Floro (prefetto del pretorio)

prefetto del pretorio

Floro (latino: Florus; floruit 380-383; ... – ...) fu un importante funzionario dell'Impero romano.

BiografiaModifica

Fu magister officiorum in Oriente, sotto l'imperatore Teodosio I, tra il 380[1] e il 381.[2]

Tra il 16 gennaio e il 30 luglio 381 divenne prefetto del pretorio d'Oriente, succedendo a Neoterio; mantenne la carica fino al 383.

Fu probabilmente il padre della Proiecta sposa di Turcio Secondo e proprietaria del cofanetto di Proiecta; fu probabilmente padre anche di Emilio Floro Paterno e fratello di Emilia Paterna Eunomia.

NoteModifica

  1. ^ Attestato in carica il 16 giugno, data della legge conservata nel Codice teodosiano VI.27.3.
  2. ^ Codice teodosiano VI.29.6, del 3 febbraio; è però possibile che fosse magister officiorum ancora il 17 giugno, data della legge VIII.15.6, sebbene lì sia già indicato come prefetto del pretorio.

BibliografiaModifica

  • «Florus 1», PLRE I, pp. 367–8.
  • Alan Cameron, Jacqueline Long, Lee Sherry, Barbarians and Politics at the Court of Arcadius, University of California Press, 1993, ISBN 9780520065505, p. 184, n. 141.