Apri il menu principale

Fiorenzuola di Focara

frazione del comune italiano di Pesaro
Fiorenzuola di Focara
frazione
Fiorenzuola di Focara – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
ComunePesaro-Stemma.png Pesaro
Territorio
Coordinate43°56′59.78″N 12°49′20.57″E / 43.94994°N 12.82238°E43.94994; 12.82238 (Fiorenzuola di Focara)Coordinate: 43°56′59.78″N 12°49′20.57″E / 43.94994°N 12.82238°E43.94994; 12.82238 (Fiorenzuola di Focara)
Altitudine177 m s.l.m.
Abitanti133[1] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale61010
Prefisso0721
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleD610
Patronosant'Andrea
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fiorenzuola di Focara
Fiorenzuola di Focara

«Poi farà sì ch'al vento di Focara,
non farà lor mestier voto né preco»

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, XXVIII Canto)

Fiorenzuola di Focara è una frazione del comune di Pesaro, parte della circoscrizione n. 6 "San Bartolo". È stata comune autonomo fino al 1929. Ad essa è stata aggregata nel 1869 la località Casteldimezzo.

Geografia fisicaModifica

Sorge su uno sperone roccioso a strapiombo sul Mare Adriatico, nel centro del Parco naturale regionale del Monte San Bartolo, a 11;km sia dal capoluogo comunale Pesaro e 8 km dalla località balneare di Cattolica.

StoriaModifica

  • Etimologia: Focara deriva dai fuochi che anticamente venivano accesi sul punto più alto del monte, per richiamare l'attenzione dei naviganti.

Insediamento romano di antica origine, in ragione della posizione strategica su uno dei pochissimi promontori dell'Adriatico settentrionale (l'unico, da Trieste ad Ancona), Fiorenzuola e il suo castrum furono parte di quel sistema difensivo (composto inoltre da Casteldimezzo, Gradara e Granarola) edificato fra il X e il XII secolo e volto al controllo del confine fra la curia ravennate e quella pesarese, e successivamente fra i Malatesta di Rimini e quelli di Pesaro. Nel XII secolo venne inoltre edificata la chiesa di Sant'Andrea, della quale rimane intatto il solo suggestivo campanile, di certo rilievo architettonico.

SpiaggiaModifica

Dalla cima della collina a strapiombo sul mare partono alcune stradine, più o meno tortuose, che portano fino a riva. Molti giovani ogni estate trascorrono parte delle loro giornate in questo splendido luogo ancora incontaminato dal turismo di massa.

NoteModifica

  1. ^ Dati Censimento ISTAT 2001, su dawinci.istat.it. URL consultato il 28 ottobre 2008.

Altri progettiModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche