cinisello Balsamo 2011, pp. 55-57.

BibliografiaModifica

  • AA.VV. Enciclopedia dell'Architettura, Garzanti, Milano 1996, ISBN 88-11-50465-1
  • Pevsner, Fleming e Honour, Dizionario di architettura, Utet, Torino 1978 ISBN 88-06-51961-1; ristampato come Dizionario dei termini artistici, Utet Tea, 1994

Altri progettiModifica

  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura