Apri il menu principale

Florizel von Reuter

Florizel von Reuter nel 1911 circa

Florizel von Reuter (Davenport (Iowa), 21 gennaio 1890Waukesha, 10 maggio 1985) è stato un violinista e insegnante statunitense.

Florizel von Reuter fu un violinista, compositore di origine americana, attivo soprattutto in Germania. Fu anche medium e autore di diversi libri sulle sue presunte comunicazioni medianiche con musicisti deceduti. Fu soprannominato Paganini Redivivus.

BiografiaModifica

Florizel Reuter nacque il 21 gennaio 1890 a Davenport (Iowa, Stati Uniti). Ebbe le sue prime lezioni di violino da sua madre Grace. Bambino prodigio, dimostrò un talento straordinario e nel 1899 si recò a studiare a Londra. Fu allievo di Max Bendix, Emile Sauret, César Thomson e Henri Marteau. Nel 1901 completò gli studi al Conservatorio di Ginevra. Il suo primo concerto professionale fu a La Chaux-de-Fonds in Svizzera nel 1900. Dopo aver tenuto 30 concerti in Svizzera intraprese una serie di tournée negli Stati Uniti.[1] La preposizione "von” al cognome Reuter fu strategicamente aggiunta in relazione con la sua carriera europea, per accattivarsi l’aristocrazia tedesca.

Oltre alle sue tournée concertistiche, nel 1916-1917 Florizel von Reuter assunse la direzione dell'Accademia musicale di Zurigo. Durante gli anni '20 sua madre sviluppò apparenti poteri psichici ricevendo presunti messaggi spirituali attraverso la scrittura automatica. Florizel si impegnò a fondo in questo e agì come medium e come “registratore” delle scoperte, che furono descritte per la prima volta nella monografia The Psychic Experiences of a Musician (in Search of Truth) prefazionata da Sir Arthur Conan Doyle[2] e in The Consoling Angel.[3] Questi in particolare descrivevano le presunte conversazioni con famosi musicisti defunti. I suoi primi importanti contatti sarebbero stati Paganini e Pablo de Sarasate. Seguirono altri messaggi di Giuseppe Tartini, Pietro Locatelli, Karol Lipiński, Pierre Baillot, Charles Auguste de Bériot, Henri Vieuxtemps, Joseph Joachim (che avrebbe inviato messaggi ai suoi parenti, le violiniste Jelly d’Arányi e Adila Fachiri), Ferdinand Hérold, Édouard Lalo, Max Reger, Nikolaj Rimskij-Korsakov e Edvard Grieg. I suoi presunti scambi con gli spiriti furono descritti nel suo libro A Musician's Talks with Unseen Friends[4]

Dal 1931 al 1933 fu professore di violino all'Accademia di Musica di Vienna. Nel corso degli anni '30 ha mantenuto una doppia attività di interprete e insegnante, soprattutto in Germania. Realizzò diverse registrazioni solistiche per la Polydor Records, ma anche lavori per ensemble da camera (1935-1936) con Elly Ney, Max Strub (violino), Walter Trampler (viola), Ludwig Hoelscher (violoncello), e sotto la direzione di Willem van Hoogstraten. Von Reuter rimase in Germania fino alla fine degli anni Quaranta, per poi tornare negli Stati Uniti. Si stabilì a Waukesha (Wisconsin) e divenne la spalla della Waukesha Symphony Orchestra, insegnando ancora nei primi anni ‘80. Durante gli anni '70 e '80 ha dato molti "concerti d’addio". Von Reuter morì nel sonno a Waukesha il 10 maggio 1985.

NoteModifica

  1. ^ Nelle tournée statunitensi fu presentato come un protégé di Joseph Joachim
  2. ^ Simpkin, Marshall, Limited and The Psychic Press, 1928
  3. ^ 1928
  4. ^ Londra, Rider 1931

RevisioniModifica

  • Niccolò Paganini, 24 Capricen für Violine allein, op. 1, rev. F. von Reuter, Leipzig, Eulenburg, 1924
  • Max Reger, Andante e Rondò Capriccioso per violino e orchestra op. 147; rielab. di F. von Reuter col nuovo titolo: Sinfonische Rhapsodie

ScrittiModifica

  • Führer durch die Solo-Violinmusik. Eine Skizze ihrer Entstehung und Entwicklung mit kritischer Betrachtung ihrer Hauptwerke, Berlin, M. Hesse, 1926
  • The Psychic Experiences of a Musician, Simpkin, Marshall, Limited and The Psychic Press, 1928
  • The Consoling Angel, 1928
  • A Musician Talks With Unseen Friends, Londra, Rider, 1931
  • The Additor Experiments for Members of the British College of Psychic Science, in «Psychic Science», Vol. IX n. 4, (January 1931), pp. 284-291
  • Great People I Have Known, Freeman Printing, 1961
  • The Twilight of the Gods (Hitler's Berlin: A Novel, by an American Who Experienced It, Cultural Press, 1962
  • Maiden Worlds Unconquered, Eleven Fiction Tales of Love Through the Ages, Cultural Press, 1967
  • The Master From Afar: A Flight into the Past as it Might Have Been, Carlton Press, 1972

Selezione di composizioniModifica

  • Chanson triste per violino e pianoforte (1909)
  • Danses roumaines per violino e orchestra, op. 2 n. 1 (1909)
  • Old American Negro Songs per violino e pianoforte (1931)
  • Suite after Caprices of Pietro Locatelli per violino solo (1925)
  • Variations on a Funeral March (Original Theme) per violino solo (1925)

BibliografiaModifica

  • John Sugden, Niccolo Paganini, supreme violinist or devil's fiddler?, Midas Books, 1980, pp. 152-157
  • -, voce Florizel von Reuter, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti (diretto da Alberto Basso), Utet, Torino, Le Biografie, Vol. VI, 1988, p. 312
  • Tully Potter, Florizel von Reuter Psychic Fiddler, [Paganini’s spirited pupil], in «The Strad», anno 104 (1993), pp. 1160-1165
  • Philippe Borer, The Twenty-Four Caprices of Niccolò Paganini, their significance for the history of violin playing and the music of the Romantic era, Zurigo, Michel Scherrer, 1997, pp, 269 e 286
  • Philippe Borer, La Pagina e l'Archetto, bibliografia violinistica storico-tecnica e studi effettuati su Niccolò Paganini, Genova, Comune di Genova, 2003, p. 61
  • Melvyn J. Willin, Music, Witchcraft and the Paranormal, Melrose Books, Cambridgeshire (UK), 2005, pp. 56-60
  • Mark Katz, The Violin, A Research and Information Guide, New York-London, Routledge, 2006, pp. 149-150

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52442048 · ISNI (EN0000 0001 0971 8914 · LCCN (ENno2003015043 · GND (DE11645511X · NDL (ENJA00525499 · WorldCat Identities (ENno2003-015043